Societá

Attivitá SIGG

Bollettino SIGG: Numero 4, Aprile 2006


Direttore Responsabile
Nicola Ferrara

A cura di
Vincenzo Canonico
Tel. e fax 081 7464297
e-mail: vcanonic@unina.it

Scarica il bollettino:

Editoriale

Si é svolto dal 21 al 23 aprile u.s., a Firenze nel Palazzo dei Congressi, l´International Anti-aging Medicine Symposium & (sic) Exposition. La prima sessione moderata da Umberto Scapagnini e Claudio Cricelli era sull´Anti-aging and quality of life, la seconda era su Biology and basic aging mechanisms, la terza su Brain aging and cellular stress response, la quarta su Cutaneous aging: from biology to medical therapy, la quinta su Endocrinology and anti-aging medicine, la sesta Beyond the Mediterrean diet: the new wellness nutrition…Vi faccio questa lista per raccontare di come si stia tentando di lanciare, giocando tra scienza/pseudoscienza e desideri antichi dell´uomo, una nuova strategia per combattere l´invecchiamento, l´anti-aging medicine. Insomma dobbiamo combattere la scarsa cultura geriatrica del paese, la distanza dei politici e degli amministratori, le gelosie ed i dubbi dei medici…e adesso anche una banda di furbacchioni che pretendono di non far invecchiare! Come? Utilizzando il dato che dice che l´antiossidazione nel topo ha allungato la vita ti prescrivo un mix di anti ossidanti, spremendo il fatto che il gh (ormone della crescita) ha fatto correre piú velocemente il ratto te lo prescrivo, siccome il DHEA nei primati etc etc etc. Poi é anche vero che il resveratrolo (nel vino) forse ha proprietá tali da giustificare il fatto che un po´ di vino allunga la vita, che la vitamina D é decisiva in alcune situazioni di metabolismo osseo e fa cadere di meno, che la restrizione calorica…ma insomma: ancora di dimostrato che ritardi l´invecchiamento ″per se″ non c´é alcunché. Nell´uomo. Ripeto che nell´animale o nelle singole cellule o nei singoli orfanelli cellulari i laboratori di tutto il mondo producono dati spesso addirittura affascinanti e che dobbiamo scrupolosamente registrare, ma mai preparare il nostro personale misto di vitamine, integratori, ormoni e chissá che altro per ″prevenire″ la vecchiaia.
 Il sospetto é che gli americani che hanno iniziato con l´American Academy of Anti Aging Medicine (4As) la strada dei cocktail anti invecchiamento, l´abbiano fatto per scopi che con la scienza e, comunque, la risoluzione del problema, hanno poco a che fare.
Con il coordinamento della FIRI ci riuniremo ai primi di luglio per fare il punto sui dati concreti e riflettere come SIGG su queste tematiche che al Congresso saranno trattate. Chi é interessato, abbia opinioni o domande…batta un colpo!

Roberto Bernabei 
R. Bernabei

Notizie dal VI Congresso dell´Associazione Italiana Psicogeriatria

Il Congresso Nazionale dell´Associazione Italiana Psicogeriatria (AIP) tenuto recentemente a Gardone Riviera, giunto alla VI edizione, é stato come sempre ricco di eventi scientifici, di manifestazioni culturali, di confronti e discussioni tra esperti nelle diverse sessioni, il tutto in un ambiente ed un clima particolarmente favorevoli. E´ stata confermata ancora una volta la validitá di un modello associativo, fondato in Italia alla fine degli anni 90 dai Proff. Scapicchio e Trabucchi, che ha permesso a geriatri, neurologi e psichiatri in questi anni di confrontarsi in numerose occasioni e lavorare insieme alla cura del paziente anziano con disturbi della sfera neuropsichiatrica. Da Gardone si torna sempre arricchiti culturalmente, riteniamo utile, anche quest´anno, riportare nel nostro Bollettino una sintesi degli avvenimenti piú importanti da far conoscere ai Soci SIGG. Per gli argomenti scientifici e culturali trattati nelle letture magistrali, nelle relazioni e durante le sessioni poster rimandiamo al sito dell´associazione (www.psicogeriatria.it) e ad un report in preparazione dalla segreteria organizzativa, di cui daremo notizia in futuro. Si é insediato il nuovo Consiglio Direttivo dell´AIP, eletto nel dicembre scorso, che ha nominato Presidente per i prossimi anni il Prof. Umberto Senin, dopo la scadenza del mandato del Prof. Scapicchio. E´ un impegno gravoso per il neo Presidente condurre l´Associazione dopo la presidenza del Prof. Trabucchi che ha posto le basi culturali e scientifiche dell´AIP selezionando obiettivi e strategie risultate vincenti e dopo la guida del Prof. Scapicchio, che in questi anni ha mantenuto ed incrementato significativamente il livello culturale dell´AIP, favorendo in particolare l´integrazione con i maggiori psichiatri in campo nazionale, di cui gode della stima e di un indiscusso riconoscimento di prestigio e competenza.
Sempre a Gardone durante la Cerimonia Inaugurale é stato presentato ufficialmente il volume ″Paziente anziano, Paziente geriatrico, Medicina della complessitá″ del Prof. Senin e Suoi preziosi Collaboratori. Si tratta della II edizione di un libro che costituí all´epoca della prima uscita un´autentica innovazione per i suoi contenuti e per aver affrontato tematiche complesse con un approccio prettamente geriatrico, molto conosciuto ed apprezzato dai geriatri, dagli specializzandi, dagli studenti e da chiunque si confrontava con il mondo degli anziani. L´edizione attuale, che certamente sará oggetto di frequente consultazione sia per piacere di lettura, ma anche per aggiornamento o esigenze didattiche, é stata arricchita di nuovi argomenti, modificata ed ampliata alla luce delle evidenze scientifiche internazionali, e contiene un ampio corredo di tabelle, tavole e 250 figure a colori che contribuiscono ad arricchire il volume ed i singoli argomenti. Presentiamo nelle pagine successive, come doveroso riconoscimento all´importanza dell´opera, la presentazione del Prof. Trabucchi inserita nelle prime pagine del volume, e la trascrizione del discorso tenuto dal Prof. Scapicchio durante la cerimonia di Gardone in cui é stato presentato il libro, in un´atmosfera non solo culturale, ma anche di amicizia e stima da parte di tanti colleghi presenti, che conoscono ed apprezzano il Prof. Senin ed il Suo ″mondo geriatrico″.  
Siamo all´inizio della stagione degli eventi formativi SIGG. Ogni mese fino alla pausa estiva ne abbiamo uno importante che merita la massima attenzione, vista la qualitá degli argomenti trattati. Si comincia con il Contempo in Geriatria e Gerontologia tra qualche giorno a Roma e si continua con le due edizioni di Summer School. Ottimo il numero dei crediti ECM ottenuto, indicato nella pagina degli eventi. La segreteria di Firenze é a disposizione per iscrizioni ed informazioni.

