Societá

Attivitá SIGG

Bollettino SIGG: Numero 4, Dicembre 2015


Direttore Responsabile
Nicola Ferrara

A cura di
Vincenzo Canonico
Tel. e fax 081 7464297
e-mail: vcanonic@unina.it

Scarica il bollettino:

Testimonianza per un invecchiamento di successo: riflessioni sulla longevit Prof. Aldo Masullo

Carissimi Soci,
in questo numero del Bollettino troverete il testo della Lectio Magistralis
TESTIMONIANZA PER UN INVECCHIAMENTO DI SUCCESSO: RIFLESSIONI SULLALONGEVIT tenuta da Aldo Masullo, Professore Emerito di Filosofia dellUniversit degli Studi di Napoli Federico II, nella giornata conclusiva del 60 Congresso della Societ Italiana di Gerontologia e Geriatria a Napoli.
Chi ha ascoltato la lezione potr rivivere la suggestione delle profonde meditazioni del Professore Masullo, che hanno suscitato grande emozione tra i senior e tra i tanti giovani presenti; chi non era presente avr lopportunit di riflettere sul rapporto tra medicina e filosofia e sulla necessit del recupero in senso umanistico della nostra professione.
Buon Natale a tutti,
Nicola Ferrara

Il Professor Aldo Masullo nasce 92 anni fa in Campania, e pi precisamente ad Avellino, laureato in Filosofia e Giurisprudenza, titolare della Cattedra di Filosofia Teoretica e Filosofia Morale dellUniversit degli Studi di Napoli, dove diventer poi Direttore del Dipartimento di Filosofia. Ha avuto un percorso professionale ed accademico molto lungo ed impegnato, trascorrendo tra laltro vari periodi di ricerca e di insegnamento in Germania dove ha approfondito il pensiero del neurologo e filosofo tedesco Viktor von Weizscker, il quale aveva introdotto nel linguaggio filosofico e scientifico il concetto di patico. socio dell'Accademia Pontaniana, della Societ Nazionale di Scienze Lettere ed Arti di Napoli e dell'Accademia Pugliese delle Scienze. stato insignito della medaglia d'oro del Ministero per la Pubblica Istruzione. Significativa la sua apertura al mondo della politica e del sociale come testimoniato dallessere stato deputato, senatore e parlamentare europeo.

 

Dopo il 60 Congresso SIGG

Alla fine di ogni Congresso o evento formativo pi o meno importante si soliti fare un bilancio per analizzare i punti di forza, le debolezze, le criticit in modo da farne tesoro per le edizioni future. Il Congresso di Napoli era partito con qualche perplessit del Presidente ed alcuni membri del Consiglio Direttivo per la scelta di riportare a Napoli il Congresso dopo circa ventanni, rispetto ad una scelta alternativa, Firenze, storicamente collaudata e molto gradita alla maggior parte dei Soci. La prima incertezza era sul numero dei partecipanti, gli abstract sottoposti, la sede mai utilizzata dalla SIGG, lospitalit alberghiera pi economica ed altro. Ad una prima analisi, i risultati definitivi saranno valutati in Consiglio Direttivo, il numero dei partecipanti come delle comunicazioni orali e dei poster assolutamente in linea con le edizioni precedenti, la sede congressuale bella, spaziosa, con due navi da crociera ai lati ed un panorama incantevole. Lorganizzazione attenta, curata dalla PLS, ha permesso a tutti di ricevere risposte per ogni esigenza ed indicazioni su attivit congressuali ed extra. Per la parte scientifica il Congresso stato come sempre molto apprezzato, cerano pi argomenti in contemporanea, ognuno era libero di scegliere secondo le proprie esigenze. Una citazione merita la lettura del Prof. Masullo a chiusura del Congresso. Non cerano molti presenti ma vi assicuro che stata di grande interesse ed emotivamente coinvolgente. Abbiamo deciso con il Presidente di pubblicare il testo integrale della lettura, trascritto da Gilda perfettamente e revisionata dal Prof. Masullo, per dare la possibilit agli assenti di una testimonianza di lucidit, saggezza e di umanit di un novantaduenne che parla di scienza e filosofia con una semplicit da grande uomo. Unica nota stonata del Congresso stata la notizia che Gianna lascer la SIGG. Siamo tutti daccordo che Gianna ha rappresentato per noi la forza vitale della Societ, con il suo discreto sempre vigile ed intelligente impegno per tutte le attivit della SIGG, conosce ognuno di noi con pregi e difetti, ha sempre collaborato con le Societ Organizzatrici dei Congressi in totale sintonia, avendo come unico obiettivo la riuscita degli eventi e la crescita della Societ. Ringrazio a nome di tutti Gianna per quanto ci ha dato e nello stesso tempo auguriamo a Gilda buon lavoro, sapendo che ha le carte in regola per ricoprire un ruolo non facile. Dalle sintesi presentate dai responsabili dei settori scientifico-disciplinari (tranne uno che non ha risposto nonostante i solleciti) si ha unidea della vitalit della nostra Societ e dellimpegno di ognuno di loro per dare ulteriore impulso ai singoli settori. Il Presidente AGE, infine, ha incontrato e premiato un centenario ancora molto attivo. Invitiamo chi in futuro incontra altri esempi di centenari in buona salute di inviarci una sintesi della vita professionale e familiare della persona con relativa foto.
Buon Natale a tutti,
Vincenzo Canonico

