Societá

Attivitá SIGG

Bollettino SIGG: Numero 10, Ottobre - Novembre 2010


Direttore Responsabile
Nicola Ferrara

A cura di
Vincenzo Canonico
Tel. e fax 081 7464297
e-mail: vcanonic@unina.it

Scarica il bollettino:

Editoriale del Presidente

Niccoló Marchionni, impegnato nella organizzazione dell'imminente Congresso SIGG oltre che in numerosi appuntamenti scientifici ed istituzionali, non ha potuto scrivere l'editoriale per questo numero. Il Presidente si scusa ed ha promesso un editoriale sui risultati della sperimentazione Codice Argento nel prossimo numero. (ndr)

Geriatria: disfattismo o ottimismo?

Nei giorni scorsi c´é stato uno scambio di e-mail tra il Prof. Salvioli ed alcuni membri, prevalentemente universitari, del Consiglio Direttivo della SIGG su alcuni aspetti critici riguardanti la nostra disciplina. Credo che questo mini-dibattito sia giusto estenderlo ai Soci. Proviamo a sintetizzare (chi desidera, puó richiedere le mail integrali).
Il Prof. Salvioli ha lamentato la persistente scarsa utilizzazione di specifiche professionalitá (infermieri formati in Master universitari) nei servizi per gli anziani, in particolare negli ospedali. Egli cita inoltre il recente Piano Sanitario Nazionale che riserva poco spazio alla geriatria, in contrasto con la necessitá, universalmente riconosciuta, di migliorare le competenze e la qualitá delle cure ai cittadini che invecchiano. Infine ha evidenziato una frammentazione delle cure e dell'assistenza ospedaliera agli anziani ed il ″non-coordinamento dell'ospedale con gli ambiti extraospedalieri″.
Il Prof. Bernabei, in risposta alla mail precedente, é in disaccordo con il ″disfattismo″ del Prof. Salvioli e pur riconoscendo che ″mandare avanti la Geriatria sia complicato″, evidenzia i risultati positivi ottenuti sul piano scientifico, culturale ed istituzionale dai nostri strumenti di valutazione multidimensionale, dal case management etc, punti di forza contenuti nei recenti ″Quaderni della Salute-Geriatria″, elaborati ultimamente da un gruppo di geriatri SIGG, apprezzati dal Ministro Fazio che ne curerá la produzione e la diffusione. Nel prossimo futuro, afferma il nostro past- President, ci sará un aumento del numero degli specializzandi in Geriatria e la creazione ″di una Rete (ex Agenzia) sull'invecchiamento″ che vedrá come attori principali i geriatri.
Il Prof. Ferrara ha scritto che in un contesto di crisi del SSN e del sistema educazionale, la Geriatria e la Gerontologia non possono essere considerate discipline sconfitte. Secondo Ferrara, pur mancando per la Geriatria uno specifico settore disciplinare, vi sono geriatri universitari e non, di alto valore ed oggi si raccolgono i frutti di un lavoro iniziato anni addietro da ″maestri della geriatria″, tra cui Salvioli, che hanno portato avanti temi come comorbilitá, danno iatrogeno, disabilitá, continuitá delle cure, etc, dei quali la Medicina Interna ″tradizionale″ cerca di impossessarsi. Al giorno d´oggi, continua il nostro Segretario, molti geriatri concludono la specializzazione e si inseriscono in strutture geriatriche a differenza di quanto avveniva anni addietro, la geriatria territoriale é in continua crescita soprattutto nelle regioni dove hanno creato la possibilitá di valorizzare l´assistenza geriatrica evitando la persistente ″frammentazione delle cure″.
Queste in sintesi le posizioni espresse. Vorrei integrare quanto detto precedentemente con un dato molto significativo quale la presenza/responsabilitá da dieci anni di tanti geriatri nelle Unitá di Valutazione Alzheimer in ambito nazionale. Dimostrare competenza in campi che in passato erano affidati ai neurologi e agli psichiatri, quali la cura delle demenze e della depressione, e riuscire ad imporsi nella gestione oculata e responsabile di farmaci costosi e, in alcuni casi, potenzialmente pericolosi particolarmente nei ″fragili″, é un risultato, come ho giá detto in passato, di estrema importanza per i geriatri. Un risultato che ci caratterizza e ci distingue dagli internisti e che é il frutto del lavoro portato avanti negli anni ´90 da geriatri lungimiranti come Senin e Trabucchi.
Vincenzo Canonico

55° Congresso Nazionale SIGG
″INVECCHIAMENTO E LONGEVITA´: PIÚ GENI O PIÚ AMBIENTE?"

Firenze, Palazzo dei Congressi 30 novembre-4 dicembre 2010
 
Sessioni di Biogerontologia, Simposi Monotematici, Comunicazioni Orali premiate, Contributi Preordinati
 
Mercoledi 1° dicembre 2010
Palazzo dei Congressi - Sala Verde
17.40-18.00
LA TECNOLOGIA AL SERVIZIO DELL´ANZIANO
Moderatori: Massimiliano Malavasi (Bologna), Alberto Pilotto (San Giovanni Rotondo)
UTILIZZO DELLA CONSOLE WII DELLA NINTENDO® PER IL TRATTAMENTO RIABILITATIVO COGNITIVOMOTORIO DI SOGGETTI ANZIANI AFFETTI DA DEFICIT MOTORIO O DA DEMENZA DI GRADO LIEVEMODERATO
G. Viganó, N. Squassoni, L. Pancaldi, C. Balzarolo (Bergamo)
INCREMENTO DEGLI INDICI DI ACCURATEZZA E FLUIDITA´ DEL MOVIMENTO DELL´ARTO SUPERIORE DOPO TRAINING CON ROBOT PLANARE MEMOS 2 NEI SOGGETTI CON ESITI DI ICTUS
B. Vallotti, M. Baccini, T. Biondi, G. Macrí, V. Tosti, C. Panunzi, A. Baroni, S. Micera, F. Mayer (Firenze, Pisa)
 
Mercoledi 1° dicembre 2010
Palazzo dei Congressi - Sala Onice
17.00- 18.30
DEMENZA: DALLA BIOLOGIA ALL´ASSISTENZA - PARTE I
Moderatori: Mario Bo (Torino), Vincenzo Solfrizzi (Bari)
PARAMETRI ASSOCIATI ALLA FUNZIONE COGNITIVA IN UN CAMPIONE DI PAZIENTI ANZIANI OSPEDALIZZATI PER PATOLOGIA ACUTA
F. Sioulis, L. Rossi, S. Prandini, F. Bonetti, M. D´Amato, S. Magon, S. Volpato, G. Zuliani (Ferrara)
MCI ED EVOLUZIONE IN DEMENZA
V. Arcoleo, S. Miraglia, A. Di Prima, V. Picciolo, G. Belvedere, C. Arizzi, L. Falletta, S. Largueche, L.J. Dominguez, M. Barbagallo, M. Belvedere (Palermo)
MUSICOTERAPIA, FUNZIONI COGNITIVE E BPSD NELLA MALATTIA DI ALZHEIMER: RISULTATI DI UNO STUDIO NON RANDOMIZZATO CONDOTTO NEI CENTRI DIURNI
M. Conestabile della Staffa, S. Ercolani, A. Longo, F. Delicati, M. Rossini, R. Antonini, P. Mecocci (Perugia)
INIBITORI DELL´ACETILCOLINESTERASI NELLA MALATTIA DI ALZHEIMER DI GRADO LIEVE-MODERATO: STUDIO LONGITUDINALE SU SOGGETTI AMBULATORIALI
F. Di Felice, M. Baroni, S. Ercolani, F. Mangialasche, A. Fiore, A. Longo, P. Mecocci (Perugia)
LIVELLI PLASMATICI DELLA VITAMINA E -TOCOFEROLI E TOCOTRIENOLI- IN SOGGETTI CON MALATTIA DI ALZHEIMER, MILD COGNITIVE IMPAIRMENT E CONTROLLI: RISULTATI DEL PROGETTO AddNeuroMed
F. Mangialasche, F. Di Felice, A. Simmons, H. Soininen, M. Tsolaki, I. Kloszewska, B. Vellas, S. Lovestone, P. Mecocci (Perugia, Stoccolma/Svezia, Londra/UK, Kuopio/Finlandia, Salonicco/Grecia, Lodz/Polonia, Toulouse/Francia)
PAZIENTI IN ETA´ GERIATRICA RICOVERATI PER PATOLOGIA ACUTA: STATO COGNITIVO E GRAVITA´ DI MALATTIA (Work in progress)
V. Lami, S. Tognini, F. Leoli, A. Bemi, F. Madesani, A. Dardano, P. Vignocchi, G. Tognoni, F. Carmassi, M. Santini, F. Monzani (Pisa)
 
Mercoledi 1° dicembre 2010
Palazzo dei Congressi - Sala 4
17.00- 18.30
VMD E RETE DEI SERVIZI
Moderatori: Giuseppe Battaglia (Soriano Calabro), Luciano Gabbani (Firenze)
LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE DELLA PERSONA CON DEMENZA: ANALISI DESCRITTIVA DELL´ATTIVITA´ DI UVMD (UNITA´ DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE) DI UNA AZIENDA SANITARIA DELLA REGIONE VENETO
P. Gallina, M. Saia, P. Giuriato, F. Costantin, D. Donato (Padova)
LA CONTINUITA´ DI CURA PER L´ANZIANO FRAGILE NELLA DIMISSIONE OSPEDALIERA: L´ESPERIENZA DELLA S.C. DI ASSISTENZA GERIATRICA DELL´ASL3 GENOVESE NELL´A.U.O. SAN MARTINO DI GENOVA
L. Sampietro, F. Pierri, L. Gasparini, A. Marino, R. Scotto Busato, E. Palummeri (Genova)
DEGENZA MEDIA E DIMISSIONE PROTETTA NEL MODELLO ASSISTENZIALE INTEGRATO ″PATTI PER L´ICTUS CEREBRALE″
F. Caronzolo, G. Lombardo, A. Grippa, T. Pipicella, G. Gaglio, R. Grasso, G. D´Arrigo, F. Grimaldi, S. Albana, G. Mollica, F. D´Amico (Patti, Messina, Taormina)
CRITERI DI INCLUSIONE IN ORTOGERIATRIA DEL PAZIENTE ANZIANO FRATTURATO DI FEMORE
E. Benvenuti, I. Del Lungo, S. Giardini, M.A. Mencarelli, S. Gangemi, P. Mondini, M. Mastrazzo, C. Biricolti, D. Mazzotta, F. Cecchi, G. Gori (Firenze)
STRATIFICAZIONE DEL RISCHIO DI OUTCOMES AVVERSI NELL´ANZIANO IN PRONTO SOCCORSO: CONFRONTO TRA ISAR E TRST
V. Morichi, F. Salvi, B. Lorenzetti, L. Rossi, L. Spazzafumo, R. Luzi, P. Dessí-Fulgheri, G. De Tommaso, F. Lattanzio (Ancona)
PATTERN DI UTILIZZO, MOTIVI DI ACCESSO E TRIAGE DELL´ANZIANO IN PRONTO SOCCORSO
F. Salvi, A. Mattioli, E. Giannini, D. Vita, V. Morichi, M. Fallani, P. Dessí-Fulgheri, F. Lattanzio (Ancona, Fano)
 
Mercoledi 1° dicembre 2010
Palazzo dei Congressi - Sala 6
17.00- 18.30
DIABETE E MULTIMORBILITA´
Moderatori: Raffaele Marfella (Napoli), Antonino Santangelo (Siracusa)
VALUTAZIONE DELLO STATO COGNITIVO IN PAZIENTI ANZIANI AFFETTI DA DIABETE MELLITO TIPO 2
G. Orsitto, A. Venezia, F. Raimo, F. Fulvio, A.R. Iacobelli, V. Turi, D. Tria, C. Manca (Gioia del Colle)
MONITORAGGIO DI CINQUE ANNI DELLE INFEZIONI URINARIE (IVU) NELL´ANZIANO IN R.S.A.: CONFRONTO DEI PATOGENI NEL SOGGETTO DIABETICO E NON DIABETICO
G. Ricci, P. Cosso, P. Pagliari, A.B. Ianes (Villasanta)
IPERGLICEMIA A DIGIUNO E MORTALITA´ INTRAOSPEDALIERA NEL PAZIENTE GERIATRICO: STUDIO PROSPETTICO, MULTICENTRICO
A. Polini, P. Iglesias, A. Dardano, S. Tognini, A. Muoz, F. Prado, M.C. Macas, J.J. Dez, F. Monzani (Pisa, Madrid/Spagna, Segovia/Spagna)
PREVALENZA DELLA SINDROME METABOLICA NELL´ANZIANO SECONDO DIFFERENTI DEFINIZIONI: DATI DA UNO STUDIO DI POPOLAZIONE ITALIANO
B. Maltoni, V. Olivelli, G. Ravaglia, P. Forti (Bologna)
PREVALENZA E PERSISTENZA DEL MILD COGNITIVE IMPAIRMENT IN UNA COORTE DI SOGGETTI CON DIABETE MELLITO TIPO 2
M. Gullo, D. Simoni, A.M. Mello, E. Ballini, M. Boncinelli, C. Lamanna, F. Gori, E. Lopilato, M.C. Cavallini, N. Zaffarana, M. Monami, E. Mannucci, N. Marchionni, E. Mossello (Firenze)
PREVALENZA DI DIABETE MELLITO ED INTOLLERANZA GLICIDICA IN PAZIENTI ANZIANI RICOVERATI IN RIABILITAZIONE CARDIOLOGICA A SEGUITO DI EVENTO ACUTO CARDIOVASCOLARE
F. Cacciatore, F. Mazzella, G. Longobardi, C. Basile, P. Abete, A. Nicolino, N. Ferrara, G. Furgi, F. Rengo (Campoli Telese, Napoli, Campobasso)
 
Mercoledi 1° dicembre 2010
Palazzo dei Congressi - Sala 9
17.00- 18.30
CARDIOPATIA E PNEUMOPATIA: COMORBIDITA´ AD ALTO IMPATTO NELL´ANZIANO
Moderatori: Ligia Dominguez (Palermo), Antonio Mitidieri Costanza (Prato)
BERLIN QUESTIONNAIRE E EPWORTH SLEEPINNESS SCALE PER LO SCREENING DELLA SINDROME DELLE APNEE NOTTURNE NEI SOGGETTI ANZIANI
G. Dolci, N. Montano, M. Pecis, A. Casé, F. Rosini, C. Vergani, L. Bergamaschini (Milano)
CORRELAZIONE TRA ISPESSIMENTO MEDIO INTIMALE CAROTIDEO E LIVELLI PLASMATICI DI VITAMINA C: STUDIO SU SOGGETTI ANZIANI AMBULATORIALI
T. Raichi, F. Mangialasche, F.T. Feliziani, S. Leonardi, R. Cecchetti, M. Baglioni, P. Mecocci (Perugia)
ANALISI DELL´ELETTROCARDIOGRAMMA IN ULTRACENTENARI
M.D. Cucinotta, P. Figliomeni, C. Lo Balbo, G. Maltese, C. Bontempo, G. Basile (Messina)
EFFETTI DELLA COMPOSIZIONE CORPOREA E DELLA DISTRIBUZIONE DEL TESSUTO ADIPOSO SULLA FUNZIONE POLMONARE IN SOGGETTI ANZIANI: THE HEALTH, AGING AND BODY COMPOSITION STUDY
A. Rossi, F. Fantin, M. Cazzadori , M.P. Gozzoli, B.H. Goodpaster, A.B. Newman, T.B. Harris, N.L. Watson, S.B. Kritchevsky, D.C. Bauer, S. Satterfield, M. Zamboni (Verona, Pittsburgh/USA, Bethesda/USA, Winston-Salem/USA, San Francisco/USA, Memphis/USA)
LO SCOMPENSO CARDIACO E´ UN FATTORE DI RISCHIO PER L´INSORGENZA DI OSTEOPOROSI? CORRELAZIONE TRA FUNZIONALITA´ CARDIACA E MASSA OSSEA IN UNA POPOLAZIONE ANZIANA
M. Testaí, A. Santangelo, S. Albani, A. Cappello, S. Pavano, M. Tomarchio, D. Maugeri (Catania)
IL MONITORAGGIO CONTINUO DEL RITMO CARDIACO NEI PAZIENTI ANZIANI CON CADUTE DI ORIGINE INSPIEGATA. RISULTATI PRELIMINARI
A. Morrione, M. Rafanelli, V.M. Chisciotti, M.A. Brunetti, E. Ruffolo, A. Ceccofiglio, E. Tozzi, N. Marchionni, A. Ungar (Firenze)
 