Vincenzo Canonico
V. Canonico

Presentazione del volume: Paziente anziano, Paziente geriatrico, Medicina della complessitá

″Io e l´anziano fragile″: il titolo della lezione inaugurale tenuta da Umberto Senin al 50° Congresso Nazionale della Societá Italiana di Gerontologia e Geriatria esprime meglio di altre parole il rapporto forte che si é creato nel pensiero e nell´elaborazione dell´illustre collega tra la scienza e l´esperienza, tra la formalizzazione teorica ed il vissuto del grande medico. Questo volume, del quale mi é stato fatto l´onore di scrivere la presentazione, é il frutto piú maturo ed avanzato di un modello interpretativo della medicina dell´anziano fragile che ha trovato nell´ultimo decennio in Senin uno studioso attento, volto alla ricerca e all´innovazione, coraggioso nell´affrontare dibattiti non facili pur di difendere le sue posizioni.
Il professor Senin ha rappresentato un punto fermo nel traghettare la geriatria da scienza generosa ma intuitiva, ad assieme di conoscenze fondate su dati ottenuti attraverso studi controllati. Il percorso é peró ancora difficile e lungo, perché la definizione di una cultura geriatrica che accetti la complessitá, ma allo stesso tempo sia in grado di affrontare analiticamente i problemi clinici dell´anziano richiede impegno, studi, sperimentazioni. Fino ad oggi una parte non piccola del metodo geriatrico é fondata su premesse ″ideologiche″; il futuro di analisi e ricerche deve mirare ad un allargamento delle conoscenze scientifiche che consentano l´armonica sintesi tra complessitá e specificitá.
Questo volume sará utilissimo per i medici che con ruoli diversi si devono confrontare con l´anziano fragile. Certamente aiuterá coloro che sono formalmente geriatri, ma anche quelli che hanno compreso che le evidenze demografiche ed epidemiologiche impongono un approccio al vecchio ammalato che non puó essere il semplice adattamento di nozioni e di prassi valide per il giovane e per l´adulto. L´allargamento del numero dei medici attenti alla cultura geriatrica é un aspetto particolarmente delicato; infatti, da una parte viviamo con orgoglio la diffusione di idee da noi coltivate, difese ed affinate in anni di difficile lavoro, dall´altra non possiamo nascondere il rischio di una banalizzazione di modelli interpretativi ed operativi. In quest´ottica il volume di Senin é particolarmente importante, perché nulla concede al di fuori dell´″ortodossia geriatrica″. Vi si trovano inoltre molte informazioni necessarie per la pratica clinica, assieme agli strumenti per approfondire le conoscenze, percorrendo un itinerario formativo personale. Quindi un libro davvero importante, anche se non facile (non tanto per lo stile sempre chiaro e didascalico, ma per il peso di affermazioni talvolta controcorrente in modo radicale!).
Il volume di Senin e dei suoi allievi (non voglio dimenticarmi di loro, non solo per il contributo importante dato alla preparazione del volume, ma soprattutto perché sono la testimonianza piú concreta di una scuola che, attorno ad idee forti, ha raccolto medici e studiosi di notevole valore) avrá certamente successo. L´augurio mio personale e della geriatria italiana non é peró rivolto al volume, che non ne ha bisogno, ma alle idee che difende e diffonde: quelle di una medicina in grado di affrontare i problemi dell´anziano assicurandogli -grazie ad una cultura rinnovata- risultati di salute migliori di quanto non era possibile fino a pochi anni or sono.La sfida che abbiamo davanti é enorme, anche se non ci facciamo impressionare dall´″epidemiologia negativa″; ma, se la nostra cultura ci assicura che sono sempre possibili piccoli passi in avanti nella qualitá dei processi di cura, cercando di mettere in rete le conoscenze biologiche con quelle cliniche ed organizzative, allora é possibile guardare con ottimismo al futuro. E questo volume si inserisce in un filone di ottimismo, perché leggendolo si comprende che abbiamo giá molte chiavi interpretative della realtá umana e clinica delle persone che invecchiano. Inoltre il progresso continua in modo rapido; lo stesso confronto tra la prima e questa edizione del libro permette di capire che gli avanzamenti sono stati importanti, sebbene occorra una cultura allenata per la stessa comprensione delle aree di avanzamento. Anche il lettore dotato di sensibilitá geriatrica, se compie un´analisi accurata del proprio atteggiamento di cura, ritroverá le tracce di un continuo progresso; chi scrive riconosce che ogni anno il contenuto dei suoi atti di cura é divenuto piú maturo, sereno, e certamente piú efficace. Nulla peró arriva per caso ed anche la possibilitá di una lettura ottimistica della propria collocazione di medici di fronte a compiti apparentemente molto difficili é frutto di studi, di impegno, di sperimentazioni, della continua ricerca di modalitá per affinare metodi e strumenti. A questo proposito mi permetto di richiamare l´attenzione del lettore sul dovere di compiere studi che si fondino allo stesso tempo su grandi data base e sull´analisi del singolo caso. Questa duplicitá é la migliore esemplificazione del fondamento culturale della geriatria: creare un ponte tra la grande differenziazione individuale (costruita dagli anni e dalla storia umana e clinica) e le condizioni generali, la cui definizione origina dall´epidemiologia, integrata dagli studi di intervento.
Qualcuno sostiene che noi siamo impotenti come Sisifo e disperatamente ingenui come don Chisciotte: io invece ritengo che la passione per il metodo geriatrico continui ad aprire nuove porte, con importanti ed indiscutibili progressi clinici. Quindi non combattiamo contro i mulini a vento, ma contro una realtá che vogliamo e possiamo cambiare, quella che vorrebbe indurci a considerare la vecchiaia un momento senza speranza. Il volume del mio fraterno amico Umberto offre grandi speranze in questa direzione.