Mercoledí 1° dicembre 2010
Palazzo dei Congressi - Auditorium
18.45 - 20.00
Comunicazioni Orali Premiate
Moderatori: Alberto Baroni (Firenze), Fabio Monzani (Pisa)
LA PERSISTENTE ESCLUSIONE DEI SOGGETTI ANZIANI DAI TRIAL CLINICI IN CORSO SULLO SCOMPENSO CARDIACO
T. Mariani, J. Oristrell, X. Pla, C. Ruggiero, R. Ferretti, A. Longo, B. Gasperini, E. Zengarini, G. Diestre, A. Cherubini (Perugia, Barcellona/Spagna)
VALUTAZIONE DELLO STATO FUZIONALE NEL PAZIENTE ANZIANO OSPEDALIZZATO: EFFETTO DELLA MULTIMORBILITA´ SUL DECLINO FUNZIONALE
S. Volpato, F. Tisato, A. Biral, A. Zampogno, B. Barbato, M. Pozzebon, V. Negrin, M. Calabró (Treviso)
RELAZIONE TRA ECOLUCENZA DI PLACCA E FUNZIONI COGNITIVE IN PAZIENTI CON ATEROMASIA CAROTIDEA
D. Mastroiacovo, M. Pinelli, C. Marini, M.C. Lechiara, G.L. Turco, A. Camerota, M. Andriulli, I. Petrella, L. Semeraro, G. Mauti, R. Di Gaetano, R. Bocale, G. De Blasis, C. Ferri, G. Desideri (L´Aquila, Avezzano, Pescina)
SALUTE DEL VECCHIO E INQUINAMENTO AMBIENTALE: OSPEDALIZZAZIONE COME STIMA DELLO STATO DI SALUTE
S. Albani, A. Santangelo, M. Testaí, S. Pavano, A. Cappello, G. Mamazza, C. Zuccaro, D. Maugeri (Catania)
EFFETTI DELLA SOMMINISTRAZIONE DI TESTOSTERONE SUI MARKER INFIAMMATORI IN SOGGETTI ANZIANI DI SESSO MASCHILE
E. Gatti, G.P. Ceda, Y. Milaneschi, P.J. Snyder, C. Cattabiani, F. Lauretani, L. Ferrucci, M. Maggio (Parma, Baltimore/USA, Philadelphia/USA)
 
Giovedí 2 dicembre
Palazzo dei Congressi - SALA 4
9.30-11.45
BIOGERONTOLOGIA - COMUNICAZIONI ORALI
Moderatori: Francesco Panza (Bari), Rinaldo Tedde (Sassari)
POSSIBILE CONTRIBUTO DELLA SPECT CEREBRALE ALLA DIAGNOSI DIFFERENZIALE DI DEFICIT SOGGETTIVO DI MEMORIA E MILD COGNITIVE IMPAIRMENT NELL´ANZIANO
F. Maioli, V. Nativio, C. Gueli, P. Pagni, M. Coveri, C. Marchetti, A. Gardellini, R. Ciarrocchi, C. D´Anastasio, V. Pedone (Bologna)
POLIMORFISMI DELLA REGIONE VNTR DEL GENE DELL´INTERLEUCHINA 6 E INTERAZIONE CON L´APOE IN UNA POPOLAZIONE DI CENTENARI DEL SUD ITALIA
C. Capurso, F. Panza, V. Solfrizzi, D. Seripa, V. Frisardi, A. Pilotto, G. Vendemiale (Foggia, San Giovanni Rotondo, Bari)
STUDIO FARMACOGENETICO IN PAZIENTI ANZIANI CON DEPRESSIONE TRATTATI CON INIBITORI SELETTIVI DELLA SEROTONINA
D. Seripa, G. D´Onofrio, F. Paris, L. Cascavilla, A. Bizzarro, C. Gravina, M. Urbano, F. Panza, C. Masullo, A. Pilotto (San Giovanni Rotondo, Roma)
ASSOCIAZIONE TRA MARKERS METABOLICI E TRE POLIMORFISMI DEL GENE KLOTHO NEL PAZIENTE ANZIANO
G. Paroni, D. Seripa, F. Addante, P. D´Ambrosio, M.G. Longo, C. Gravina, M. Urbano, L. Fontana, A. Pilotto (San Giovanni Rotondo, Roma)
IL COSTO ENERGETICO DELL´OMEOSTASI IN PERSONE ANZIANE OSPEDALIZZATE
A. Elmo, T. Mariani, L. Mercuri, E. Zampi, R. Serra, C. Perrone, R. Gugliotta, D. Capezzali, A. Cherubini, C. Ruggiero (Perugia)
IL LOCUS GENICO SLC6A4 NELLA DEPRESSIONE MAGGIORE AD INSORGENZA TARDIVA
F. Panza, D. Seripa, G. D´Onofrio, F. Paris, L. Cascavilla, A. Bizzarro, C. Masullo, A. Pilotto (San Giovanni Rotondo, Roma)
STUDIO DELLE ALTERAZIONI COMPORTAMENTALI E ISTOLOGICHE IN UN MODELLO ANIMALE DI OLIGOEMIA CEREBRALE CRONICA
M. Lauriola, G. Serviddio, A. Romano, F. Bellanti, T. Rollo, G. Vendemiale (Foggia, San Giovanni Rotondo)
″LA NUOVA INFANZIA″: QUALITA´ DELLA VITA E PERCEZIONE DEL SSN NELLA POPOLAZIONE ANZIANA DELLA CITTA´ DI AVELLINO
R. Bizzarro, E. Raffa, A.M. Torello, L. Rinaldi, A. Marro (Avellino)
MARCATORI LIQUORALI IN SOGGETTI CON EOAD ED EVENTUALI CORRELATI CON I FATTORI DI RISCHIO CARDIOVASCOLARI ED IL NEUROIMAGING
La Sala, E. Talassi, A. Codemo, S. Poli, C. Ruaro, D. Gollin, A. Peruzzi, A.M. Chiamenti, C. Gabelli (Valdagno)
 
Giovedí 2 dicembre
Palazzo dei Congressi - SALA 6
9.30-11.45
BIOGERONTOLOGIA - COMUNICAZIONI ORALI
Moderatori: Giancarlo Longobardi (Telese Terme), Francesca Tarantini (Firenze)
EFFETTO DELL´INVECCHIAMENTO E DI INTERVENTI ANTI-INVECCHIAMENTO SULL´ESCREZIONE URINARIA DI 8-IDROSSI-2-DEOSSIGUANOSINA
E. Bergamini, B. Capasso, M. Fella, V. Leone, G. Pezzella, G. Romano, A. Vagali, G. Cavallini, A. Donati (Pisa)
EFFETTI DELL´AZIONE COMBINATA DI INTERVENTI ANTI-INVECCHIAMENTO DI TIPO DIETETICO E FARMACOLOGICO IN RATTI ADULTI
G. Cavallini, A. Donati, L. De Marinis, F. Favorito, E. Bergamini (Pisa)
INVECCHIAMENTO E ALTERAZIONI DELL´OMEOSTASI DEL COLESTEROLO: STUDIO DEI LIVELLI PLASMATICI DEGLI STEROLI IDROSSILATI COME MARKERS METABOLICI
M. Bertolotti, P. Loria, E. Pellegrini, C. Mussi, M. Del Puppo, C. Galbusera, S. Ognibene, L. Carulli, N. Carulli (Modena, Monza)
PROFILO INFIAMMATORIO DEL TESSUTO ADIPOSO PERIVASCOLARE NELL´UOMO
C. Bambace, A. Sepe, F. Corzato, M. Telesca, D. Olioso, S. Venturi, A. Puflea, S. Faccioli, G. Comellato, F. Santini, M. Zamboni (Verona)
MIOSTEATOSI E MIOFIBROSI: RELAZIONI CON INFIAMMAZIONE ED INVECCHIAMENTO
L.S. Meneghelli, F. Corzato, E. Zoico, A. Zivelonghi, M. Bertocchi, M.E. Vivian, P. Di Gregorio, S. Chemotti, A. Dainese, V. Zanandrea, G. Mazzali, M. Zamboni (Verona)
NEGLI ANZIANI LO STRESS OSSIDATIVO AUMENTA DOPO UN PASTO GRASSO, IN RELAZIONE ALLA TRIGLICERIDEMIA POSTPRANDIALE: LA DIETA COME FATTORE DI RISCHIO CARDIOVASCOLARE
A. Antonioli, P. Bertassello, V. Di Francesco, L. Bissoli, L. Cominacini, A. Fratta Pasini, A. Manica, P. Vignola, C. Perera, E. Carrarini, M. Zamboni (Verona)
METALLOPROTEASI E AGEs: PATOGENESI SINERGICA NELLA PLACCA AVANZATA?
A.L. Furfaro, D. Storace, N. Traverso, R. Sanguineti, F. Monacelli, P. Odetti (Genova)
ASSOCIAZIONE TRA LIVELLI DI MAGNESIO ED ORMONI ANABOLICI NEL SOGGETTO ANZIANO DI SESSO MASCHILE
E. Avantaggiato, M. Maggio, F. Lauretani, C. Cattabiani, S. Parrino, P. Catelli, G. Ceresini, S. Morganti, E. Ferrara, A.M. Centonza, F. Ablondi, S. Bandinelli, L.J. Dominguez, M. Barbagallo, G. Paolisso, R.D. Semba, L. Ferrucci, G.P. Ceda (Parma, Firenze, Palermo, Napoli, Baltimore/USA)
 
Giovedí 2 dicembre 2010
Palazzo dei Congressi - Sala Onice
17.00- 18.30
DEMENZA: DALLA BIOLOGIA ALL´ASSISTENZA - PARTE II
Moderatori: Ferdinando D´Amico (Messina), Stefano Magnolfi (Prato)
LIVELLI SIERICI DELLA FRAZIONE C3 DEL COMPLEMENTO E FUNZIONE COGNITIVA NELL´ANZIANO: DATI DA UNO STUDIO DI POPOLAZIONE
P. Forti, G. Pirazzoli, A. Muscari, G.P. Bianchi, D. Magalotti, M. Zoli (Bologna)
LO STRESS DEL CAREGIVER PROFESSIONALE DI PAZIENTI AFFETTI DA DEMENZA
G. Nobili, G. Isaia, S. Mondino, G.C. Isaia, V. Dimonte, N. Aimonino Ricauda, M. Bo, F. Ruatta, M. Massaia (Torino)
DEMENZA: QUALITA´ DI VITA E SALUTE PSICHICA DEL CAREGIVER
C. D´Anastasio, E. Ferriani, R. Ciarrocchi, T. Talerico, M. Struffi, C. Ruggero, V. Pedone (Bologna)
IL TRATTAMENTO DELLA DEPRESSIONE CON INIBITORI SELETTIVI DELLA RICAPTAZIONE DELLA SEROTONINA (SSRI) MIGLIORA IL MULTIDIMENTIONAL PROGNOSTIC INDEX (MPI) NEI PAZIENTI ANZIANI: STUDIO PROSPETTICO CON 6 MESI DI FOLLOW-UP
G. D´Onofrio, A. Pilotto, D. Sancarlo, M. Copetti, L. Cascavilla, D. Seripa, F. Panza, F. Pellegrini, L. Ferrucci, F. Paris (San Giovanni Rotondo, Chieti, Baltimore/USA)
LIVELLI PLASMATICI DI 24S-OH COLESTEROLO IN PAZIENTI ANZIANI CON DEMENZA TIPO ALZHEIMER O VASCOLARE
G. Zuliani, A. Mozzi, C. Bosi, M. Perrone Donnorso, A. Zurlo, L. Menozzi, F. Bonetti, S. Prandini, S. Magon, F. Sioulis, S. Volpato, C. Cortese (Ferrara, Roma)
 
Giovedí 2 dicembre 2010
Palazzo dei Congressi - Sala 4
17.00- 18.30
ATTIVITA´ FISICA E PERFORMANCE FUNZIONALE
Moderatori: Francesca Cecchi (Firenze), Elisabetta Tonon (Pistoia)
PROMOZIONE DELL´ATTIVITA´ FISICA ADATTATA (A.F.A.) PER LA PREVENZIONE DELLA DISABILITA´ NELL´ANZIANO: UN ANNO DI ESPERIENZA NELL´ASL 4 CHIAVARESE DELLA REGIONE LIGURIA
S. Lucarini, G. Piastra, A. Manti, P. Cavagnaro (Chiavari)
FATTORI PROGNOSTICI DOPO FRATTURA DI FEMORE NEI SOGGETTI ULTRANOVANTENNI
F. Bencini, E. Tonon, V. Caleri, C. Cantini, R. Mecacci, P. Guglielmi, S. Bonacchi, L. Bianchi, F. Zecchini, R. Torselli, E. Mossello, C.A. Biagini (Pistoia, Firenze)
MISURE DI FUNZIONE FISICA IN ONCO-GERIATRIA
F. Cerullo, A. Ferrini, G. Colloca, C. Pedone, R. Antonelli Incalzi, G. Gambassi, M. Cesari (Roma, Providence/USA, Gainesville/USA)
I CENTENARI DELL´ASL MONZA E BRIANZA: VALUTAZIONE CLINICA E FUNZIONALE
L. Pozzoli, S. Franchi, M. Gregorio, G. Scivoletto, G. Annoni (Monza)
MODIFICAZIONI DELLA PRESSIONE DIFFERENZIALE E DEI RITMI CIRCADIANI IN UNO STUDIO LONGITUDINALE IN ANZIANI PRATICANTI ATTIVITÁ MOTORIA
F. Zanatta, A. Franchin, V. Giantin, K. Baccaglini, M. Maselli, G. Grosso, M.L. Corradin, A. Zurlo, G. Sergi, E. Manzato (Padova)
CONFRONTO TRA ATTIVITA´ ADATTATA IN PALESTRA E FITWALKING DIABETE DI TIPO 2: STUDIO PILOTA
A. Paperini, F. Cecchi, C. Baggiore, J. Fornai, G. Pasquini, R. Molino-Lova, C. Macchi (Firenze)
 
Giovedí 2 dicembre 2010
Palazzo dei Congressi - Sala 6
17.00- 18.30
METABOLISMO
Moderatori: Giorgio Basile (Messina), Domenico Cucinotta (Bologna)
SCREENING OSTEOPOROSI: OSPEDALE APERTO ORGANIZZATO IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DEL 2009 DAL GISMO LOMBARDIA (GRUPPO ITALIANO STUDIO DIAGNOSI MALATTIE METABOLISMO OSSEO)
I. Santi, M. Massarotti, L. Pietrogrande, M. Longhi, W. Galmarini, G. Gandolini, I. Chiodini, C. Eller Vainicher, M. Bevilacqua (Milano, Rozzano)
EFFETTO DALLA DIETA IPOSODICA NEI SOGGETTI ANZIANI CON SINDROME METABOLICA
M. Inglese, V. Carnevale, A. de Matthaeis, M.A. Annese, G. D´Amico, P. Piscitelli, G. Vendemiale (Foggia, San Giovanni Rotondo)
IL MULTIDIMENSIONAL PROGNOSTIC INDEX (MPI) E´ PIU´ ACCURATO DELL´ESTIMATED-GLOMERULAR FILTRATION RATE NEL PREDIRE LA MORTALITÁ A UN ANNO IN ANZIANI OSPEDALIZZATI CON INSUFFICIENZA RENALE CRONICA
F. Addante, D. Sancarlo, F. Aucella, M. Copetti, C. Scarcelli, L.P. D´Ambrosio, M. Corritore, F. Pellegrini, G. Strippoli, L. Ferrucci, A. Pilotto (San Giovanni Rotondo, Chieti, Baltimore/USA)
L´EFFETTO EMATOPOIETICO DEL TESTOSTERONE E´ MEDIATO DALL´ERITROPOIETINA? I RISULTATI DI UN TRIAL CLINICO IN SOGGETTI ANZIANI DI SESSO MASCHILE
M. Maggio, G.P. Ceda, G. Costantino, Y. Milaneschi, M. Luci, G. Valenti, P.J. Snyder, L. Ferrucci (Parma, Baltimore/USA, Philadelphia/USA)
ASSOCIAZIONE DI OSTEOARTROSI E ATEROSCLEROSI CAROTIDEA NEI PAZIENTI AFFETTI DA SINDROME METABOLICA
A. Martocchia, L. Toussan, M. Stefanelli, P. Falaschi (Roma)
RUOLO DEL MODERATO CONSUMO DI ALCOOL SULLA MORTALITÁ A LUNGO TERMINE NEL SOGGETTO ANZIANO CON E SENZA INSUFFICIENZA CARDIACA CRONICA
G. Gargiulo, T. Pietrosanto, R. Carputo, G. Pirozzi, A. Langellotto, C. Raucci, F. Mazzella, F. Cacciatore, G. Testa, D. Della Morte, D. D´Ambrosio, P. Abete, F. Rengo (Napoli, Campoli Telese)
 
Giovedí 2 dicembre 2010
Palazzo dei Congressi - Sala 9
17.00- 18.30
LA RIABILITAZIONE: DOVE, COME, QUANDO
Moderatori: Francesco Benvenuti (Firenze), Carlo Adriano Biagini (Pistoia)
LA RIABILITAZIONE GERIATRICA NELLE RSA DEL CONSORZIO SAN RAFFAELE: MISURE DI OUTCOME ASSISTENZIALI
G. Pistoia, A. Bertolini, B. Causo, L.M. Addante, M. Chirico, G. Ciavarrella, C. Rosselli, L. Marasco (Modugno)
STATO COGNITIVO E OUTCOME A BREVE E LUNGO TERMINE DOPO RIABILITAZIONE MOTORIA: IL PROGETTO ANZIANO
D. Bettini, F. Bonometti, G. Bianchi, S. Ghibelli, S. Manno, S. Cossi, M.K. Ghisla, E. Facchi, G. Romanelli, A. Marengoni (Brescia)
EFFICACIA DELLA TERAPIA DI ATTIVAZIONE COGNITIVA (CAT) NELLA MALATTIA DI ALZHEIMER IN UN ARCO TEMPORALE DI SEI MESI
D. Gollin, E. Talassi, A. Ferrari, A. Peruzzi, C. Ruaro, A. Codemo, A. La Sala, S. Poli, C. Gabelli (Valdagno, Vicenza)
PREDITTORI DI RECUPERO RIABILITATIVO IN PAZIENTI ANZIANI RICOVERATI IN RIABILITAZIONE CARDIOLOGICA
F. Mazzella, F. Cacciatore, T. Pietrosanto, C. Basile, P. Abete, N. Ferrara, F. Rengo (Campoli Telese, Napoli, Campobasso)
IMPATTO DELL´INFEZIONE DA CLOSTRIDIUM DIFFICILE IN UNA STRUTTURA RIABILITATIVA
S. Orini, C. Lecchi, C. Mule, A. Maestri, N. Astolfi, G. Taveggia (Sarnico)
FRATTURA DI FEMORE NELL´ANZIANO E OUTCOME RIABILITATIVI: ESPERIENZA DI UNA CLINICA DI RIABILITAZIONE INTENSIVA
S. Ercolani, R. Zucchetti, S. Merli, A. Raschi, E. Volpi, F. Mangialasche, M. Caserio, T.F. Rastelli, P. Mecocci (Perugia)
 
Venerdí 3 dicembre
Palazzo dei Congressi - SALA VERDE
17.00-18.30
BIOGERONTOLOGIA COMUNICAZIONI ORALI
GENETICA
Moderatori: Giuseppe Furgi (Telese Terme), Patrizio Odetti (Genova)
CORRELAZIONE TRA PROFILO GENETICO E BIOCHIMICO DI PIN1 NELLA MALATTIA DI ALZHEIMER
B. Arosio, A. Bulbarelli, L. Mastronardi, E. Lonati, S. Pirroni, C. Gussago, C. Vergani, L. Bergamaschini (Milano)
VALUTAZIONE DELL´ESPRESSIONE DI GENI SELEZIONATI IN UNA COPPIA DI GEMELLE OMOZIGOTI DISCORDANTI PER LA MALATTIA DI ALZHEIMER
S. Bastias Candia, C. Abbate, A. Casé, C. D´Addario, S. Candeletti, P. Romualdi, B. Arosio, C. Vergani, L. Bergamaschini (Bologna, Milano)
STUDIO CASO-CONTROLLO PER TRE POLIMORFISMI DEL GENE KLOTHO NELLA MALATTIA DI ALZHEIMER
F. Paris, D. Seripa, G. Paroni, G. D´Onofrio, A. Bizzarro, L. Cascavilla, C. Gravina, M. Urbano, C. Masullo, A. Pilotto (San Giovanni Rotondo, Roma)
ESERCIZIO FISICO, CAPACITA´ DI PRESTAZIONE E POLIMORFISMI GENICI
E. Deiuri, N. Fiotti, N. Altamura, C. Giansante, G. Toigo (Trieste)
 
Venerdí 3 dicembre 2010
Palazzo dei Congressi - Sala Onice
17.00- 18.30
DEMENZA E DISTURBI COMPORTAMENTALI
Moderatori: Luisa Bartorelli (Roma), Veronica Caleri (Pistoia)
MONITORAGGIO DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO NELLE RSA DEL CONSORZIO SAN RAFFAELE
L.M. Addante, G. Pistoia, M. Pace, M. Chirico, C. Cascio, T. Palermo, L. Civino, C. De Luca, G. Belgiovine (Modugno)
IL DELIRIUM NEL PAZIENTE ANZIANO FRATTURATO DI FEMORE: L´ESPERIENZA DELLA ORTOGERIATRIA DEL P.O. SANTA MARIA ANNUNZIATA - FIRENZE
G. Gori, S. Giardini, I. Del Lungo, S. Gangemi, M.A. Mencarelli, P. Mondini, C. Buzzotta, C. Biricolti, C. Pratesi, D. Mazzotta, F. Cecchi, E. Benvenuti (Firenze)
FATTORI ASSOCIATI AL DELIRIUM POST-CHIRURGICO IN PAZIENTI FRATTURATI DI FEMORE: L´ESPERIENZA IN ORTOGERIATRIA
G. Lancellotti, L. Bergamini, M.E. Finelli, V. Guerzoni, M. Mannina, A. Zanasi, M.C. Facchini, P.B. Squarzina, M. Bertolotti, C. Mussi (Modena)
STRUMENTI DI PROTEZIONE E TUTELA FISICA E FARMACI ANTIPSICOTICI
A. Sibilano, S. Lopez, R. Gornati, G. Gazzardi, R. Colombo, M. Castelli, E. Anselmi (Parabiago)
STUDIO DELLA PERCEZIONE OLFATTIVA E GUSTATIVA IN SOGGETTI ANZIANI OSPEDALIZZATI
A. Imoscopi, E.D. Toffanello, E.M. Inelmen, G. Sergi, F. Miotto, M. Simonato, L.M. Donini, E. Perissinotto, M. Barbagallo, D. Cucinotta, E. Manzato (Padova, Roma, Palermo, Bologna)
 
Venerdí 3 dicembre 2010
Palazzo dei Congressi - Sala 4
17.00- 18.30
SINDROMI GERIATRICHE AD ALTO IMPATTO NELL´ANZIANO
Moderatori: Angelo Bianchetti (Brescia), Francesco Corica (Messina)
PROGETTO DI PREVENZIONE, SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLA MALNUTRIZIONE NEL PAZIENTE ISTITUZIONALIZZATO IN RSA/RESIDENZA PROTETTA
F. Gallo, C. Marchello, R. Boicelli, S. Lucarini, P. Cavagnaro (Chiavari)
VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI CADUTE IN UNA POPOLAZIONE GERIATRICA RICOVERATA PRESSO UN´UNITA´ RIABILITATIVA. STRATEGIE DI PREVENZIONE
M.K. Ghisla, C. Loda, F. Baroni, S. Firetto, C. Agosiani, A. Cacciavillani, L. Poloni, E. Facchi (Gussago, Milano)
UN PROGETTO DI PREVENZIONE, CURA E SORVEGLIANZA DELL´INCIDENZA DELLE PIAGHE DA DECUBITO IN OSPEDALE: RISULTATI PRELIMINARI
M. Carli, A. Bracchi,V. Giacomel, A. Maestri, C. Paolucci, G. Saba, E. Cunietti (Lodi, S. Angelo Lodigiano)
L´ETA´ E´ UN FATTORE PREDITTIVO DI SINCOPE INSPIEGATA NEL MONDO REALE DI UN GRANDE OSPEDALE. RISULTATI DI UNO STUDIO OSSERVAZIONALE CONDOTTO A CAREGGI
V.M. Chisciotti, A. Morrione, M. Rafanelli, M.A. Brunetti, E. Ruffolo, G. Pepe, M. Risso, S. Grifoni, A. Ceccofiglio, E. Tozzi, N. Marchionni, A. Ungar (Firenze)
PREVALENZA DI LESIONI CUTANEE IN OSPEDALE
A. Casanova, J. Restelli, S. Bertolio (Feltre)
FRAGILITA´ E COMPLESSITA´ CLINICA NELL´ANZIANO CON DELIRIUM AFFETTO DA PATOLOGIA ACUTA
A. Grippa, F. Caronzolo, M.G. Accetta, P. Crescenti, R. Germanó, G. Lombardo, T. Pipicella, F. D´Amico (Patti, Messina)
 
Venerdí 3 dicembre 2010
Palazzo dei Congressi - Sala 6
17.00- 18.30
DOLORE, CURE TERMINALI E STATO DI SALUTE
Moderatori: Lorenzo Boncinelli (Firenze), Matteo Monami (Firenze)
DOLOPLUS 2® : SCREENING DIAGNOSTICO DI DOLORE CRONICO IN PAZIENTI AFFETTI DA DEMENZA IN REGIME DI RESIDENZIALITA´
P. Odetti, F. Monacelli (Genova)
IL DOLORE NELLA RIABILITAZIONE DI PAZIENTI SOTTOPOSTI A CHIRURGIA ORTOPEDICA MAGGIORE DELL´ARTO INFERIORE: STUDIO MULTICENTRICO
F. Cecchi, C. Pazzaglia, R. Molino-Lova, L. Padua (Firenze, Roma, Parma, Sarzana, Milano, Rovato, Falconara, Parma)
OPINIONI A CONFRONTO SUL FINE VITA TRA I PROFESSIONISTI SANITARI IN AMBITO GERIATRICO: LO STUDIO E.L.D.Y. (END OF LIFE DECISIONS STUDY)
M. Iasevoli, V. Giantin, E. Valentini, M. Simonato, V. Pengo, A. Zurlo, R. Pegoraro, S. Maggi, G. Crepaldi, E. Manzato (Padova)
CONDIZIONI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE ANZIANA IN UMBRIA NEGLI ANNI 2004-2005
B. Gasperini, G. Dell´Aquila, P. Eusebi, C. Ruggiero, P. Casucci, M.G. Ranalli, R. Bacuccoli, M. Catanelli, G.E. Montanari, A. Cherubini (Perugia)
PREVALENZA DEL DOLORE NEUROPATICO IN UNA POPOLAZIONE ANZIANA OSSERVATA IN UN TEAM DI APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE PER LA DIAGNOSI DI NEUROPATIA DIABETICA
E. Calabresi, R. Torti, R. De Pasquale, C. Borzone, L. Reni, A. Schenone, B. Piras, P. Odetti, G.L. Viviani (Genova)
APPLICAZIONE DI UNA CARTELLA ANTALGICA PER LA VALUTAZIONE E LA GESTIONE DEL DOLORE NELL´ANZIANO ISTITUZIONALIZZATO
D. Moretti, M. Mammucari, T. Ceraldi, G. Collodo, P. Di Vincenzo, I. Dumitru, M. Gandelli, M. Gianotto, I. Leoni, S. Torretta, R. Velleca, F. Cetta, M. Monti (Milano, Roma, Siena)
 
Venerdí 3 dicembre 2010
Palazzo dei Congressi - Sala 9
17.00- 18.30
RISCHIO CARDIOVASCOLARE
Moderatori: Antonio Gambardella (Napoli), Giuseppe Lantone (Taranto)
RUOLO DELLE VARIANTI ALLELICHE Gly1057Asp e Leu647Val DELL´IRS-2 NELLA DETERMINAZIONE DEL RISCHIO CARDIO-METABOLICO
M.P. Dagostino, E. Grandone, A. Greco, G. Pietrapertosa, R. Minnone, G. Vendemiale (Foggia, San Giovanni Rotondo)
SENTIRSI PIÚ GIOVANI DELLA PROPRIA ETÁ REALE : ANALISI IN UN GRUPPO OMOGENEO DI SETTANTENNI RESIDENTI AL DOMICILIO
A. Guaita, R. Vaccaro, S. Abbondanza, E. Valle, L. Fascia, S. Fossi, S. Vitali, G. Carella, R. Cazzaniga, P. Ranzani, M. Colombo, A. Ceretti (Abbiategrasso)
INDAGINE SUL PROFILO DI RISCHIO CARDIOVASCOLARE E SULLA FRAGILITA´ NELLA POPOLAZIONE ANZIANA SFOLLATA NELLE TENDOPOLI DELL´AQUILA DOPO IL TERREMOTO
A. Camerota, D. Mastroiacovo, M. Andriulli, M. D´Andrea, S. Feliciangeli, N. Guadagnoli, L. Moranti, A. Perilli, I. Petrella, A. Ralli, L. Semeraro, L. Chichiarelli, A. Raffaele, G. Desideri (L´Aquila, Pescina)
VALUTAZIONE DEL RISCHIO OPERATORIO E GESTIONE TERAPEUTICA DEI PAZIENTI ANZIANI CON CANCRO DEL RETTO
A. Gambardella, C. Mocerino, G. Di Sarno, C. Gambardella, L. Santini (Napoli)
MORTALITA´ A LUNGO TERMINE NEL SOGGETTO ANZIANO CON ELEVATA PRESSIONE ARTERIOSA DIFFERENZIALE: RUOLO DEI FARMACI BETA-BLOCCANTI NON VASODILATATORI
T. Pietrosanto, C. Raucci, R. Carputo, G. Pirozzi, G. Gargiulo, G. Testa, F. Mazzella, F. Cacciatore, D. Della Morte, P. Abete, F. Rengo (Napoli, Campoli Telese)
IMPATTO DEL DIABETE MELLITO SULLO STATO COGNITIVO E LA DISABILITA´ IN PAZIENTI ANZIANI OSPEDALIZZATI AFFETTI DA SCOMPENSO CARDIACO
P. Figliomeni, M.D. Cucinotta, A.R. Ciano Albanese, A. Riganello, G. Castagna, P. Parisi, G. Basile (Messina)
 