Marco Trabucchi


Senin ha compiuto veramente un´operazione geniale a chiamarmi a presentare il suo libro, non avrebbe dovuto chiamare nessun altro a meno che fosse un ″non geriatra″, come sono io, e ritengo un atto di intelligenza dire ad un ″non geriatra″: ″presenta un libro di geriatria″, perché questo ci permette di vedere quel libro con occhi piú autentici, con occhi piú disincantati, con occhi non coinvolti da essere parte di ció che é contenuto in quel libro.
A me sembra, proprio da ″non geriatra″, un vero libro di geriatria. In effetti che cos´é un vero libro di geriatria?  Io ne ho visti tanti di trattati e di manuali geriatrici perché ″chi va con lo zoppo″ inevitabilmente ″impara″ a zoppicare. Arrivano sul mio tavolo libri di geriatria da ogni parte, e per la prima volta mi rendo conto che, scorrendo l´indice, atto sostanziale per giudicare a prima vista un libro, non trovo nulla di medicina interna applicata al vecchio. Qui non trovate il capitolo sul diabete, il capitolo sull´ipertensione, qui trovate la geriatria vera; state un po´ a sentire i titoli di alcun capitoli di questo libro: ″sensazione di sbandamento″, un altro capitolo ″fratture″, un altro ″lesioni cancerose della pelle″, un altro ″incontinenza urinaria″, un altro ″depressione″, vorrei continuare ma poi c´é la neurologia, la psichiatria, l´ortopedia, l´urologia, la dermatologia, c´é il vecchio in una parola, il distacco culturale della medicina interna che si occupa del paziente anziano dalla geriatria vera, come questo libro finalmente testimonia e manifesta, é abissale. Tenete presente che dietro questa divaricazione, che non é di poco conto per chi finalmente legge un libro organico sull´anziano, il mondo che Senin descrive é quel mondo della complessitá a cui ci stiamo riferendo da stamattina. Non ho capito perché in copertina non sia apparso il terzo elemento del titolo che era proprio quello riguardante la medicina di complessitá, sospettavo pesantemente dell´intelligenza dei grafici e degli editori, cosa che poi mi é stata confermata dall´autore, o per meglio dire dagli autori perché é giusto dare plauso a tutta la sua  scuola che l´ha accompagnato in questa fatica a quattro alla quale so che ne seguiranno delle altre.
 Mi ha confermato Umberto che i furbissimi grafici della casa editrice hanno stabilito che una terza riga di titolo non era esteticamente accettabile e tra le tre, dovendo lasciare per forza di traino commerciale la parola ″geriatrico″, la parola ″anziano″, é sparita questa parola ″complessitá″ che avrebbe reso invece conto e ragione di tutto ció che ha scritto nel suo libro perché é un libro non soltanto da consultare, non solo da leggere. E´ appassionante il modo nel quale scorrono le righe, con il quale si riesce facilmente ad acquisirne il contenuto, poi Umberto é stato estremamente bravo a porci gran parte dei suoi contenuti in riassunti, in schemi, in tabelle. C´é da saccheggiarlo dal punto di vista iconografico per preparare diapositive, per cercare di trovare riferimenti sintetici, tutta una serie di espressioni che, se affidate alla sola parola, sarebbero comunque ridondanti.  E´ un libro che non parla solo di clinica, non parla solo di dimensioni complesse come quelle che da sempre siamo abituati a considerare, ma é un libro che non finisce negli scaffali, l´idea dell´acquisto non é promozionale, ecco noi potremmo anche sembrare degli imbonitori ma é forse la prima volta che, oltre a vedere un vero libro di geriatria, io mi accorgo di vedere un libro che posso leggere, che posso tenere sul tavolo e non isolare in uno scaffale.
  Questo mi sembra sia il miglior pregio che io possa trovare nell´ambito di una produzione abbondante come quella che contraddistingue il nostro ambito professionale ed é un titolo di merito anche essere uscito dall´anonimato, essere uscito dalla massa della produzione di queste opere per trovarsi su un ruolo diverso.
Vedete che non sto assolutamente colorando la realtá per essere obiettivo nei confronti di un amico, é un dato reale che i non geriatri colgono immediatamente ma che i geriatri, grazie al ″geriatric pride″ come ha ricordato Marco Trabucchi, probabilmente rinforzeranno.
C´é orgoglio geriatrico, peró c´é orgoglio anche psicogeriatrico perché queste cose i geriatri ce le hanno insegnate, noi con fatica le abbiamo fatte nostre perché si trattava di modificare l´orientamento culturale ormai reiterato nell´ambito dell´alta disciplina alla quale appartengo ma penso di poter parlare anche per i neurologi, alla fine questo insegnamento é passato, é filtrato attraverso le barriere dell´isolamento nozionistico perché é diventato cultura e ha praticamente travolto ogni argine, ogni mediazione frenante rispetto alla posizione di tutto ció che lui ci descrive, una chiave di lettura, una cifra, é un libro nostro, ecco mi dispiacerebbe che qui a Gardone potessimo pensare che Marco ed io abbiamo presentato un libro di geriatria, niente affatto, questo é un grande libro dell´anziano, é un libro nostro che accomuna i neuropsicogeriatri nella collocazione culturale a ció che lui ci rappresenta e di questo allora non devono essere orgogliosi solo i  geriatri, ma devono essere orgogliosi tutti quelli che qui a Gardone da sei anni stanno costruendo una cultura alternativa a quella dominante che ci ha un po´ soffocato per tanti anni.