Venerdí 3 dicembre 2010
Palazzo dei Congressi - Auditorium
18.15 - 19.30
Comunicazioni Orali Premiate
Moderatori: Giovanni Fradá (Corleone), Marco Trabucchi (Brescia)
ALTERAZIONI DELLA BIOENERGETICA MITOCONDRIALE IN UN MODELLO ANIMALE DI IPOPERFUSIONE CEREBRALE CRONICA
A. Romano, G. Serviddio, M. Lauriola, F. Bellanti, R. Tamborra, M. Blonda, G. Vendemiale (Foggia, San Giovanni Rotondo)
IL DOLORE NELLA DEMENZA. STUDIO SU 100 PAZIENTI
A. Di Prima, V. Picciolo, V. Arcoleo, F. Inzerillo, L.J. Dominguez, M. Barbagallo, M. Belvedere (Palermo)
VARIAZIONE A TRE ANNI DELLA PERFORMANCE MOTORIA NELLA DONNA ANZIANA NON ISTITUZIONALIZZATA: RUOLO DEL PARATORMONE E DELLA VITAMINA D
S. Sarti, A. Coin, E. Ruggiero, A. Imoscopi, M. Mosele, G. Pintore, F. Bolzetta, N. Veronese, L. Berton, S. Catanzaro, E.M. Inelmen, G. Sergi, E. Manzato (Padova)
OUTCOME DELLA RIABILITAZIONE GERIATRICA IN PAZIENTI CON EVENTO ACUTO INTERNISTICO: FATTORI PROGNOSTICI
C. Cornali, S. Franzoni, P. Ranieri, B. Cossu, I. Badini, M. Pizzoni, A. Bianchetti, M. Trabucchi (Brescia)
DETERIORAMENTO COGNITIVO E COMPROMISSIONE FUNZIONALE IN PAZIENTI AMBULATORIALI AL MOMENTO DELLA DIAGNOSI
S. Mondino, G. Isaia, G. Nobili, A. Bernardi, A. Mastrapasqua, F. Ruatta, G.C. Isaia, M. Bo, N. Aimonino Ricauda, M. Massaia (Torino)
 
POSTER CON DISCUSSIONE
 
Mercoledí 1° dicembre 2010
LIMONAIA 14.00-15.00
GRUPPO A
Moderatore: Francesca Bencini (Pistoia)
1. RITMO CIRCADIANO DELLA PRESSIONE ARTERIOSA ED IPOTENSIONE POST PRANDIALE IN SOGGETTI ANZIANI DURANTE MAPA
G. Moniello, S. Di Stefano, A. D´Urso, L. Ariano, A. Trecca, M. Caldarola, A. Zanasi, M. Zanasi (Foggia)
2. VALUTAZIONE DELLA CAPILLAROSCOPIA PERIUNGUEALE E DELL´ECODOPPLER CAROTIDEO IN UNA POPOLAZIONE DI GRANDI VECCHI
A. Di Biase, V. Polini (Taranto)
3. ABLAZIONE TRANS CATETERE NEL FLUTTER ATRIALE TIPICO. UNA PROCEDURA UTILE E SICURA ANCHE NEL GRANDE ANZIANO?
A. Greco, M. Grimaldi, V. Forino, G. Lotito, L. Ranieri, F. Mastroianni, T. Langialonga (Acquaviva delle Fonti)
4. STUDIO LONGITUDINALE DI UNA COORTE DI ANZIANI PRATICANTI ATTIVITÁ MOTORIA: ANALISI DELLA PRESSIONE ARTERIOSA CON ABPM
K. Baccaglini, V. Giantin, A. Franchin, F. Zanatta, M. Maselli, G. Grosso, M.L. Corradin, A. Zurlo, G. Sergi, E. Manzato (Padova)
5. SCOMPENSO CARDIACO DIASTOLICO, ANEMIA, TRATTAMENTO CON ERITROPOIETINA ED ANALISI DELLA PROGRESSIONE DI MALATTIA
G. Lombardo, F. Caronzolo, A. Grippa, R. Grasso, P. Crescenti, T. Pipicella, F. D´Amico (Patti, Messina)
6. LA CALCEMIA COME FATTORE DI RISCHIO CARDIOVASCOLARE NEL PAZIENTE ANZIANO
A. de Matthaeis, V. Carnevale, M. Inglese, G. D´Amico, M.A. Annese, A. Giannolo, G. Vendemiale (San Giovanni Rotondo, Foggia)
7. MONITORAGGIO DINAMICO NON INVASIVO DELLA PRESSIONE ARTERIOSA IN PAZIENTI OVER - 80
S. Mannino, S. Lattuada (Bergamo)
8. STRATIFICAZIONE PROGNOSTICA MEDIANTE CODICE ARGENTO NEL REGISTRO AMI-FLORENCE 2: IMPATTO SULL´APPLICAZIONE DELLA RIPERFUSIONE CORONARICA E LA SUA VALUTAZIONE DI EFFICACIA
S. Fracchia, D. Balzi, A. Barchielli, C. Baroncini, A. Sori, A.T. Roberts, F. Orso, G.F. Gensini, N. Marchionni, M. Di Bari (Firenze)
9. LA CARDIOVERSIONE EFFICACE DELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE DETERMINA IL MIGLIORAMENTO PRECOCE DELLA PERFORMANCE CARDIACA: RISULTATI PRELIMINARI DI UNO STUDIO SUGLI EFFETTI MECCANICI A BREVE TERMINE DEL RIPRISTINO DEL RITMO SINUSALE
S. Francini, D. Gabbai, S. Pedri, M. Casalone Rinaldi, Y. Makhanian, R. Sollami, F. Tarantini, N. Marchionni, S. Fumagalli (Firenze)
 
Mercoledí 1° dicembre 2010
LIMONAIA 14.00-15.00
GRUPPO B
Moderatore: Giovanni Gelmini (Fornovo Taro)
10. PERFORMANCE ORIENTED MOBILITY ASSESSMENT (POMA) E CADUTE IN RSA: MONITORAGGIO DI UN ANNO
P. Pagliari, S. Bodini, P. Cosso, A.B. Ianes, L. Locati, G. Ricci, S. Sala (Villasanta)
11. DESTINO SOCIALE E SITUAZIONE FUNZIONALE DI PAZIENTI A 2 MESI DALLA DIMISSIONE DA REPARTI DI RIABILITAZIONE GERIATRICA
M. Colombo, G. Procino, M. Cottino, G. Previderé, M. Cairati, S. Giorgi, D. Ferrari, A. Ceretti, A. Guaita (Abbiategrasso)
12. ANALISI DEMOGRAFICA E VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE COME ELEMENTI DI GOVERNANCE DEL SISTEMA ANZIANI IN PROVINCIA DI TRENTO: PROPOSTE PER MIGLIORARE LA RETE DEI SERVIZI
P. Zambaldi, G. Tava, F. Gelpi, G. Noro (Trento)
13. SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO ISTAT D4 E D5 EDIZIONE 2011 (Draft D) NELLE RSA DEL CONSORZIO ″SAN RAFFAELE″ IN PUGLIA
A. Spica, G. Caputi, R. Prato, L.M. Addante (Modugno, Bari)
14. CARATTERISTICHE DEI PAZIENTI NEL POST ICTUS RICOVERATI NELL´RSA DELLA ASL4 CHIAVARESE
F. Cappelletto, B. Dijk, R. Risso, D. Montanari, P. Cavagnaro (Chiavari)
15. UPDATE DELL´MPI NELLE RSA DEL CONSORZIO SAN RAFFAELE
A. Retta, A. Spica, L.M. Addante (Modugno)
16. VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE GERIATRICA IN SOGGETTI ULTRASESSANTENNI HIV INFETTI
E. Corda, R.V. Caria, M.G. Congiu, F. Ortu, A. Mandas (Cagliari)
17. INDAGINE OSSERVAZIONALE SULLA POPOLAZIONE RICOVERATA PRESSO LA RSA "SANDRO PERTINI" DI GARBAGNATE MILANESE - ASL MILANO 1
S. Terrevazzi, M. Danese, F. Silvola, D. Vasaturo, L. Pelucchi, V. Grassi (Garbagnate Milanese, Limbiate)
18. VALIDAZIONE DI UNO STRUMENTO PER LA MISURAZIONE DELLA FRAGILITA´ IN UNA POPOLAZIONE ANZIANA DELLA REGIONE CAMPANIA
R. Carputo, T. Pietrosanto, A. Langellotto, G. Pirozzi, C. Mastrobuoni, C. Raucci, G. Gargiulo, F. Mazzella, F. Cacciatore, G. Testa, P. Abete, F. Rengo (Napoli, Campoli Telese)
19. IL MONITORAGGIO DELLE LISTE D´ATTESA DELLE RSA
R. Gornati, S. Lopez, A. Sibilano, M. Stefanoni, R. Balconi, E. Aiello, C. Zuffinetti (Milano, Parabiago)
20. POLIFARMACOTERAPIA E DISABILITA´ NELL´ANZIANO
G. Burgo, G. Sgró, A. Malara, M. Garo (Cortale, Lamezia Terme)
 
Mercoledí 1° dicembre 2010
LIMONAIA 14.00-15.00
GRUPPO C
Moderatore: Rossella Mecacci (Pistoia)
21. PROGETTO DELPHI: L´APPROPRIATEZZA DEL PERCORSO CLINICO-DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO NEL PAZIENTE ANZIANO
B. Barbato, F. Tisato, S. Volpato, V. Negrin, M. Pozzebon, C. Barbisan, M. Calabró (Treviso)
22. LA CONSULENZA GERIATRICA A DOMICILIO: LA REALTÁ DELLA ASL 4 DI PRATO
F. Bartalucci, A.V. Mitidieri-Costanza, L.R. Gambardella, S.U. Magnolfi (Prato)
23. COGNITIVITA´ E BPSD DOPO L´APPLICAZIONE DEL METODO ″GENTLE CARE″ NELLE RSA DEL CONSORZIO SAN RAFFAELE
P. Briganti, A. Retta (Modugno)
24. UTILITA´ DEI SISTEMI HIGH-TECH PER MIGLIORARE QUALITA´ DI VITA, DI CURA E SICUREZZA DEI PAZIENTI CON MALATTIA DI ALZHEIMER: STUDIO MULTICENTRICO INTERNAZIONALE
D. Sancarlo, G. D´Onofrio, G. Paroni, E. Benelli, A. Zanesco, N. van der Vaart, M.C. Margel, S. Wanche-Politis, D. Kilias, A. Pilotto (San Giovanni Rotondo, Palermo, Napoli, Malaga/Spagna, Barcellona/Spagna, Atene/Grecia, Rodi/Grecia)
25. COMPLESSITA´ DEI PAZIENTI GERIATRICI IN UNA LUNGODEGENZA
D. Ferrari, P. Golotta, T. Vetró, G. Battaglia (Vibo Valentia, Soriano Calabro)
26. UNA LUNGODEGENZA GERIATRICA PER POST-ACUTI
P. Golotta, D. Ferrari, T. Vetró, G. Battaglia (Soriano Calabro)
27. UN MODELLO AMBULATORIALE PER LA GESTIONE DEL PAZIENTE CON SCOMPENSO CARDIACO. IL CASE MANAGEMENT INFERMIERISTICO
R. Grasso, F. Caronzolo, A. Grippa, G. Lombardo, P. Crescenti, M.G. Accetta, R. D´Agata, M.L. Adamo, T. Pipicella, F. D´Amico (Patti, Messina)
28. EFFETTI DELLA STIMOLAZIONE MULTISENSORIALE TIPO SNOEZELEN SU UN GRUPPO DI ANZIANI AFFERENTI AD UN CENTRO DIURNO ALZHEIMER E CON DISTURBI DEL COMPORTAMENTO
B. Brignoli, S. Bagini (Treviolo)
29. VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE GERIATRICA IN DUE GRUPPI DI PAZIENTI ALZHEIMER TRATTATI CON MEMANTINA E MEMANTINA + AChEI. RISULTATI PRELIMINARI DOPO UN ANNO DI SPERIMENTAZIONE PRESSO UN NUCLEO ALZHEIMER DI GENOVA
E. De Lorenzi, A. Migone, A. Mendola, N. Misiano, C. Musso (Genova)
30. SORVEGLIANZA ESTIVA DEGLI EVENTI AVVERSI FRA GLI OSPITI DELLE RSA DEL LAZIO - PROGRAMMA SEAR 2009
A. Mastromattei, A. Capon, D. Di Lallo, G. Guasticchi (Roma)
31. UTILIZZO DELLA SCALA BRASS IN UN REPARTO DI GERIATRIA PER ACUTI
E. Saltarelli, T. Trafuoci, M. Bitti, N. Carangelo, E. Martini, G. Cremonini, M.L. Lunardelli (Bologna)
 
Mercoledí 1° dicembre 2010
LIMONAIA 14.00-15.00
GRUPPO D
Moderatore: Vincenzo Vismara (Empoli)
32. RELIGIONE E PROGETTUALITA´ EDUCATIVA: LA FORZA DELLA FEDE NELL´ANZIANO
D. Convertini, G. Pistoia, G. Sasanelli, M. Caramia (Modugno)
33. GESTIONE RIABILITATIVA DI PAZIENTI CON POLIPATOLOGIA IN R.S.A. DEL CONSORZIO SAN RAFFAELE: FOLLOW-UP A 6 MESI
G. Belgiovine, L. M. Addante, G. Gargiulo, A. Cannone, M. Moret Iurilli, F. De Cata, C. Ciotti (Modugno)
34. ANALISI DESCRITTIVA DI UNA POPOLAZIONE DI PAZIENTI RICOVERATI PRESSO UN´UNITA´ OPERATIVA DI RIABILITAZIONE DI MANTENIMENTO (UORM) DELL´HINTERLAND MILANESE
G. Giardini, E. Barbetti, R. Fabbri, A. Lesmo, A. Marinini, I. Ghezzi, G. Dell´Orto, A. Caimmi, E. Rebecchi, A.L. Bonati, F. Pregliasco (Milano)
35. GLI OUTCOME DELLA RIABILITAZIONE IN UNA RSA DELL´ASL 4 CHIAVARESE
F. Dall´Acqua, A. Foppiano (Chiavari)
36. STUDIO OSSERVAZIONALE A LUNGO TERMINE IN PAZIENTI CON MALATTIA DI ALZHEIMER SOTTOPOSTI AD ATTIVITÁ DI STIMOLAZIONE COGNITIVA
A. Ferrari, F. Cozzi, D. Gollin, A. Peruzzi, C. Ruaro, C. Gabelli (Vicenza, Valdagno)
37. INFLUENZA DELL´INTENSIVITA´ SANITARIA E DELLA FRAGILITA´ SOCIALE SULL´ESITO DELL´INTERVENTO RIABILITATIVO GERIATRICO
R. Bagarolo, E. Segato, C. Leuci (Milano)
38. IL TRATTAMENTO RIABILITATIVO DOPO FRATTURA DI FEMORE IN ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO
A. Matteazzi, M. Ventagli, P. Chioatto, U. Lorenzoni, L. Capilupi, C. Varvarikis, C. Scarabello, A. Pedron, A. Matteazzi, G. Valerio, P. Fortuna (Vicenza)
39. UN´ESPERIENZA DI INTERVENTO RIABILITATIVO IN GRUPPO CON ANZIANI AFFETTI DA STROKE IN FASE STABILIZZATA
E. Betti, M. Lazzarino, P. Serpero (Genova)
40. SINTOMI DEPRESSIVI E MORTALITA´ AD UN ANNO IN PAZIENTI ANZIANI RICOVERATI PER RIABILITAZIONE ORTOPEDICA
F. Guerini, E. Lucchi, S. Morghen, G. Bellelli, M. Trabucchi (Cremona, Brescia, Roma)
41. ANALISI DEI RISULTATI DELL´ INTERVENTO RIABILITATIVO IN UNA RSA IN PAZIENTI CON FRATTURA DI FEMORE
C. Ivaldi, E. Bennati, A. Merlo, G. Ottonello, G. Parodi, E. Palummeri (Genova)
 
Mercoledí 1° dicembre 2010
LIMONAIA 14.00-15.00
GRUPPO E
Moderatore: Filomena Addante (San Giovanni Rotondo)
42. POLIMIALGIA REUMATICA: PATOLOGIA FREQUENTE, MA SPESSO DI DIFFICILE DIAGNOSI
G. Battaglia, D. Ferrari, P. Golotta, T. Vetró (Soriano Calabro)
43. PREVALENZA DI OSTEOPOROSI SEVERA IN PAZIENTI CON ESITI DI RECENTI FRATTURE DI FEMORE DA FRAGILITA´, AFFERENTI AI REPARTI RIABILITATIVI DELL´ISTITUTO GERIATRICO ASP IMMeS E PIO ALBERGO TRIVULZIO DI MILANO: RISULTATI PRELIMINARI
N. Antoniotti, S. Bumbac, C.I. Zanoni, I. Santi (Milano)
44. RUOLO PROGNOSTICO DELLA FORZA DI PRENSIONE DELLA MANO IN PAZIENTI ANZIANI OSPEDALIZZATI
E. Savino, C. Maraldi, F. Sioulis, G. Zuliani, R. Fellin, J.M. Guralnik, S. Volpato (Ferrara, Bethesda/USA)
45. DANNO OSSIDATIVO ED ATTIVAZIONE PIASTRINICA COME DETERMINANTI DI DISABILITA´ E MORTALITA´ NELL´ANZIANO
M. Cesari, R. Antonelli Incalzi, M. Pahor (Roma, Gainesville/USA)
46. GESTIONE COMBINATA: UN PERCORSO ASSISTENZIALE PER IL PAZIENTE CON FRATTURA DI FEMORE DA FRAGILITA´
G. Voltan, P. Corró, F. Vescovi (Noale)
47. PREVALENZA DI OSTEO-SARCO-DINAPENIA IN ANZIANI RICOVERATI IN RSA E CURE INTERMEDIE; QUS E HANDGRIP COME PREDITTORI DI RISCHIO CLINICO
F. Monacelli, F. Dellacasa , S. Piredda, P. Odetti (Genova)
48. VALUTAZIONE DELLA COMPLESSITA´ CLINICA DEL PAZIENTE ORTOGERIATRICO: I DATI DELL´AZIENDA OSPEDALIERA S. ANDREA
I. Indiano, L. Tafaro, S. Pascali, E. De Marinis, M. Stefanelli, A. Devito, R. Benvenuto, A. Martocchia, M.P. Corradi, A. Ferretti, P. Falaschi (Roma)
49. PERCORSO MULTIDISCIPLINARE NELLE FRATTURE DI FEMORE DELL´ANZIANO: L´ESPERIENZA DELL´OSPEDALE MORGAGNI PIERANTONI DI FORLI´
F. Boschi, F. Brandolini, F. Lijoi, G. Cirillo (Forlí)
50. ORTOGERIATRIA: CHECK LIST PRE OPERATORIA
L. Residori, M. Marcer, P.P. Benetollo, R. Facchinetti, C. Ruggiano (Verona)
51. IL PAZIENTE ANZIANO FRATTURATO DI FEMORE IN ORTOGERIATRIA: LE PIAGHE DA DECUBITO COME COMPLICANZA LEGATA ALL´OSPEDALIZZAZIONE
S. Gangemi, I. Del Lungo, S. Giardini, M.A. Mencarelli, P. Mondini, M.L. Goli, C. Biricolti, D. Mazzotta, F. Cecchi, G. Gori, E. Benvenuti (Firenze)
52. SVILUPPO DI UN SISTEMA DI INDICI PER IL CONTROLLO DI QUALITA´ IN ORTOGERIATRIA ALL´INTERNO DEL P.O. SANTA MARIA ANNUNZIATA DI FIRENZE: L´IPEG-OG
S. Giardini, I. Del Lungo, P. Mondini, S. Gangemi, M.A. Mencarelli, C. Biricolti, C. Bertini, D. Mazzotta, F. Gemmi, F. Cecchi, G. Gori, E. Benvenuti (Firenze)
53. IL PAZIENTE ORTOGERIATRICO FRAGILE: ILLUSTRAZIONE DI UN CASO CLINICO
I. Del Lungo, S. Giardini, M.A. Mencarelli, S. Gangemi, P. Mondini, C. Biricolti, G. La China, D. Mazzotta, F. Cecchi, G. Gori, E. Benvenuti (Firenze)
 
Giovedí 2 dicembre 2010
LIMONAIA 14.00-15.00
GRUPPO F
Moderatore: Donatella Calvani (Prato)
54. DEPRESSIONE E DISABILITA´ IN SOGGETTI ANZIANI OSPEDALIZZATI PER RIACUTIZZAZIONE DI SCOMPENSO CARDIACO
M. Caldarola, S. Di Stefano, A. D´Urso, L. Ariano, A. Trecca, G. Moniello, A. Zanasi, M. Zanasi (Foggia)
55. MOTIVAZIONE LAVORATIVA E STRESS DEL CAREGIVER FORMALE IN RSA
M.D. Nuzzo, C. Scarafiotti, S. Raspo, A. Bonati, F. Pregliasco (Cesano Boscone, Torino, Cuneo, Milano)
56. RIABILITAZIONE COGNITIVO-COMPORTAMENTALE IN RSA: QUALI OUTCOMES
M. Chirico, G. Pistoia, L.M. Addante, A. Allegretti, V. Manisco, M. Santoro, G. Benegiamo, M. Digitale (Modugno)
57. METODOLOGIA DI INTERVENTO DI STIMOLAZIONE COGNITIVA PER PERSONE CON DEMENZA NELLA LOGICA DELL´APPROCCIO PROTESICO
C. Cutaia, S. Luise, E. Marelli, B. Sagliani, E. Valle, S. Vitali, A. Ceretti, A. Guaita (Abbiategrasso)
58. LA STIMOLAZIONE MULTIMODALE NELLA MALATTIA DI ALZHEIMER L´IMPORTANZA DEL PREFISSO ″RI″ NELLA QUOTIDIANITA´ E NEI RAPPORTI INTERCORRENTI TRA PAZIENTE E CAREGIVER
A. Migone, E. De Lorenzi, A. Mendola, N. Misiano, C. Kreutzer, M. Stillone (Genova)
59. ″LA PALESTRA DELLA MEMORIA″: L´EFFICACIA DI UN INTERVENTO DI TRAINING COGNITIVO PER ANZIANI SANI
C. Giuli, R. Papa, D. Postacchini (Fermo, Ancona)
60. UNITA´ DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE DISTRETTUALE PER LE DEMENZE (UVMMD-D) NELL´AMBITO DELLA UVA/CDC TERRITORIALE: EFFETTI DELLA PRESA IN CARICO GLOBALE ED INTEGRATA DEL PAZIENTE CON DEMENZA IN FASE MODERATA-SEVERA
C. Basso, B. Baggio, M.C. Bollini, G. De Zottis, F. Tiozzo, A. Corró, G. Angiolelli, V. Noventa, A. Cester (Mirano, Dolo)
61. LA COMUNICAZIONE COME ELEMENTO IMPRESCINDIBILE NEL PERCORSO DI CURA DELL´ANZIANO
P. Crescenti, R. Natoli, A. Grippa, F. Caronzolo, G. Lombardo, M.G. Accetta, T. Pipicella, F. D´Amico (Patti, Messina)
62. SINDROME DI PENELOPE E IPERTENSIONE ARTERIOSA NON CONTROLLATA
T. Pipicella, A. Grippa, F. Caronzolo, G. Lombardo, P. Crescenti, R. Natoli, R. Germanó, R. Grasso, M.L. Adamo, C. Lo Balbo, M. G. Accetta, F. D´Amico (Patti, Messina)
63. STUDIO RETROSPETTIVO: ANTIPSICOTICI ″ATIPICI″ E TRATTAMENTO DEI DISTURBI COMPORTAMENTALI IN PAZIENTI CON DECLINO COGNITIVO
G. Belvedere, C. Arizzi, A. Di Prima, V. Picciolo, L.J. Dominguez, M. Barbagallo, M. Belvedere (Palermo)
64. IDROCEFALO CRONICO NELL´ANZIANO: CASO CLINICO
S. Miraglia, C. Arizzi, A. Di Prima, V. Picciolo, L.J. Dominguez, M. Barbagallo, M. Belvedere (Palermo)
 
Giovedí 2 dicembre 2010
LIMONAIA 14.00-15.00
GRUPPO G
Moderatore: Marco Mannucci (Firenze)
65. APPROCCIO SISTEMICO NEL WOUND CARE: ESPERIENZA DELLA AO SANT´ANDREA DI ROMA
C. Luciani, P. Falaschi, R. Benvenuto, M. Cavallini, M.A. Parafati, D. Ceci (Roma)
66. EFFICACIA DEL MODELLO RIABILITATIVO GERIATRICO DEL CONSORZIO SAN RAFFAELE IN UNA RSA
M. Benigno, F. Resta, G. Spata, L. M. Addante, S. Scisci, R. Zuccaro (Modugno)
67. IL DOLORE NEL PORTATORE DI LESIONI CUTANEE CRONICHE
J. Restelli, A. Casanova, S. Bertolio (Feltre)
68. INTEGRAZIONE OSPEDALE-TERRITORIO NELLA GESTIONE DEL PAZIENTE AFFETTO DA ULCERA CUTANEA CRONICA
G. Rossi, E. Tamietti, S. Pilon, S. Gorlato (Torino)
69. THE HALT PROJECT (SURVEILLANCE OF HEALTHCARE-ASSOCIATED INFECTIONS AND RELATED PRACTICES IN EUROPEAN LONG-TERM CARE FACILITIES) NELLE RSA DEL CONSORZIO ″SAN RAFFAELE″ IN PUGLIA
M.T. Balducci, R. Prato, A. Spica, L.M. Addante (Bari)
70. SICUREZZA E TOLLERABILITA´ DELLA TERAPIA ANTIVIRALE DI COMBINAZIONE PER L´EPATITE CRONICA DA VIRUS C NEI PAZIENTI ANZIANI
M.L. Sorlini, G. Romanelli, C. Baiguera, A. Vavassori, K. Prestini, M. Mendeni, M. Puoti (Brescia)
71. ALESSITIMIA E QUALITÁ DELLA VITA IN PAZIENTI ANZIANE CON CANCRO DELLA MAMMELLA
C. Mocerino, M. Taddeo, A. Neofotistou, A. Gambardella (Napoli)
72. MERALGIA PARESTESICA IN UNA PAZIENTE CON UNA NEOPLASIA UTEROANNESSIALE
P. Bonometto, P. Albanese, M. Formilan, A. Cester (Dolo)
73. CONCENTRAZIONE EMOGLOBINICA E FUNZIONE FISICA IN PAZIENTI ANZIANE ONCOLOGICHE
A. Ferrini, G. Colloca, F. Cerullo, R. Antonelli Incalzi, G. Gambassi, M. Cesari (Roma, Providence/USA, Gainesville/USA)
74. POLIMIOSITE PARANEOPLASTICA ATIPICA ALL´ESORDIO DI CARCINOMA DEL COLON IN UN SOGGETTO ANZIANO
F. Rosa, M. Ferrari, A. Buschiazzo, E. Lanfranco (Albisola Superiore, Genova, Savona)
75. ALTE DOSI DI FITOESTROGENI (ISOFLAVONOIDI) NON MIGLIORANO I PARAMETRI METABOLICI ED INFIAMMATORI IN SOGGETTI DI SESSO MASCHILE CON CARCINOMA PROSTATICO SOTTOPOSTI A TERAPIA DI DEPRIVAZIONE ANDROGENICA
S. Parrino, M. Maggio, J. Napora, G. Ryan, B.S. Short, D. Muller, O. Carlson, T.G. Travison, J. Egan, S. Basaria (Parma, Baltimore/USA, Boston/USA)
 
Giovedí 2 dicembre 2010
LIMONAIA 14.00-15.00
GRUPPO H
Moderatore: Giovanni Sgró (Lamezia Terme)
76. VALUTAZIONE DEL PATTERN NEUROPSICOLOGICO IN CORSO DI DIETA AGLUTINATA NEL PAZIENTE CELIACO ANZIANO
S. Casella, C. Ricci, F. Lanzarotto, B. Zanini, D. Turini, G. Romanelli, A. Lanzini (Brescia)
77. DIARREA IN UN PAZIENTE ANZIANO CON MALATTIA DI PARKINSON. UN CASO DI ESORDIO TARDIVO DI RETTOCOLITE ULCEROSA
M. Migale, E. Santillo, V. Santillo, V. De Crescenzo, I. Cascinelli, A. Amendola, F. Rossi, M. Manini (Pitigliano)
78. IL MULTIDIMENSIONAL PROGNOSTIC INDEX (MPI) BASATO SULLA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE E´ PIU´ ACCURATO DEGLI SCORE ROCKALL E BLATCHFORD NEL PREDIRE LA MORTALITÁ DEI PAZIENTI ANZIANI CON EMORRAGIA DIGESTIVA
M. Franceschi, F. Addante, D. Sancarlo, A. Fontana, C. Scarcelli, M. Corritore, M. Copetti, L. Ferrucci, A. Pilotto (San Giovanni Rotondo, Schio, Baltimore/USA)
79. LA VALUTAZIONE, ATTRAVERSO UTILIZZO DI UN QUESTIONARIO A PUNTEGGIO, DELL´APPORTO DI CALCIO CON L´ALIMENTAZIONE PUO´ RAPPRESENTARE PREMESSA PER UNA DIFFERENTE STRATEGIA TERAPEUTICA? L´ESPERIENZA IN UNA COORTE DI SOGGETTI ANZIANI DELLA PENISOLA SORRENTINA
C. Manzo, M.T. Russo (Napoli)
80. EFFETTI DELLA DIETA IPOPROTEICA 6 GIORNI LA SETTIMANA SUI SINTOMI DEPRESSIVI IN ANZIANI DIABETICI TIPO 2
T. Ciarambino, G. Paolisso, N. Ferrara, L. Coppola, M. Giordano (Napoli)
81. LA GOTTA: UNA PATOLOGIA SPESSO MISCONOSCIUTA NELL´ANZIANO
E. Zengarini, C. Ruggiero, B. Gasperini, R. Gugliotta, T. Mariani, A. Elmo, E. Zampi, H. Nguyen, R. Serra, M.G Cupido, F. Patacchini, G. Dell´Aquila, A. Cherubini (Perugia)
82. RISCHIO DI CADUTA E FORZA MUSCOLARE IN ANZIANI CON DIABETE MELLITO
F. D´Amico, A. Grippa, F. Caronzolo, G. Lombardo, F. Chirafisi, P. Crescenti, R. Grasso, M.L. Adamo, M.G. Accetta, T. Pipicella (Patti, Messina)
83. RUOLO DI INCRETINO-MIMETICI E INIBITORI DI DPP-4 NEL TRATTAMENTO DELLA NEUROPATIA SENSITIVA ASSOCIATA A DIABETE MELLITO TIPO II IN PAZIENTI ANZIANI
N. Marzulli, G. D´Amico, M.A. Annese, M. Damato, G. Vendemiale (San Giovanni Rotondo, Foggia)
84. UTILITÁ DEL MULTIDIMENSIONAL PROGNOSTIC INDEX (MPI) NEL PREDIRE LA MORTALITÁ A BREVE E LUNGO TERMINE IN PAZIENTI GERIATRICI CON DIABETE DI TIPO 2
L.P. D´Ambrosio, G. Paroni, F. Addante, S. Maggi, D. Sancarlo, G. Crepaldi, A. Pilotto (San Giovanni Rotondo, Padova)
 