Pier Luigi Scapicchio

Indice sintetico degli argomenti trattati nel volume
Capitolo 1  Invecchiamento della popolazione e suo impatto sul sistema socio-sanitario 
1.1 Demografia dell´invecchiamento nel XXI secolo
1.2 Italia: il paese piú vecchio del mondo
1.3 Epidemiologia dell´invecchiamento
1.4 L´invecchiamento al femminile
1.5 Invecchiamento della popolazione in Italia: una emergenza  Capitolo 2  Invecchiamento della popolazione e medicina della complessitá
2.1 La crisi della medicina ″tradizionale″
2.2 L´inadeguatezza della formazione
2.3 L´inadeguatezza della medicina basata sull´evidenza (EBM) nel paziente anziano
2.4 Impatto della razionalizzazione della spesa sanitaria sul paziente anziano 
2.5 L´inadeguatezza nel paziente anziano del sistema di pagamento del ricovero ospedaliero basato sui DRG 
2.6 Il ruolo della medicina geriatrica   Capitolo 3   Biologia dell´invecchiamento
3.1 Definizione e significato dell´invecchiamento
3.2 Caratteristiche generali dell´invecchiamento
3.3 Classificazione dell´invecchiamento
3.4 Invecchiamento tra genetica e ambiente
3.5  Meccanismi dell´invecchiamento  
3.6  Fattori responsabili della differente aspettativa di vita tra i due sessi
3.7  Espressioni dell´invecchiamento
 
Capitolo 4   Fisiologia dell´invecchiamento
4.1  Norma e normalitá in gerontologia 
4.2  L´omeostasi nell´invecchiamento 
4.3  Invecchiamento ed apparato tegumentario
4.4  Invecchiamento ed organi di senso: occhio 
4.5  Invecchiamento ed organi di senso: orecchio 
4.6  Invecchiamento e muscolo scheletrico (sarcopenia) 
4.7  Invecchiamento e tessuto osseo
4.8  Invecchiamento e cartilagine articolare
4.9  Invecchiamento e cuore
4.10  Invecchiamento e sistema vascolare
4.11 Invecchiamento ed apparato respiratorio
4.12  Invecchiamento ed apparato urinario
4.13  Invecchiamento ed apparato gastrointestinale
4.14  Invecchiamento e cervello
4.15 Invecchiamento e sistema endocrino
4.16  Invecchiamento e sistema immunitario Capitolo 5  Il paziente anziano
5.1  Considerazioni generali
5.2  Elementi di specificitá
5.3  La valutazione clinica del paziente anziano Capitolo 6   L´anziano fragile 
6.1  L´anziano fragile: una nuova entitá clinica
6.2  La dimensione epidemiologica  
6.3 Fisiopatologia della fragilitá
6.4 Clinica della fragilitá
6.5 La VDM nell´anziano fragile
6.6 Proposte terapeutiche per l´anziano fragile
6.7 L´assistenza all´anziano fragile Capitolo 7   La sindrome geriatrica 
7.1 Definizione
7.2 L´approccio clinico
 
Capitolo 8   Sensazione di sbandamento, instabilitá e vertigini
8.1 Introduzione
8.2 Sensazione di sbandamento
8.3  Instabilitá posturale
8.4 Vertigine (capogiro)
 Bibliografia Capitolo 9  Cadute e fratture  
9.1 Epidemiologia delle cadute nell´anziano
9.2 Fisiopatologia
9.3 Conseguenze
9.4 Traumi cerebrali
9.5 Fratture
9.6 Valutazione dell´anziano con storia di cadute
9.7 Prevenzione delle cadute a domicilio
9.8 Prevenzione delle cadute  in residenza
 Bibliografia Capitolo 10  Immobilitá e sindrome da immobilizzazione  
10.1  Introduzione 
10.2  Epidemiologia 
10.3  Elementi di fisiopatologia 
10.4 La sindrome da immobilizzazione
 
Capitolo 11  Incontinenza urinaria 
11.1 Introduzione
11.2 Anatomia e fisiologia della minzione
11.3 Effetti dell´invecchiamento sull´apparato urinario
11.4 Classificazione fisiopatologica
11.5 Diagnosi
11.6 Terapia Capitolo 12   Deterioramento mentale e demenze
12.1 Introduzione
12.2 Declino cognitivo associato all´invecchiamento: fra normalitá e patologia
12.3 Le demenze nell´anziano
12.4 Classificazione delle demenze
12.5 L´approccio clinico all´anziano con disturbi cognitivi Capitolo 13   Depressione
13.1  Introduzione  
13.2  Inquadramento nosografico 
13.3  Epidemiologia 
13.4  Eziopatogenesi  
13.5  Problematiche diagnostiche 
13.6 Depressione e comorbilitá
13.7 Depressione e disabilitá
13.8 Depressione e mortalitá
13.9 Strategie di prevenzione
13.10 Principi di terapia
 
Capitolo 14   Delirium
14.1 Inquadramento nosografico
14.2 Epidemiologia
14.3 Eziopatogenesi
14.4 Fattori predisponenti e fattori precipitanti
14.5 Significato prognostico
14.6 Delirium e demenza
14.7 Diagnosi
14.8 Principi di prevenzione
14.9 Principi di terapia Capitolo 15   Scompenso cardiaco 
15.1 Epidemiologia
15.2 Eziologia e fattori precipitanti
15.3 Quadro clinico
15.4 Approccio diagnostico
15.5 Approccio terapeutico
15.6 Scompenso cardiaco refrattario Capitolo 16   Scompenso terminale (failure to thrive)  Capitolo 17  Il farmaco come causa di malattia nell´anziano 
17.1  Introduzione 
17.2  Epidemiologia 
17.3  Fattori causali 
17.4  Fattori causali nell´anziano 
17.5 Prescrizione non ottimale
17.6 Non aderenza alla terapia
17.7 Prevenzione delle ADE/ADR Capitolo 18   Problemi clinici ricorrenti in medicina geriatrica 
18.1 Sincope
18.2 Sindrome del malato eutiroideo
18.3 Impatto della temperatura ambientale sull´anziano fragile
18.4 Disidratazione ed altri disturbi idro-elettrolitici
18.5 Lesioni precancerose e cancerose della pelle nell´anziano Capitolo 19   La riabilitazione in geriatria 
19.1 La riabilitazione
19.2 Riabilitazione aspecifica
19.3  Riabilitazione specifica Capitolo 20   Dilemmi etici in geriatria
20.1  L´etica e i suoi principi
20.2  Il consenso informato in geriatria
20.3  La contenzione nell´assistenza all´anziano
20.4  Problemi di fine vita Appendici
1  Principi di comportamento in medicina geriatrica
2  La metodologia assistenziale geriatrica. Evidenze di efficacia
2 La valutazione multidimensionale geriatrica. Strumenti
3 La utilizzazione della valutazione multidimensionale per l´anziano fragile nella rete dei servizi. Linee-guida
4 L´unitá geriatrica per acuti (UGA) nella rete dei servizi
5 Le residenze sanitarie assistenziali. Linee-guida della Societá Italiana di Gerontologia e Geriatria
7  Carta dei diritti degli anziani non autosufficienti


Eventi SIGG 2006

CONTEMPO 2006 (CREDITI ECM N. 7)
″Contempo in geriatria e gerontologia″
Roma, 15-16 maggio 2006
Centro Congressi Europa dell´UCSC