Giovedí 2 dicembre 2010
LIMONAIA 14.00-15.00
GRUPPO I
Moderatore: Claudia Cantini (Pistoia)
85. PROFILASSI DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN PAZIENTI ADULTI ED ANZIANI OSPEDALIZZATI. IMPATTO OPERATIVO DI UNA SCHEDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO
E. Santillo, V. De Crescenzo, I. Cascinelli, V. Santillo, A. Amendola, F. Rossi, M. Migale, M. Manini (Pitigliano)
86. ECOSTRESS FARMACOLOGICO E PAZIENTE ANZIANO: PROFILO CLINICO DEI PAZIENTI ED ANALISI DELLE INDICAZIONI. ESPERIENZA DI UN CENTRO
V. Santillo, E. Santillo, M. Migale, V. De Crescenzo, I. Cascinelli, A. Amendola, F. Rossi, M. Manini (Pitigliano)
87. IL MONITORAGGIO CARDIACO IMPIANTABILE NELLA DIAGNOSI DI FIBRILLAZIONE ATRIALE: UN CASO CLINICO
M. Rafanelli, A. Morrione, V.M. Chisciotti, M.A. Brunetti, E. Ruffolo, A. Ceccofiglio, E. Tozzi, N. Marchionni, A. Ungar (Firenze)
88. IPERTENSIONE ARTERIOSA NOTTURNA: RUOLO DEL MONITORAGGIO PRESSORIO NELLE 24 ORE NELL´ANZIANO CON DECADIMENTO COGNITIVO
M.C. Pieraccioli, S. Zanieri, E. Mossello, L. Lambertucci, G. Pepe, N. Nesti, A. Mello, N. Marchionni, A. Ungar (Firenze)
89. CLINICAL CHARACTERISTICS ASSOCIATED WITH USE OF MEDICATIONS FOR HEARTH FAILURE (CARATTERISTICHE CLINICHE ASSOCIATE CON L´USO DI FARMACI PER L´INSUFFICIENZA CARDIACA)
A. Foebel, J. Hirdes, G. Heckman, S. Tyas, E. Tjam, C. Maxwell, R. McKelvie (Waterloo, Guelph, Hamilton, Kitchener, Calgary / Canada)
90. PREVALENZA DELLA DEPRESSIONE E VALUTAZIONE DEGLI INTERVENTI SUL TONO DELL´UMORE IN RSA
A. Stigliano, A. Spica, L.M. Addante, G. Pistoia, M. Chirico, G. Sasanelli, P. Briganti, M. Caramia (Modugno)
91. APPROPRIATEZZA DEL RICOVERO E DELLA GESTIONE RIABILITATIVA IN RSA: CASO CLINICO
M. Moret Iurilli, G. Belgiovine, L. M. Addante, A. Cannone, A. Allegretti, M. Chirico (Modugno)
92. ATTIVITA´ MOTORIA ADATTATA IN ANZIANI CON DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE E IPERTENSIONE ARTERIOSA
A. Trifiló, F. Chirafisi, C. Scibilia, G. Segreto, R. Natoli, R. Grasso,M. Damiano, R. Giuffrida, A. Nicita, A. Purrone, F. Caronzolo, G. Lombardo, L. Magaudda, F. D´Amico (Patti, Messina)
93. ANALISI RETROSPETTIVA DELL´ESITO DELL´INTERVENTO RIABILITATIVO DI PAZIENTI ANZIANI AFFETTI DA DEMENZA RICOVERATI IN RIABILITAZIONE GENERALE GERIATRICA - NUCLEO ALZHEIMER I.D.R.
L. Pelucchi, S. Trovati, I. Engaddi, G. Savorgnan, C. Negri Chinaglia (Milano)
 
Giovedí 2 dicembre 2010
LIMONAIA 14.00-15.00
GRUPPO J
Moderatore: Marino Formilan (Dolo)
94. RIDUZIONE DELL´AGITAZIONE DOPO TRATTAMENTO IN SNOEZELEN ROOM IN PAZIENTI AFFETTI DA DEMENZA GRAVE IN UN NUCLEO ALZHEIMER
A. Fabbo, C. Bellodi, N. Artioli, E. Boni, C.A. Grandi, F. Orsi, E. Orofino, G. Ferrari, E. Pellati, M. Turci (Modena, Firenze)
95. RIVALUTAZIONE DIAGNOSTICA E FUNZIONALE DELLA MALATTIA DI ALZHEIMER NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI ANASTE CALABRIA
A. Malara, G. Sgró, S. Capomolla, F. Ceravolo, G. Curinga, G.F. Renda , A. Rotundo, F. Spadea (Lamezia Terme)
96. ANZIANI E DEPRESSIONE. COME RICONOSCERLA TEMPESTIVAMENTE
C. Arizzi, S. Largueche, G. Belvedere, A. Di Prima, S. Miraglia, V. Arcoleo, A. Giunta, L. Falletta, L.J. Dominguez, M. Barbagallo, M. Belvedere (Palermo)
97. VARIAZIONE DEI TRATTI DI PERSONALITÁ NELLA MALATTIA DI ALZHEIMER E NEL MILD COGNITIVE IMPAIRMENT
C. Baroncini, D. Simoni, M. Boncinelli, A.M. Mello, N. Zaffarana, E. Ballini, M. Gullo, M.C. Cavallini, G. Masotti, N. Marchionni, E. Mossello (Firenze)
98. ATTIVITA´ QUOTIDIANE E IMPIEGO DELLA BAMBOLA NELLA TERAPIA OCCUPAZIONALE PER I RESIDENTI DEI ″NUCLEI ALZHEIMER″ IN RSA
M. Bentivegna, P. Catalano Puma, M. Gandelli, M. Scarangella, A. Fasolino, P. Rossi, F. Cetta, M. Monti (Milano, Siena)
99. CASE REPORT: MUSICOTERAPIA PER LA GESTIONE DI WANDERING ED ECOLALIA
M. Gandelli, A. Gaddi, M. Gianotto, A. Fasolino, F. Cetta, M. Monti (Milano, Siena)
100. LA NUTRIZIONE ARTIFICIALE NEL PAZIENTE CON DEMENZA AVANZATA RICOVERATO IN NUCLEO ALZHEIMER RIABILITATIVO: UNA REVISIONE CRITICA
I. Engaddi, S. Trovati, L. Pelucchi, G. Savorgnan, C. Negri Chinaglia (Milano)
101. TOLLERANZA DELLA TERAPIA CRONICA CON INIBITORI DELL´ACETILCOLINESTERASI: STUDIO LONGITUDINALE SU SOGGETTI AMBULATORIALI
M. Baroni, F. Di Felice, F. Mangialasche, S. Ercolani, V. D´Ambrosio, P. Mecocci (Perugia)
102. PROGETTO SPERIMENTALE DI MUSICOTERAPIA: LA MUSICOTERAPIA COME CURA PALLIATIVA NELLA MALATTIA DI ALZHEIMER
T. Belmonte, M. D´Alena, F. Caffio, P. Briganti, L.M. Addante (Modugno)
103. L´EFFICACIA DELLA MUSICOTERAPIA NEI PAZIENTI CON DEMENZA E DISTURBI COMPORTAMENTALI E NEI FAMIGLIARI-CAREGIVER
G. Bellini, L. Civita, E. Contavalle, I. Papaioannou (Trieste)
104. ARSENICO E VECCHI MERLETTI: IL CASO CLINICO DI DUE SORELLE
B. Dijk, S. Lucarini, F. Cappelletto, R. Risso, D. Montanari, P. Cavagnaro (Chiavari)
 
Venerdí 3 dicembre 2010
LIMONAIA 14.00-15.00
GRUPPO K
Moderatore: Moreno Scevola (Noale)
105. ″PROGETTO 4 PASSI″: 6 MESI DI CAMMINO ASSISTITO DAL CAREGIVER MODIFICANO LA PERFORMANCE COGNITIVA E LE ADL NEL MALATO DI ALZHEIMER
M. Venturelli, R. Scarsini, R. Bottura, F. Schena (Verona, Mantova)
107. DESCRIZIONE DELLA CREAZIONE DI UN SERVIZIO DI STIMOLAZIONE COGNITIVA AMBULATORIALE DI GRUPPO PER PERSONE CON DEMENZA
E. Marelli, C. Cutaia, R. Perelli Cippo, E. Valle, R. Vaccaro, S. Vitali, A. Ceretti, A. Guaita (Abbiategrasso)
108. CENTRO DIURNO SPECIALIZZATO DEMENZE ″LERCARO″ BOLOGNA: SINERGIE TERAPEUTICHE TERRITORIALI
F. Sabbi (Bologna)
109. SUOR ADALGISA: UNA VITA TRASCORSA DURANTE BEN NOVE PAPI
G. D´Arrigo, O. Giacobbe, A. Grippa, F. Caronzolo, F. D´Amico, M. Lorefice (Taormina, Patti, Messina)
110. UN CONCORSO DEL 1875 SULLA LONGEVITA´
A. Porro, C. Cristini, G. Cesa-Bianchi, A.F. Franchini, L. Lorusso, B. Falconi (Brescia, Milano, Chiari)
111. NUOVE EVIDENZE A SUPPORTO DEL ″CODICE ARGENTO″ NELLA STRATIFICAZIONE PROGNOSTICA DELL´ANZIANO IN PRONTO SOCCORSO
A.T. Roberts, D. Balzi, F. Salvi, B. Lorenzetti, L. Rossi, P. Dessí-Fulgheri, G. De Tommaso, N. Marchionni, F. Lattanzio, M. Di Bari (Firenze, Ancona)
112. CARE SYSTEM : SISTEMA INTEGRATO PER LE ATTIVITA´ OCCUPAZIONALI
J. Venturi (Genova)
113. LA ″PRE ACCOGLIENZA″ QUALE ELEMENTO DI QUALITA´ ALL´INTERNO DI UN PERCORSO ASSISTENZIALE. L´ESPERIENZA DELLA RSA ″MADONNA DELLA FIDUCIA″
V. Vismara, M. Grossi, C. Fanucci, D. Cecchi (Empoli, Casale Monferrato)
114. APNEA NOTTURNA OSTRUTTIVA(OSAS) NELL´ANZIANO: STUDIO SU UNA POPOLAZIONE ANZIANA RICOVERATA IN UN REPARTO DI GERIATRIA PER ACUTI
A. Santangelo, C. Risino, S. Albani, A. Cappello, S. Frisa, M. Malaguarnera S. Pavano, M. Testaí, S. Tummineri, D. Maugeri (Catania, Siracusa)
 
Venerdí 3 dicembre 2010
LIMONAIA 14.00-15.00
GRUPPO L
Moderatore: Lorella Lambertucci (Firenze)
115. DETERIORAMENTO COGNITIVO SECONDARIO AD IPERTIROIDISMO DA ADENOMA TOSSICO DI PLUMMER: DESCRIZIONE DI UN CASO CLINICO
N. Ianuale, P. Alfieri, C. Manzo (Napoli)
116. STATO SOCIOECONOMICO DURANTE LA VITA E DECADIMENTO COGNITIVO NON-DEMENZA IN ETA´ GERIATRICA. LO STUDIO DI POPOLAZIONE INVECCHIARE IN CHIANTI (InChianti)
A. Marengoni, L. Fratiglioni, S. Bandinelli, L. Ferrucci (Brescia, Stockholm/Sweden, Firenze, Baltimore/USA)
117. ESPERIENZA DI ″KITCHEN TRAINING″ NEL CD ALZHEIMER RSA S. RAFFAELE DI CAMPI SALENTINA
A.S. Renna, A. Castrignanó, F. Caffio, M.T. Amenduni (Lecce, Campi Salentina)
118. ANALISI DELLA POPOLAZIONE AFFETTA DA DEMENZA AFFERENTE AL CDI DELLA RSA "SANDRO PERTINI" DI GARBAGNATE M.SE - ASL MILANO 1
D. Vasaturo, M. Vignati, L. Pelucchi, V. Grassi, M. Danese, F. Silvola, S. Terrevazzi (Garbagnate Milanese, Limbiate)
119. ATROFIA CORTICALE POSTERIORE (PCA): DESCRIZIONE CLINICA E ANALISI DEI BIOMARCATORI LIQUORALI
E. Talassi, A. La Sala, A. Codemo, C. Ruaro, A.M. Chiamenti, S. Poli, A. Ferrari, C. Gabelli (Valdagno)
120. MCI or not MCI?
F.S. Tripodi, G. Milan, A. Marfella, V. Schiattarella, D. Pisano, R. Acito, M.R. Passiflora, A. Toscano, P. Sorrentino (Napoli)
121. HIV E DEMENZA: STUDIO CASO-CONTROLLO DI UN CAMPIONE DI ANZIANI CON E SENZA INFEZIONE
S. Motta, B. Tagliabue, M. Airoldi, B. Arosio, A. Bandera, A. Gori, G. Annoni (Monza, Milano)
122. LA DEGENZA MEDIA IN U.G.A. NEI PAZIENTI AFFETTI DA DEMENZA: CORRELAZIONE CON STATO FUNZIONALE E MULTIMORBILITA´
F. Tisato, S. Volpato, B. Barbato, V. Negrin, M. Pozzebon, M. Calabró (Treviso)
123. SCELTA DELLA TERAPIA ANTIPSICOTICA NEI DISTURBI COMPORTAMENTALI DEL PAZIENTE ANZIANO CON DEMENZA: CRITERI UNIVERSALI O ESPERIENZA PERSONALE? STUDIO RETROSPETTIVO SU POPOLAZIONE AMBULATORIALE
L. Pelini, S. Ercolani, F. Mangialasche, S. Leonardi, P. Mecocci (Perugia)
124. DELIRIUM ROOM E TEAM PSICOGERIATRICO DI CONSULENZA: DUE MODELLI COMPLEMENTARI PER LA GESTIONE DELLE PERSONE CON DELIRIUM E BPSD IN AMBIENTE OSPEDALIERO
E. Martini, G.C. Savorani, M.C. Macchiarulo, M. Corneli, R. Neri, L. Sist, M. Taglioni, L. Favero, M.L. Lunardelli (Bologna)
 
Venerdí 3 dicembre 2010
LIMONAIA 14.00-15.00
GRUPPO M
Moderatore: Corrado Guidi (Lucca)
125. ESISTE L´ICTUS CRIPTOGENETICO?
T. Vetró, D. Ferrari, P. Golotta, G. Battaglia (Vibo Valentia)
126. VALUTAZIONE DI POSSIBILI FORME DI APPRENDIMENTO IN PERSONE IN STATO VEGETATIVO E IN STATO DI MINIMA COSCIENZA NELLE RSA DEL CONSORZIO SAN RAFFAELE
G. Lancioni, L. M. Addante, M.T. Amenduni (Bari, Modugno)
127. MALNUTRIZIONE: IMPATTO SULLA DISABILITA´ E MORTALITA´ IN UNA POPOLAZIONE ANZIANA
F. Resta, M. Petroi, G. Barile, M. Benigno, A. Mundo, R. Lopizzo, I. Garzia, A.M. Colacicco, P. Suppressa, P. Lastella, V. Triggiani, E. Guastamacchia, M.T. Ventura, C. Sabbá (Bari)
128. RELAZIONE TRA CADUTE E MORTALITA´ A LUNGO TERMINE NEL SOGGETTO ANZIANO NON ISTITUZIONALIZZATO: RUOLO DELLA NICTURIA
A. Langellotto, D. Avolio, T. Pietrosanto, R. Carputo, G. Pirozzi, C. Mastrobuoni, C. Raucci, F. Mazzella, F. Cacciatore, G. Gargiulo, G. Galizia, P. Abete, F. Rengo (Napoli, Benevento, Novara)
129. TRATTAMENTO CON IDROMORFONE DEL DOLORE CRONICO DA OSTEOARTROSI NEL PAZIENTE ANZIANO
V. Di Iorio, V. Di Palma (Latina)
130. TERAPIA DOPAMINERGICA CONTINUA vs PULSATILE PER LO SVILUPPO DEL DELIRUM ACUTO NEL PARKINSONISMO DELL´ANZIANO
F. Lauretani, M. Maggio, G.P. Ceda, M. Modugno, E. Ferrari, A. Giordano, C. Silvestrini, A. Nardelli (Parma)
131. INDAGINE SULLA CAPACITA´ DI PRESCRIVERE UNA TERAPIA ANTIBIOTICA NELL´ANZIANO DA PARTE DI UN GRUPPO DI SPECIALIZZANDI IN GERIATRIA E IN MEDICINA INTERNA IN ITALIA
D. Manganaro, E. Del Giudice, E. Ferretti, A. Di Maria, R. Luzzati, E. Concia, G. Toigo (Trieste, Verona)
132. SVILUPPO DI UNA PROCEDURA PER LA NUTRIZIONE DEL PAZIENTE ANZIANO FRATTURATO DI FEMORE
M. Nappini, I. Del Lungo, S. Giardini, M.A. Mencarelli, S. Gangemi, P. Mondini, M. Mastrazzo, V.Vespro, C. Biricolti, G. La China, D. Mazzotta, F. Cecchi, G. Gori, E. Benvenuti (Firenze)
133. SCOMPENSO CARDIACO NELL´ANZIANO: TRAIETTORIE DI MALATTIA E SINTOMI DISTURBANTI AL TERMINE DELLA VITA
V. Curiale, S. Trasciatti (Genova)
134. LA RIVASTIGMINA TRANSDERMICA: PERFORMANCE COGNITIVA E TOLLERABILITÁ
D. Becheri, C. Valente, F. Rimoli, A. Anichini, S.U. Magnolfi (Prato)
 
Venerdí 3 dicembre 2010
LIMONAIA 14.00-15.00
GRUPPO N
Moderatore: Chiara Mussi (Modena)
135. L´APATIA NELLA DEMENZA FRONTO-TEMPORALE: UN CASO CLINICO
C. Francone, G. Conchiglia, A. Bevilacqua, A. Vitelli, M. Abitabile, V. Canonico, F. Rengo (Napoli)
136. COME E´ CAMBIATA LA SENSIBILITA´ PER LA DEMENZA: DIECI ANNI DI UVA, DATI PERCENTUALI PRELIMINARI
M. Formilan, F. Busonera, P. Albanese, A. Tessari, A. Cester (Dolo)
137. LA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA SECONDO UNA PROSPETTIVA BIO-PSICO-SOCIALE
F. Caffio, L.M. Addante, M.T. Amenduni, A. Castrignanó, M. D´Alena, C. Vocale (Modugno)
138 IL DRAMMA DEI LAGER: MEMORIE E SVILUPPI DEGLI AFFETTI
C. Cristini, G. D´Onofrio (Brescia, San Giovanni Rotondo)
139. L´ESPRESSIONE CREATIVA IN LONGEVITA´
G. Cesa-Bianchi, C. Cristini, A. Porro (Milano, Brescia)
140. LA DOG ASSISTED THERAPY´: PRESENTAZIONE DI UN CASO
C. Maiorani, C. Cristini, G. Cesa-Bianchi (Lodi, Brescia, Milano)
141. IL CASE-MANAGER FORMATO CON IL ″PROGETTO ARGENTO″: UN MODO VIRTUOSO DI REALIZZARE LA CONTINUITA´ ASSISTENZIALE E RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI AZIENDALI DELL´ASP DI PALERMO
J.L. Citarrella, A. Ancona, S. Bognanno, M.C. Bonomolo, L. Calcara, V. Corso, P. Di Salvo, G. Drago, P. Fortezza, S. Giovannini, R. La Barbera, F. Landi, G. Lucia, F. Mannarella, A.R. Mattaliano, S. Merendino, G. Oddo, E. Patorno, V. Picciuca, G. Pollina, G. Primavera, C. Rigoli, V. Salerno, E. Sciara, D. Speciale, L. Todaro, G. Vazzana, G. Veneziano (

11° Corso Infermieri
″QUALITÁ, CONTINUITÁ E COMPLESSITÁ NELL´ASSISTENZA ALL´ANZIANO″

Firenze, Palazzo degli Affari 2-4 dicembre 2010
 
Venerdí 3 dicembre 2010
Palazzo degli Affari - Sala Azzurra (2° piano)
12.30-13.30
Poster con discussione
Moderatore: Pietro Fabris (Padova)
1/I REALIZZAZIONE DI UN FOGLIO UNICO DI TERAPIA ELETTRONICO PER LA CORRETTA PRESCRIZIONE/SOMMINISTRAZIONE TERAPEUTICA IN UNA RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE
F. Baroni, S. Gamba, M. Mendiola, M. Russo, S. Giudici, G. Viganó (Scanzorosciate)
2/I USO APPROPRIATO DELLE MEDICAZIONI AVANZATE NELLE LESIONI DA PRESSIONE: ESPERIENZA DI UN´EQUIPE MULTIDISCIPLINARE
A. Riso, A. Bonomi, R. Cavallazzi, A. Sanna, T. Romani (Verbano-Cusio-Ossola, Quadrante Omegna)
3/I LA MUSICOTERAPIA AL DOMICILIO DI MALATI DI ALZHEIMER
G. M. Rotonda, L. Pascucci, R. Mastrantonio, P. Deboli , G. Barnabucci (Roma)
4/I I BISOGNI IN GERIATRIA: PUNTI DI VISTA A CONFRONTO
S. Selmi, L. Fin, P.M. Taufer, F. Reitano, R. Girardello (Rovereto)
 
Venerdí 3 dicembre 2010
Palazzo degli Affari - Sala Azzurra (2° piano)
16.45-18.00
Comunicazioni Orali
Moderatori: Paola Gobbi (Milano), Monica Marini (Pistoia)
L´ASSISTENZA AGLI ANZIANI NELLE RSA: UNO STUDIO OSSERVAZIONALE
L. Biliotti, R. Raffaelli, M. Marini (Pistoia)
L´ANZIANO OSPEDALIZZATO: FATTORI DI FRAGILITA´ IN PRONTO SOCCORSO
E. Capaccioli, V. Payta, F. Pronti, R. Raffaelli, M. Marini (Pistoia)
EFFICACIA DELL'IMPLEMENTAZIONE DI EVIDENZE PER LA GESTIONE DELL'INCONTINENZA FECALE NELL'ANZIANO ISTITUZIONALIZZATO
M. Zani, T. Piccolo, R. Torresani, M. Milesi, E. Zanetti (Brescia, Lumezzane)
PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DELLO STATO NUTRIZIONALE NELL´ANZIANO CON DEMENZA
S. Zuliani, E. Dri , C. Papparotto, E. Arsella (Udine, Tarcento)
VALUTAZIONE DI ALCUNI PREDITTORI DI PERDITA DI STATO FUNZIONALE DURANTE LA DEGENZA OSPEDALIERA
M. Pozzebon, A. Zampogno, R. Bacchion, A. Biral, B. Barbato, F. Tisato, S. Volpato, V. Negrin, M. Calabró (Treviso)
 
Palazzo degli Affari - Sala Azzurra (2° piano)
Poster senza discussione
5/I TRATTAMENTO CON SCHIUMA GELIFICANTE CONTENENTE TECNOLOGIA HYDROFIBER: TRATTAMENTO DI UN CASO CLINICO E VALUTAZIONE PARAMETRI SIGNIFICATIVI
D. Agate , C. Gado, B. Haskaj, M. Galan, S. Grassi, U. Tortorolo, M. Bigolari, C. Parodi, R. Giusto, P. Fuliano, F. Astengo (Genova)
6/I CATETERI VENOSI A MEDIO E BREVE TERMINE: ESPERIENZA NELLA SC GERIATRIA IN VALLE D´AOSTA
V. Avelino Rodrigues, F. Bellon, V. Broglia, S. Spinardi, M. Vezzari, P. Bonin (Aosta)
7/I LA PREVENZIONE DELLE CADUTE NELL´ANZIANO SUL TERRITORIO VIBONESE. STUDIO DI FATTIBILITA' DI UN PROGETTO D´INTEGRAZIONE TRA OSPEDALE E TERRITORIO
S. Fiorillo, S. Riga, S. Belvedere (Vibo Valentia)
8/I IL PASSAGGIO GENTILE, PRENDERSI CURA DELLA PERSONA AL TERMINE DELLA VITA
F. Naglein, G. Bellini (Trieste)
9/I ORGANIZZAZIONE INFERMIERISTICA PER MODULI E QUALITA´ PERCEPITA UN´OPPORTUNITA´ PER LA GERIATRIA?
G. Notarnicola, M. Lenoci, L. Frizzale, T. Murgese, M. Tiburnino, A. Stasi, C. Procino, S. Montanaro, A. Nitti, A. Greco (Acquaviva delle Fonti)
10/I FORMAZIONE INFERMIERISTICA POST-BASE DI AMBITO GERIATRICO: QUALI PROSPETTIVE PER LA PRATICA ASSISTENZIALE
E. Saccani, G. Zanini (Brescia)
11/I ″CALCOLO DELL´INDICE DI GRAVITA' SANITARIA PER LA DETERMINAZIONE DEL CARICO ASSISTENZIALE″ UN PROGETTO PER MIGLIORARE L´ASSISTENZA IN R.S.A.
M. Tiezzi, G. Scarselli, M. Bulleri, V.Vismara (Empoli)

9° Corso di Riabilitazione
″LA RIABILITAZIONE NELLA LONG-TERM CARE″

Firenze, Palazzo degli Affari, 2-3 dicembre 2010
 
Venerdí 3 dicembre 2010
Palazzo degli Affari - Sala Rossa (3° piano)
13.00-13.30
Comunicazioni Orali
Moderatore: Bruno Bernardini (Rozzano)
RIABILITAZIONE DELLE APRASSIE NEL PAZIENTE CON ALZHEIMER ATTRAVERSO TECNICHE IMPLICITE O PROCEDURALI MOTOR-SKILL LEARNING. RISULTATI SULLA RIABILITAZIONE DELLE B/ADL IN UN GRUPPO DI PAZIENTI DI UN NUCLEO ALZHEIMER
R. Cherubino, L. Massa, F. Spallarossa, E. Tasso, A. Migone, E. De Lorenzi (Genova)
UN INTERVENTO BASATO SULL'APPROCCIO CAPACITANTE: IL GRUPPO ABC CON I FAMILIARI ASSOCIATO AL GRUPPO DI CONVERSAZIONE CON I MALATI ALZHEIMER
A. Cocco, S. Sertorio, S. Nigotti, P. Vigorelli (Milano, Chiuro)
″TASK ORIENTED THERAPY″: LA RIABILITAZIONE NEUROLOGICA FONDATA SUI PRINCIPI DELL´APPRENDIMENTO MOTORIO
M. Lazzarino, E. Betti, P. Serpero (Genova)

6° Corso per Psicologi
″PSICOLOGIA DELL´INVECCHIAMENTO: DALLA VALUTAZIONE ALL´INTERVENTO″

Firenze, Palazzo degli Affari, 2-3 dicembre 2010
 
Giovedí 2 dicembre 2010
Palazzo degli Affari - Sala Arancione (2° piano)
12.30-12.45
Poster con discussione
Moderatore: Barbara Bertocci (Firenze)
1/P LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA DEL MILD COGNITIVE IMPAIRMENT
D. Cammisuli, M. Timpano Sportiello, F. Pinori, C. Verdiani (Pisa)
2/P DANNO DORSOLATERALE E FATTORI DI RISCHIO NEL MILD COGNITIVE IMPAIRMENT
M. Timpano Sportello, D. Cammisuli, F. Pinori, C. Verdiani (Pisa)
3/P TECNICHE DI RIABILITAZIONE COGNITIVA PER PAZIENTI AFFETTI DA DEMENZA LIEVE E SOGGETTI CON MILD COGNITIVE IMPAIRMENT: UNA RASSEGNA CRITICA
F. Pinori, M. Timpano Sportiello, D. Cammisuli, C. Verdiani (Pisa)
4/P TRAINING COGNITIVO E MODIFICAZIONI CORTICALI IN PAZIENTI CON DEMENZA DI ALZHEIMER LIEVE
S. Bergamaschi, C. Spironelli, D. Villani, S. Gentile, A. Angrilli, S. Mondini (Padova, Cremona)
5/P QUALI INDICATORI DI RISCHIO DI BURDEN RIFERITI AL CAREGIVER NEL PERCORSO DI PRESA IN CARICO? L´ESPERIENZA PRESSO IL CENTRO PER I DISTURBI COGNITIVI DI REGGIO EMILIA: AGGIORNAMENTI
M. Poletti, C. Menozzi, F. Aleotti, C. Moffa, V. Morelli, D. Galassi, E. Francia, S. Cecchella (Reggio Emilia)
6/P ″RI-ABILITARE″ ALLA RELAZIONE: L´IMPORTANZA DELLA DIMENSIONE DI GRUPPO NELL´ESPERIENZA DELL´ R.S.A. ″SANTA RITA″
F. Pecci, M. Scaffidi, L. Crocicchia, F. Valeri, A. Tortella, D. Trifoglio, E. Di Giulio (Nepi)
7/P EMOZIONI E QUALITÁ DEL SONNO NEL DEMENTE ISTITUZIONALIZZATO: GLI EFFETTI DELLA PARTECIPAZIONE AL CAFFÉ ALZHEIMER
I. Zilli, L. Carli Ballola, B. Conti, S. Scavelli, F. Giganti, A. Leonardi, S. Pientini, L. Baldasseroni (Firenze, Empoli, Prato)
8/P COMPORTAMENTI LEGATI ALLA SONNOLENZA DIURNA NEL SOGGETTO PARKINSONIANO DE NOVO
F. Giganti, I. Zilli, S. Ramat, M. Raimondi, L.M. Raglione, S. Sorbi, P. Salzarulo (Firenze)
9/P NONNI E NIPOTI: LA MUSICOTERAPIA ATTRAVERSO LE GENERAZIONI
I. Papaioannou, L. Civita, G. Bellini (Trieste)

5° Corso per Assistenti Sociali
″RISORSE E POTENZIALITÁ DEL SERVIZIO SOCIALE PER VALORIZZARE CAPACITÁ E RESPONSABILITÁ NEL PRENDERSI CURA″