SUMMER SCHOOL 2006
″Good practices in geriatrics″
San Giovanni Rotondo, 25-29 giugno 2006 (CREDITI ECM N. 19)

″I Fondamenti della Geriatria″
Folgaria, 2-6 luglio 2006 (CREDITI ECM N. 31)

FESTA DEL NONNO
2 ottobre 2006

INCONTRO CON GLI SPECIALIZZANDI IN GERIATRIA DEL 3° ANNO
Roma, 27-28 ottobre 2006

51° CONGRESSO NAZIONALE (Dead-line invio abstract 15 giugno 2006)
″La longevitá del Paese: risorsa e problema″
Firenze, 29 novembre-3 dicembre 2006

7° Corso Multiprofessionale di Nursing
"Il nursing geriatrico: un approccio centrato sulla persona"
30 novembre-2 dicembre 2006

5° Corso di Riabilitazione Cognitiva
"Terapie non farmacologiche nella malattia di Alzheimer"
30 novembre-1° dicembre 2006

2° Corso per Psicologi
″Invecchiare nel 3° millennio: vissuti fisiologici e psicopatologia″
1-2 dicembre 2006

1° Corso per Assistenti Sociali
″Il servizio sociale professionale nel processo d´aiuto con la persona anziana″
30 novembre-1° dicembre 2006



Corso Residenziale
″Contempo in geriatria e gerontologia″
Centro Congressi Europa, Roma, 15-16 maggio 2006

Lunedí 15 maggio 2006

″Contempo negli stili di vita″
Presiede: Roberto Bernabei

9.00 Arrivano i baby boomers: tsunami geriatrico?
Antonio Golini
discussione
10.00  Sessualitá in andropausa: Viagra per tutti?
Giorgio Valenti
discussione
11.00 Intervallo
11.30 Attivitá fisica, benessere, morbilitá, mortalitá 
Antonio Sgadari
discussione
12.30 Closing remarks      Richard Besdine
13.00 Pausa pranzo

″Contempo in gerontologia″
Presiede: Pierugo Carbonin

14.00 La misurazione dei markers infiammatori: quando, cosa e che farcene   
Stefano Volpato
discussione
15.00 Stem cells e rigenerazione: vero e falso
Ugo Testa                            
discussione
16.00 Le sindromi progeroidi
Giuseppe Novelli
discussione
17.00 Restrizione calorica e longevitá
Pasquale Abete
discussione
18.00 Chiusura dei lavori

Martedí 16 maggio 2006

″Contempo nella valutazione″
Presiede: Marco Trabucchi

9.00 VMD e test di performance: misurano l´immisurabile?
Matteo Cesari
discussione
10.00 I criteri per il trattamento del paziente neoplastico
Lazzaro Repetto
discussione
11.00 Intervallo
11.30 Le misure nell´ambito delle cure palliative
Giovanni Gambassi
discussione
12.30 Closing remarks      Terrie Wetle
13.00 Pausa pranzo

″Contempo nelle incertezze″
Presiede: Niccoló Marchionni

14.00 MCI
Marco Trabucchi
discussione                   
15.00 Distiroidismi subclinici: quando trattarli
Alfredo Pontecorvi
discussione
16.00 Quando operare una neoplasia della prostata
Pierfrancesco Bassi
discussione
17.00 Cosa prevengo, quando prevengo
Giuseppe Zuccalá
discussione
18.00 Chiusura dei lavori

INFORMAZIONI GENERALI

Rivolto a: medici specialisti in geriatria, medicina interna, medicina generale, endocrinologia e altre discipline coinvolte nella gestione del paziente anziano

Direttori:
Roberto Bernabei, Istituto di Medicina Interna e Geriatria, Cattedra di Gerontologia, Universitá Cattolica del "Sacro Cuore" - Policlinico Gemelli, Roma

Marco Trabucchi, Cattedra di Neuropsicofarmacologia, II Universitá di Tor Vergata, Roma 

Sede: Centro Congressi Europa - Universitá Cattolica del Sacro Cuore, Largo Francesco Vito 1, Roma

Modalitá di iscrizione: Riservato ad un numero limitato di partecipanti. La quota di partecipazione di 150,00 euro (100,00 euro per i Soci della SIGG con etá inferiore ai 35 anni e specializzandi), e la scheda di iscrizione, debitamente compilata anche nel caso in cui l´iscrizione sia offerta da un´azienda farmaceutica, dovrá pervenire all´ACCADEMIA NAZIONALE DI MEDICINA, Via Martin Piaggio 17/6 - 16122 Genova o tramite fax al numero 01083794260. Il pagamento della quota potrá essere effettuato mediante: assegno bancario non trasferibile intestato all´ACCADEMIA NAZIONALE DI MEDICINA; bonifico bancario intestato all´ACCADEMIA NAZIONALE DI MEDICINA c/c n° 000001490880, Banca Carige, Ag. n° 1, Via Cesarea 60 R, Genova, ABI 6175 - CAB 01401- CIN F - IBAN IT43 F 06175 01401 000001490880 (specificando nella causale la dicitura "Iscrizione del Dott./Dott.ssa al Corso 06RE0293); carta di credito: MasterCard, Visa, EuroCard. L´invio della scheda e della quota confermano l´iscrizione, salvo diverse indicazioni della segreteria. Qualora non venga raggiunto il numero minimo di iscritti necessario alla realizzazione del Corso, la Segreteria dell´Accademia si riserva di inviare una comunicazione scritta e il rimborso totale della quota. In caso di rinuncia si prega di inviare una comunicazione scritta alla Segreteria Organizzativa entro e non oltre dieci giorni prima della realizzazione del corso. La quota versata verrá restituita con la detrazione del 30%. Gli annullamenti effettuati dopo tale data non avranno diritto ad alcun rimborso. I pagamenti dei rimborsi verranno effettuati entro un mese dalla chiusura dell´evento. La quota di iscrizione non comprende i coffee break e le colazioni di lavoro. E´ possibile iscriversi "on line" all´indirizzo www.accmed.org

Prenotazioni alberghiere: HAPPY TOUR
Tel. 010 5955864 - Fax 010 540479 - E-mail: happycongress@happytour.it
 
Promosso da: ACCADEMIA NAZIONALE DI MEDICINA (Sezione di Geriatria), Project Manager: Elida Pagni Via Martin Piaggio 17/6 - 16122 Genova - Tel 010 83794241 - Fax 010 83794260 - E-mail: traverso@accmed.org
 
Il programma di Contempo 2006 é particolarmente ricco. Gli argomenti sono ″caldi″, rilevanti per la cultura geriatrica, gestiti da esperti veri, conclusi da Besdine e Wetle in sabbatico dopo la presidenza, rispettivamente,  dell´American Geriatrics Society e della Gerontological Society of America. Ci terrei molto che, visto il basso costo e la data (metá maggio a Roma é stagione strepitosa…), veniate in tanti a discutere in modo approfondito e rilassato di tematiche importanti.

Roberto Bernabei



SUMMER SCHOOL  SIGG 2006 - II edizione
″GOOD PRACTICES IN GERIATRICS″
San Giovanni Rotondo, 25-29 giugno 2006
Casa Sollievo della Sofferenza

PROGRAMMA

Domenica 25 giugno 2006

17.00 Registrazione dei Corsisti
18.00 Saluto e introduzione al Corso
Lettura  L´impiego dei farmaci nell´anziano tra rischi e benefici 
P.U. Carbonin (Roma)

Lunedí 26 giugno 2006

″I FARMACI  E L´ANZIANO: ISTRUZIONI PER L´USO″
Letture
09.00 Aspetti di farmacologia clinica nell´anziano
M. Tonini (Pavia)
10.00 Aspetti di farmaco-epidemiologia nell´anziano
G. Onder (Roma)
11.00 Reazioni avverse ai farmaci nell´anziano: le strategie di prevenzione
A. Pilotto (San Giovanni Rotondo)
12.00 Discussione
12.30 Pausa

I farmaci nell´anziano: il problema delle interazioni farmacologiche
14.30 Discussione casi clinici a piccoli gruppi
16.30 Discussione plenaria
17.30 Conclusioni

Martedí 27 giugno 2006

″I PROBLEMI GASTROINTESTINALI DELL´ANZIANO″
Letture
09.00 Il trattamento delle emorragie digestive nell´anziano
A. Andriulli (San Giovanni Rotondo) 
10.00 Inquadramento diagnostico-terapeutico delle diarree nell´anziano
V. Annese (San Giovanni Rotondo)
11.00 Il trattamento della stipsi e incontinenza nell´anziano
G. Spinzi (Como)
12.00 Discussione
12.30 Pausa

L´uso razionale degli strumenti diagnostici nell´anziano
14.30 Esercitazioni pratiche a piccoli gruppi con tutors
16.30 Discussione plenaria
17.30 Conclusioni

Mercoledí 28 giugno 2006

″LA RIABILITAZIONE NEL PAZIENTE ANZIANO″
Letture
09.00 I fattori determinanti la riabilitazione del paziente geriatrico
D. Intiso (San Giovanni Rotondo)
10.00 Comorbilitá e outcome riabilitativo nel paziente geriatrico
G. Bellelli (Cremona)
11.00 Protocolli riabilitativi e trattamento personalizzato nel paziente geriatrico
B. Bernardini (Genova)
12.00 Discussione
12.30 Pausa

La valutazione multidimensionale e le disabilitá dell´anziano
14.30 Esercitazioni pratiche a piccoli gruppi con tutors
16.30 Discussione plenaria
17.30 Conclusioni

Giovedí 29 giugno 2006

″IL TRATTAMENTO DELLA DEPRESSIONE NELL´ANZIANO″
Letture
09.00 Inquadramento diagnostico della depressione nell´anziano
A. Bianchetti (Brescia)
10.00  Comorbilitá e depressione nell´anziano
N. Marchionni (Firenze)
11.00  Il trattamento farmacologico della depressione dell´anziano
P. Scapicchio (Roma)
12.00 Discussione
13.00 Conclusioni


SUMMER SCHOOL  SIGG 2006 - III edizione
″I FONDAMENTI DELLA GERIATRIA″
Folgaria (Tn), 2 - 6 luglio 2006

PROGRAMMA

Domenica 2 luglio 2006
ore 18,00    R. Bernabei:
″Introduzione al Corso″

Lunedí 3 luglio 2006  EPIDEMIOLOGIA GERIATRICA
Ore 9,00     S. Volpato (Ferrara):
″Principi di epidemiologia geriatrica: la specificitá nell´analisi e nella interpretazione dei dati″

Ore 14,00    M. Di Bari (Firenze):
″Farmaco-epidemiologia geriatrica: trial clinici e studi osservazionali″

Martedí 4 luglio 2006   BPCO NELL´ANZIANO
Ore 9,00    R. Antonelli Incalzi (Roma):
″Fase 1: terapia della BPCO in fase di stabilitá 
Fase 2: terapia della BPCO in fase di riacutizzazione″

Ore 14,00    M. Calabró (Montebelluna - Treviso):
″Affaticamento muscolare e BPCO ″

Mercoledí 5 luglio 2006   IL DIABETE NELL´ANZIANO
Ore 9,00     E. Mannucci (Firenze):
″Meccanismi fisiopatologici peculiari e determinanti prognostici″

Ore 14,00     G. Paolisso (Napoli):
″Principi di trattamento, alla luce delle linee-guida europee sul      diabete nell´anziano″
Giovedí 6 luglio 2006   MODELLI ASSISTENZIALI INTEGRATI
Ore 9,00     A. Cester (Dolo - Venezia):
″Il Dipartimento di Geriatria″

Ore 14,00    G. Zuccalá (Roma):
″L´anziano fratturato: quale approccio chirurgico?″
C. Barillaro (Roma):
″L´unitá ortogeriatrica″

Ore 17,00 Chiusura del Corso

MODALITÁ DI PARTECIPAZIONE AI DUE SEMINARI ESTIVI
La S.I.G.G. ripropone, come attivitá di formazione innovativa, la formula della Summer School dedicata a giovani medici, iscritti SIGG, che non abbiano superato i 30 anni di etá.
Gli interessati dovranno inviare alla SIGG, tramite e-mail (sigg@sigg.it), un breve curriculum, l´indicazione del seminario al quale intendono prendere parte ed uno scritto di due cartelle motivando il loro desiderio di partecipazione.
Verranno selezionati solo 20 partecipanti per ciascun seminario.
Dead line 15 maggio 2006

La SIGG offrirá l´iscrizione e l´ospitalitá completa; i partecipanti dovranno provvedere in proprio alle spese di viaggio.
Per questi eventi verrá richiesto l´accreditamento al programma nazionale di Educazione Continua in Medicina.