Firenze, Palazzo degli Affari, 2-3 dicembre 2010
 
Giovedí 2 dicembre 2010
Palazzo degli Affari - Sala Grigia (3° piano)
11.00-13.00
Contributi preordinati
Coordinano: Luisa Spisni (Arezzo), Anna Maria Zilianti (Firenze)
PRENDERSI CURA DI CHI SI PRENDE CURA
Paola Favaro, Giorgia Goffo, Federica Torresan, Alessandra Zapparoli (Mira, S.Maria di Sala, Mirano, Vigonovo)
IL CINEMA COME STRUMENTO PER AVVIARE UN PERCORSO EDUCATIVO E FORMATIVO DELL´INVECCHIAMENTO
Francesco Mosetti-d'Henry (Trieste)
ILSERVIZIO SOCIALE PROMOTORE DI AZIONI DI VALORIZZAZIONE DELLA PERSONA ANZIANA E DEI SUOI FAMILIARI. UNO SGUARDO ALLA NORMATIVA DELLA REGIONE TOSCANA
Chiara Gabbrielli Salvadori (Siena)
 
Giovedí 2 dicembre 2010
Palazzo degli Affari - Sala Grigia (3° piano)
15.30-17.30
Contributi preordinati
Coordinano: Patrizia Lonardi (Legnago), Gianna Pasti (Bologna)
INTERVENTI TEMPESTIVI PER CONTRASTARE IL RISCHIO E LA FRAGILITÁ
Maria Adipietro, Loretta Guidarini (Cles)
APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE AD UN INVECCHIAMENTO IN BENESSERE
Cristina Pitacco, Sabrina Planiscig, Stefania Zamarian (Trieste)
LA FRAGILITÁ E LE NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA IN FAVORE DELL´ANZIANO FRAGILE
Barbara Biagini (Empoli)
 
Venerdí 3 dicembre 2010
Palazzo degli Affari - Sala Grigia (3° piano)
10.00-13.00
Contributi preordinati
Coordinano: Claudio Pedrelli (Modena), Silvana Tonon Giraldo (Venezia)
VERSO UN SISTEMA INTEGRATO DEL LAVORO DI CURA
Floriana Malvezzi (Cremona)
IL MODELLO DI ″PRESA IN CARICO SOCIOSANITARIA IN CASI DI DIMISSIONI OSPEDALIERE COMPLESSE″
Sara Covallero (Cervignano del Friuli)
LA FORMAZIONE DELL'ASSISTENZA PRIVATA: ELEMENTI DI BASE PER LA COSTRUZIONE DI UNA FIGURA PROFESSIONALE
Romina Ciaccia (Mignanego), Crosio Pizzorni (Genova)
 
Sessione Poster
Coordina: Cinzia Canali (Padova)
IL CARE UNA RISORSA DA VALORIZZARE
Amalia Talarico (Catanzaro)
IL METODO VALIDATION®: UN AIUTO PER CAPIRE IL PROCESSO DI INVECCHIAMENTO E FACILITARE LA RELAZIONE CON GLI ANZIANI DISORIENTATI
Miriam Tonetto, Ilaria Maracchi, Francesco Mosetti D´Henry (Trieste)
L´ASSISTENTE SOCIALE NEL PROCESSO DI RIENTRO DELL´ANZIANO DALL´OSPEDALE AL DOMICILIO: ESPERIENZA DI GESTIONE INTEGRATA TRA IL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE DELL´OSPEDALE, DELL´AREA E DEI COMUNI
Daniela Pasqualin, Bruna Zampieri (Treviso)
DAL PUNTO UNICO AL SISTEMA UNICO D´ACCESSO
Sara Covallero (Cervignano del Friuli)

BOLLETTINO NURSING

11° Corso Infermieri
Qualitá, continuitá e complessitá nell´assistenza all´anziano
Firenze, 2-4 dicembre 2010
Centro Congressi Palazzo degli Affari
 
Anche se non sono tantissimi i lavori pervenuti (in tutto 16) la qualitá é senz´altro buona e i temi trattati sono di rilevante interesse.
I lavori proposti, dei quali 5 selezionati per una comunicazione orale e la pubblicazione negli atti del Congresso, spaziano dalla formazione, alla clinica, all´organizzazione dei servizi. Di particolare interesse i lavori di ricerca (3 osservazionali e 2 caso controllo) su temi di rilevante interesse per l´assistenza quali l´individuazione di indicatori di fragilitá e complessitá e gli outcome conseguenti all´adozione di buone prassi assistenziali.
Da segnalare il lavoro sugli indicatori di fragilitá in Pronto Soccorso che individua i soggetti che potrebbero essere indirizzati al percorso ″Anziano fragile″ in coloro che sono ricoverati in area medica, con etá = 80 anni, precedenti problemi di memoria ed almeno una delle seguenti caratteristiche: problemi di deambulazione negli ultimi 15 giorni precedenti al ricovero, disabilitá negli ultimi 15 giorni precedenti al ricovero, essere senza figli.
Un altro lavoro documenta l´efficacia dell´implementazione di buone prassi assistenziali per la valutazione e la gestione dell´incontinenza fecale. Problema tutt´altro che irrilevante nelle case di riposo: gli autori riportano una prevalenza media superiore al 70% nelle quattro case di riposo dove si é svolta la ricerca. A sei mesi dall´introduzione delle raccomandazioni si sono osservate nel gruppo di intervento alcune variazioni significative rispetto al gruppo di controllo riferite al recupero della continenza e alla riduzione del numero di episodi di incontinenza.
Non meno interessanti i lavori che documentano l´attenzione verso gli aspetti organizzativi dell´assistenza agli anziani quale presupposto indispensabile per una buona qualitá e sicurezza delle cure erogate: l´implementazione di un foglio unico di terapia in Casa di riposo, l´integrazione ospedale territorio finalizzata a garantire la continuitá delle cure.
Un lavoro insiste sulla necessitá della formazione geriatrica post base ed ha analizzato la ricaduta della formazione attraverso un´intervista strutturata a 37 infermieri che hanno frequentato un master in geriatria presso le sedi di Trento, Torino, Udine, Firenze, Roma e Brescia.Gli intervistati sono concordi nell´affermare di aver ottenuto dalla frequenza al master un aumento delle competenze nella disciplina infermieristica geriatrica nonostante il mancato riconoscimento formale sul luogo di lavoro del titolo, aspetto sottolineato dalla maggioranza del campione.
Ci auguriamo che l´11° Corso Infermieri possa essere ulteriore stimolo alla comunitá professionale per proporre, sperimentare interventi e modelli organizzativi che sappiano rispondere ai peculiari bisogni degli anziani che si affidano alle nostre cure.
Ermellina Zanetti

Il 7° Congresso Nazionale dell´Associazione Geriatri Extraospedalieri

Invio alcune riflessioni sull´ultimo congresso dell´AGE di Palermo anche se mi sento un po´, come dire, Cicero pro domo sua…
Il Congresso ha segnato un altro passo fondamentale nel cammino dell´AGE, grazie allo spessore scientifico dei Relatori e agli argomenti trattati che, d´altronde, hanno trovato larga approvazione e grande riscontro in una nutrita e sentita presenza di partecipanti.
″Dal to cure al to care″ é stato il messaggio lanciato per sottolineare il momento di grande difficoltá che sta vivendo la Geriatria e, nello stesso tempo, per cercare di indicare la strada da seguire nella convinzione che la Medicina tradizionale é superata e che il futuro é nel lavoro di gruppo, interdisciplinare e con i ruoli del paziente e del medico ormai decisamente trasformati.
La Geriatria é protagonista di questo cambiamento perché la ″nuova″ Medicina fa parte integrante del suo background. La Geriatria é nata delineando, prima, la propria strategia metodologica e individuando, poi e con precisione, il proprio paziente-target e, con queste due caratterizzazioni, ha assunto con forza e pienamente il ruolo e la dignitá di disciplina specialistica e ha contribuito, in virtú della pluridimensionalitá del paziente geriatrico, in maniera determinante alla diffusione dell´approccio olistico e dovrebbe essere, con coraggio, al centro del traghettamento verso la ″nuova″ Medicina. Questi concetti sono stati piú volte ripresi durante il congresso e piú volte sono state anche espresse le preoccupazioni per una Geriatria che appare, invece, ancora troppo orientata verso l´esercizio mascherato di altre discipline (Cardiologia…..) e che, per questo, non riesce a rivendicare con forza la propria identitá ed espone il fianco consentendo troppo frequentemente invasioni di campo ad altre specialitá che, intelligentemente e strategicamente, stanno tentando di geriatrizzare le loro metodologie.
Il confronto tra le varie Regioni italiane ha messo in evidenza il concretizzarsi di una sorta di federalismo assistenziale che, di fatto, rende difficile, se non impossibile, il confronto stesso in quanto gli strumenti di valutazione usati sono diversi e non comparabili. Solo in alcune Regioni esistono le UVG, in molte altre sono state istituite Unitá di Valutazione a varia denominazione (UVI, UVM, UVD……) che solo in qualche caso prevedono la partecipazione attiva e costante del Geriatra. Ma la Geriatria é una disciplina specialistica e, come tale e per essere tale, deve essere esercitata dai Geriatri. Il dibattito é stato acceso, passionale e ha posto l´accento su alcuni concetti:
 
- E´ necessario comprendere che l´invecchiamento non é solo un processo individuale ma é legato alla famiglia, alla comunitá e perció é un fenomeno sociale.
- E´ necessario comprendere che la Geriatria é una specialitá con la piena dignitá di ruolo che le compete e, per questo, il non consentire al Geriatra di prendersi cura dell´Anziano fragile equivale a negare l´assistenza all´Anziano stesso.
- L´invecchiamento della popolazione ha determinato un aumento delle cronicitá che si presentano, negli Anziani, in etá sempre piú avanzate e in comorbiditá e per questo l´approccio al Paziente geriatrico richiede servizi specializzati e specificamente dedicati che, attraverso l´integrazione delle competenze specialistiche, devono assicurare una corretta diagnosi, una terapia adeguata e il dovuto sostegno alle famiglie.
- C´é bisogno di parlare chiaro tra di noi al di lá di ogni tipo di federalismo assistenziale.
- Il sistema per garantire percorsi di salute di reale efficacia deve essere fondato sul ″continuum″ assistenziale (Il Geriatra deve essere presente in ogni nodo della Rete….).
 
E´ emersa piú volte la condivisione di obiettivi e la collaborazione con la SIGG.
Collaborazione che necessita di essere fortificata attraverso iniziative comuni di studio che devono tenere maggiormente conto della grande potenzialitá quantitativa e qualitativa espressa dal territorio e iniziative tese a promuovere l´inserimento di docenze o, quantomeno, argomenti relativi alle cure primarie e intermedie.
Il Geriatra territoriale ricopre un ruolo chiave nell´assistenza agli Anziani, rappresenta ″valore aggiunto″ e per la sua caratteristica dinamicitá, é necessario ridisegnarne continuamente figura ampliando i limiti operativi al fine di ridurre e/o rendere appropriati gli ancora troppo numerosi ricoveri ospedalieri e legittimare maggiormente la specificitá delle altre specialitá. Il trend demografico é ancora, per fortuna, orientato verso un invecchiamento della popolazione e gli Anziani vogliono restare a casa propria. Le metodologie e gli strumenti valutativi della Geriatria hanno trovato e trovano universale riconoscimento mentre, a testimonianza di un parziale fallimento della Geriatria stessa, i Geriatri incontrano ancora troppe difficoltá a trovare spazio operativo. La Geriatria del territorio, in tutte le sue espressioni (RSA, CD, ambulatori specialistici, ADI…), rappresenta la nuova cultura, rappresenta il futuro, cresce perché gli Anziani lo vogliono e potrá contribuire in maniera determinante alla crescita e all´affermazione definitiva della Geriatria tutta solo se congiuntamente e sinergicamente con il mondo accademico ed ospedaliero.
Salvatore Putignano

Notizie dalle Sezioni Regionali

SEZIONE LIGURIA
Il 16 ottobre 2010 si sono svolte le elezioni del nuovo consiglio regionale ligure.

Ecco i risultati:
M. Modenesi 22 voti
C. Ivaldi 21 voti
U. Tortorolo 11 voti
F.Monacelli 11 voti
I.Aramini 9 voti
V.Curale 9 voti
B.Dijk 9 voti
F. Dall'Acqua 9 voti
R. Anselmo 4 voti
A. Molinelli 3 voti
 
Sez. nursing
N. Franceschini 4 voti

Risultano eletti nel CD: Maurizio Modenesi, Claudio Ivaldi, Umberto Tortorolo, Fiammetta Monacelli e Vito Curiale (1993) perché Aramini rinuncia, Dijk (2001) e Dall'Acqua (2005) hanno minore anzianitá di iscrizione alla Societá. Per la sezione Nursing risulta eletta la sig.a Nicoletta Franceschini.
Rimane Patrizio Odetti come past-President.
 
Il giorno 11 novembre si é riunito il nuovo CD della Liguria e ha eletto all'unanimitá il dott. Maurizio Modenesi nuovo Presidente per il triennio 2011-2013. Viene nominata Segretario la Dott. Babette Dijk.

CONGRESSI E CONVEGNI

55° CONGRESSO NAZIONALE SIGG
INVECCHIAMENTO E LONGEVITÁ: PIÚ GENI O PIÚ AMBIENTE?
Firenze, 30 novembre - 4 dicembre 2010
11° Corso per Infermieri
″Qualitá, continuitá e complessitá nell´assistenza all´anziano″
Firenze 2-4 dicembre 2010
9° Corso di Riabilitazione
″La Riabilitazione nelle strutture residenziali″
Firenze 2-3 dicembre 2010
6° Corso per Psicologi
″Psicologia dell´invecchiamento: dalla valutazione all´intervento″
Firenze 2-3 dicembre 2010
5° Corso per Assistenti Sociali
″Risorse e potenzialitá del Servizio Sociale per valorizzare capacitá
e responsabilitá nel prendersi cura″
Firenze 2-3 dicembre 2010
Segreteria Scientifica: SIGG -Via G.C. Vanini 5 - 50129 Firenze
Tel.055474330 - Fax 055461217 e-mail: sigg@sigg.it - www.sigg.it
Segreteria Organizzativa: Pls group - www.plsgroup.it
Via della Mattonaia, 17 - 50121 Firenze
Tel: 0552462.428 Fax: 0552462.223
 
ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA Sezione Regionale Campana
SUN Centro Interuniversitario per la Ricerca in Neuroscienze
II Corso di formazione ECM: ″La gestione multidimensionale del paziente anziano con demenza lieve: aspetti clinici e neuropsicologici″
Napoli 16 dicembre 2010
Segreteria Scientifica: Vincenzo Canonico, Dario Grossi
Tel. e fax 081/7464297vcanonic@unina.it - www.psicogeriatria.it
Segreteria Organizzativa: G&G Congressi srl Roma
Tel 06 519511- Fax 06 5033071
congressi@gruppogeg.com www.gruppogeg.com
 
GRUPPO ANCHISE
Corso di formazione per Conduttori di Gruppi di Autoaiuto per familiari di malati Alzheimer (Gruppi ABC)
Milano febbraio-dicembre 2011
Segreteria organizzativa, preiscrizioni:
www.gruppoanchise.it , info@gruppoanchise.it
pietro.vigorelli@formalzheimer.it
 
IAGG - International Association of Gerontology and Geriatrics
VII European Congress
HEALTHY AND ACTIVE AGEING FOR ALL EUROPEANS ″II″
Bologna, 14 - 17 aprile 2011
Segreteria Organizzativa: Pls group
Via della Mattonaia, 17 - 50121 Firenze
Tel: +39 055 2462.428 Fax: + 39 055 2462.223
iagg@promoleader.com - www.iaggbologna2011.com