Comunicazioni dai Soci

ODONTOGERIATRIA

Nel mese di aprile presso la USL 11 di Empoli é stato attivato il primo Ambulatorio di Odontogeriatria.
Questo servizio é attivo nell´ambito del dipartimento delle cure primarie diretto dal Dott. P. Salvadori. Si tratta del primo ambulatorio in Italia di Odontogeriatria, con estensione domiciliare, nei confronti degli anziani fragili istituzionalizzati.
Il servizio nasce dalla collaborazione da tempo instaurata tra la U.O.S. di Geriatria diretta dal sottoscritto, l´odontoiatra Dott.ssa C. Perra ed il Dott M. Giovanetti, direttore dell´U.O.C. OSSB del Valdarno. Precedenti esperienze e sperimentazioni nella USL 11 hanno dimostrato la bontá dell´integrazione specialistica tra geriatra, medico del distretto ed odontoiatra nell´affrontare in modo integrato i problemi odontoiatrici della persone anziane.
La novitá del servizio consiste nella possibilitá di valutazione domiciliare del paziente istituzionalizzato che consente di selezionare chi in effetti potrá avvalersi delle cure in ambulatorio, rispetto a coloro per i quali é inutile lo stress del trasporto e dell´invio allo stesso.

Vincenzo Vismara


Recensione Libri

Paziente Anziano Paziente Geriatrico e Medicina della Complessitá
Umberto Senin, Antonio Cherubini, Dario Maggio, Patrizia Mecocci
EdiSES 2006 - Napoli

Questo libro é stato scritto con l´orgoglio di chi ha fatto la propria scelta professionale senza incertezze né remore. La scelta di farsi carico delle aspettative di salute e di assistenza della popolazione anziana e soprattutto di quella piú anziana nella piena consapevolezza di lavorare in un settore difficile, un vero e proprio campo minato. Esso é indirizzato a chi ancora oggi continua a negare la specificitá culturale della medicina geriatrica esprimendo scetticismo sulla necessitá di una sua significativa presenza nell´ambito del Sistema Sanitario Nazionale; a chi, pur essendo geriatra, non vuole pienamente identificarsi nel ruolo che alla geriatria oggi compete; a chi, consapevolmente od inconsapevolmente, é responsabile o vittima del diffuso ″ageismo″ che paradossalmente permea la societá in cui viviamo; a chi, rifiutando l´ineludibilitá ed il valore della vecchiaia, assolutezza i valori della giovinezza e quindi dell´efficientismo e della bellezza; a chi ha assistito con rassegnazione al progressivo deteriorarsi nel corpo e nella mente del proprio anziano convinto che non ci fosse nulla di piú da fare; a chi invece ha assistito con rabbia e frustrazione lo stesso anziano per quanto non veniva fatto ma avrebbe potuto e dovuto essere fatto; ma anche a chi vuole avere una preparazione medica adeguata ai nuovi bisogni sanitari. Perché il paziente che il geriatra é chiamato elettivamente a curare - scrive Hazzard - é ″quello piú complesso, che ha scarse risorse, che ha ridotte capacitá di recupero, che vive sul filo del rasoio tra l´autosufficienza ed il rischio di essere travolto da una tragica cascata di malattie, disabilitá e complicanze, che troppo spesso diventa irreversibile″. Paziente questo che ha bisogno di tutte le capacitá e competenze del geriatra, intrise non solo di conoscenza scientifica e tecnologia, ma anche di umanitá. Una sfida tremenda quella che pone l´anziano fragile. Una sfida che personalmente ho accolto con passione ed impegno via via crescenti, dopo un percorso culturale e professionale pluridecennale, che mi ha insegnato come in questo campo non possono esistere né compromessi né scorciatoie.
 Questo é quanto ho cercato di trasmettere anche ai miei allievi. E questo é quanto i miei allievi hanno fatto proprio, anch´essi senza incertezze né remore, dimostrandolo con il loro impegno professionale quotidiano, cosí come nell´entusiasmo di contribuire alla realizzazione dell´opera che, nella sua 2 edizione, si presenta profondamente ampliata, rinnovata nei contenuti e nella veste editoriale. Il mio, il nostro augurio, é che essa trovi la stessa favorevole accoglienza della precedente edizione.


Scienza  Innovazione e Sviluppo
a cura di Maurizio Gallucci
Editore CMP - Roma  pagg 370

Spiccano nel volume tematiche di interesse geriatrico come la malattia di Alzheimer, la polifarmacia per pazienti con polipatologia, la proposta di approcci statistici nuovi per cogliere la ricchezza che la complessitá geriatrica offre senza rischiare di perdere preziosi "frammenti" di veritá.
Il libro é volutamente interdisciplinare trattando di medicina e di scienza da diversi punti di vista. Ogni saggio puó essere letto indipendentemente dagli altri; esiste, comunque, un duplice filo conduttore che li unisce. Da una parte la maggioranza dei saggi suggerisce l´introduzione di un sapere piú quantitativo e formalizzato nella biologia ed in medicina, volto a cogliere la complessitá dei sistemi viventi; dall´altra, scopo del volume é mostrare come la Scienza sia intimamente legata, non solo alle applicazioni tecnologiche, ma anche alla vita, al lavoro ed al benessere della collettivitá.


CONGRESSI/CONVEGNI

ISTITUTI MILANESI MARTINITT E STELLINE E PIO ALBERGO TRIVULZIO
LE MALATTIE METABOLICHE DELL´OSSO NELLA PRATICA CLINICA:
VOCE AGLI SPECIALISTI

Milano 6 Maggio 2006
Segreteria Scientifica ed organizzativa: Massimo Monti, Ivana Santi
Tel. 02.4029572, 02.4029418-527 Fax: 02.4029592
e-mail: monti.massimo@tin.it  sez.zonda@pioalbergotrivulzio.it

ASSOCIAZIONE GERIATRI EXTRAOSPEDALIERI 3° CONGRESSO NAZIONALE
IL GERIATRA TERRITORIALE ED IL 3° MILLENNIO:
TENDENZE PER UNA NUOVA CULTURA

Selva di Fasano (Brindisi) 11-14 maggio 2006
Segreteria Scientifica: Cataldo Corallo Clelia Volpe
Segreteria Organizzativa: Concerto Napoli
tel. 081-19569195 fax 081-2140448
e-mail: info@concertosrl.netwww.associazionegeriatri.it/3congresso

UNIVERSITÁ CATTOLICA  DEL SACRO CUORE, ROMA ISTITUTO DI BIOETICA, FONDAZIONE ITALIANA RICERCA SULL´INVECCHIAMENTO, IRCCS CASA SOLLIEVO DELLA SOFFERENZA UNITÁ OPERATIVA GERIATRIA, SAN GIOVANNI ROTONDO
LE NUOVE FRONTIERE DELLA GERIATRIA: ETICA E RICERCA PER UNA EDUCAZIONE ALLA TERZA ETA´
San Giovanni Rotondo (FG) 19 maggio 2006
Segreteria scientifica: Unitá Operativa Geriatria,
Tel  0882.410467-fax 0882.410.271 e-mail: geriatria@operapadrepio.it
Segreteria organizzativa: Regia Congressi Firenze
Tel.055271171, Fax 0552711780, e-mail info@regiacongressi.it

GRUPPO GERIATRICO GENOVESE
LA VECCHIAIA OGGI: IL RUOLO E LE RESPONSABILITÁ DELLO PSICOLOGO
Genova 19-20 maggio 2006
G G G - Genova
Tel 010255107; cell.3475767367
e-mail: claiva@libero.it

GRUPPO GERIATRICO GENOVESE
LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE DELL´ANZIANO
Campoligure 20 e 27 maggio 2006
Segreteria Organizzativa: GGG   Genova
Tel 010255107 cell.3477569654
e-mail: claiva@libero.it

CONGRESSO DELLA FEDERAZIONE ARGENTINA DI GERIATRIA E  GERONTOLOGIA ( FAGG)
Rosario 23-25 maggio 2006
Per informazioni:  fagg_ar@lycos.com 

INTERNATIONAL ASSOCIATION OF HOMES AND SERVICES FOR THE AGEING
MULTICULTURALISM IN EUROPEAN AGED CARE:
CONSUMER, PROVIDER, WORKFORCE, AND TECHNOLOGICAL PERSPECTIVES
Brussels, Belgium  29-30 May 2006
www.iahsa.net/brussels 

8TH GLOBAL CONFERENCE ON AGEING (IFA)
Copenhagen 30 maggio-2 giugno 2006
ICS A/S Copenhagen
tel. +45 7023 50 56 Fax: +45 7023 5057
e-mail: ifa2006@ics.dk

GRUPPO GERIATRICO GENOVESE
LESIONI DA PRESSIONE: L´INTERVENTO MULTIDISCIPLINARE
Genova 30 maggio-6 giugno 2006
Segreteria Organizzativa: GGG   Genova
Tel 010255107; cell.3477255197 o cell.3477569654
e-mail: claiva@libero.it - ivan.santoro@fastwebnet.it

AFFECTIVE, BEHAVIORAL AND COGNITIVE DISORDERS IN THE ELDERLY ABCDE
Bologna 15-17 giugno 2006
Segreteria Scientifica: ABCDE Tel: 339 6316166 Fax: 051 63 62262
 Segreteria Organizzativa: G&G International Congress  Roma
Tel: 06 519511 - Fax: 06 5033071
e-mail: congressi@gegcongressi.com - www.gegcongressi.com

4TH CONGRESS OF THE EUROPEAN UNION GERIATRIC MEDICINE SOCIETY
Ginevra 23-26 Agosto 2006
MCI Suisse SA Ginevra
Phone +41(0)22 33 99 586 Fax +41(0)22 33 99 631
www.eugms2006.org
e-mail eugms2006@mci-group.com

BRITISH SOCIETY OF GERONTOLOGY 35TH ANNUAL SCIENTIFIC MEETING
THE AGEING JIGSAW: INTERDISCIPLINARY APPROACHES TO OLD AGE
University of Wales, Bangor 7th-9th September 2006
http://www.bangor.ac.uk/csprd/bsg2006.html

ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA
FOURTH ANNUAL MEETING ON BRAIN AGING AND DEMENTIA.
FROM SUCCESSFUL AGING TO SEVERE DEMENTIA

Perugia 14-16 settembre 2006
Segreteria Scientifica: Patrizia Mecocci
Segreteria Organizzativa: G&G Congressi Roma
Tel. 06 519511 - Fax 065033071 -
congressi@gegcongressi.com - www.gegcongressi.com

5TH EUROPEAN CONGRESS OF BIOGERONTOLOGY
Istanbul 16-20 Settembre 2006
President: Serif Akman Tel: +90 312 304 3306 Fax: +90 312 304 3300
email: sakman@gata.edu.tr - www.biogerontology2006.org

SOCIETÁ ITALIANA DI GERONTOLOGIA E GERIATRIA
51° CONGRESSO NAZIONALE SIGG
Firenze 29 novembre-3 dicembre  2006

7° CORSO MULTIPROFESSIONALE DI NURSING
Firenze 30 novembre-2  dicembre  2006

5° CORSO DI RIABILITAZIONE COGNITIVA
Firenze 30 novembre-1 dicembre  2006

2° CORSO PER PSICOLOGI
Firenze 1-2 dicembre  2006
1° CORSO PER ASSISTENTI SOCIALI
Firenze 30 novembre-1 dicembre  2006

Segreteria Scientifica: SIGG -Via G.C. Vanini 5 - 50129 Firenze
Tel.055 474330 - Fax 055 461217 - e-mail: sigg@sigg.it - www.sigg.it
Segreteria Organizzativa: Zeroseicongressi - Roma
Tel. 06 8416681 - Fax 06 85352882  e-mail: info@zeroseicongressi.it

THE IAHSA 7TH INTERNATIONAL CONFERENCE
THE GLOBAL AGEING NETWORK: LEADING CHANGE, SHARING INNOVATION, ENHANCING LIFE
St. Julian´s, Malta 18 -20 June 2007 
iahsa@aahsa.org
http://www.iahsa.net/

VIth EUROPEAN CONGRESS of GERONTOLOGY
Saint Petersburg, Russia July 5 - 8, 2007
Organizing Secretariat
St. Petersburg Institute of Bioregulation and Gerontology
3, Dynamo Prospect, 197110 St. Petersburg, Russia
www.gerontology.ru/congress2007 - E-mail: congress2007@gerontology.ru