Alcune riflessioni sul 60 Congresso SIGG inviate al Presidente

Care Colleghe e cari Colleghi,
invio questa mail assolutamente informale ad alcuni colleghi che condividono l'impegno in SIGG e in AIP. Il primo scopo commentare con voi il successo dell'evento, congratulandoci in particolare con il Presidente Ferrara, che ci legge in copia, per la sapiente e vivace regia. Secondo scopo quello di ricordare tutti i tre gruppi di lavoro in comune tra le due societ: l'ortogeriatria, il delirium e la riabilitazione motoria della persona affetta da demenza. Ritengo siano tre argomenti di estremo interesse pratico e culturale. Invito amici e colleghi a partecipare attivamente alle tre realt associative. Terzo scopo commentare con voi alcuni dei contenuti pi significativi del congresso: 1. la lettura di Ferrucci ha dato un tono alto a tutto il congresso; se l'inaugurazione parte bene si gi a met strada! 2. la lettura finale di Masullo stata splendida; avrebbe meritato la sala piena. Nicola ha avuto un grande intuizione. Pensavo di invitarlo all'inaugurazione del Congresso AIP di Firenze: cose ne dite? 3.l'evento sull'accompagnamento, nonostante l'assenza di Boeri, ha suscitato grande e diffuso interesse (non lo dico assolutamente per sottolineare il mio ruolo). Le nostre societ devono essere pi presenti sui problemi concreti delle persone fragili! 4. i seminari specifici per patologia sono stati difformi tra loro: alcuni profondamente geriatrici, altri assolutamente no. Non credo si possa fare diversamente, ma bisognerebbe istruire i geriatri che vi partecipano a non avere sensi di interiorit difronte ai grandi esperti di patologie d'organo. 5. da alcuni commenti che ho sentito, il forum degli specializzandi non ha funzionato benissimo. E' un aspetto delicato, perch i giovani devono crescere con un idea forte sulla cura dei vecchi e non pensare solo alle tecnologie. 6. L'evento sulla fragilit stato di grande interesse; dobbiamo per evitare di diventare i portatori di idee agli specialisti d'organo, senza difendere la nostra autonomia, anche nell'ambito dell'organizzazione dei servizi. 7. gli aspetti psicogeriatrici in senso stretto suscitano grande interesse: ho visto sale molto piene. Vi sarebbero molte altre problematiche da commentare, ma non voglio disturbarvi ulteriormente.
Un caro saluto,
Marco Trabucchi

Sintesi coordinatore sezione Clinica

Gli iscritti al Settore Scientifico Disciplinare Clinico sono 1327 (666 paganti) su untotale di 1714 soci.

Resoconto dellattivit:

Gruppo di Studio SIGG La cura nella fase terminale della vita
Il gruppo di studio molto attivo, al 60 Congresso ha organizzato il simposio su Fine vita senza contenzione: dignit della persona e qualit della cura
Elenco componenti e attivit: http://www.sigg.it/gruppi_dettaglio.asp?id=1

Progetto ReGAl 2.0 (Rete Geriatrica Alzheimer2)
Rappresenta un modello aggiornato rispetto a quello realizzato nel 2000, con lobiettivo di attivare Centri Geriatrici Esperti in ogni regione italiana, al fine di standardizzare lattivit clinica e stimolare la ricerca scientifica nel settore della demenza e del disturbo cognitivo lieve(http://www.sigg.it/progetti.asp?riferimento=Regal)

Attivit future:

Gruppo di Studio SIIA-SIGG
Progetto di screening del decadimento cognitivo nei pazienti ultra sessantacinquenni non dementi con ipertensione arteriosa, approvato in CD 28-10-15 (delegato SIGG il Dr. Andrea Ungar). Protocollo in via di definizione.

Commenti sul 60 Congresso Nazionale:

Standard delle sessioni scientifiche: in genere elevato e sufficientemente multidisciplinare;
Partecipazione allassemblea: il numero di partecipanti stato drammaticament ebasso, a dimostrazione di uno scarso senso di appartenenza alla Societ, confermato anche dal fatto che meno della met dei soci in regola con il pagamento della quota annuale.

Potenziali azioni da intraprendere:

1)Maggior interazione tra i coordinatori dei Settori Scientifici Disciplinari e i referenti regionali, per un pi significativo coinvolgimento periferico; 2) Miglior caratterizzazione delle attivit dei Settori Scientifici Disciplinari.

Sintesi coordinatore sezione Nursing

Il 16 Corso Infermieri stato un momento importante di lavoro e confronto che ha rimarcato limportanza dellintegrazione e del lavoro in equipe delle figure sanitarie e sociosanitarie, evidenziando limportanza strategica dellasse geriatra-infermiere come strumento di evidence e buona assistenza. Confrontare esperienze e realt diverse, sia per metodologia di approccio sia per gestione assistenziale, sono il valore aggiunto del Corso Infermieri. Nella prima giornata, allinterno del seminario sulla Psicogeriatria, abbiamo esplorato i disturbi somatici e psicologici del caregiver dell'anziano con demenza, la gestione dei sintomi non cognitivi nella persona affetta da demenza e la difficile gestione delle emozioni degli operatori sanitari nei percorsi di cura. Nel pomeriggio sono stati illustrati i nuovi approcci geriatrici assistenziali analizzando le varie tipologie di unit di offerta presenti nel panorama italiano dallassistenza domiciliareintegrata ai centri diurni Alzheimer, dalle cure intermedie alle comunit residenziali per anziani. Il mattino della seconda giornata stato incentrato su due simposi: unosullimportanza delleducazione sanitaria attraverso lapproccio alla prevenzione della fragilit, alle stimolazioni fisiche con il nordic walking, delleducazione allaprevenzione dello scompenso, agli interventi per ritardare il diabete e alle aderenzealla terapia farmacologica. La seconda parte della mattinata ha visto un ampioapprofondimento circa il lavoro intrapreso questanno dalla sezione di Nursing sullecompetenze infermieristiche geriatriche, confrontando i diversi modelli internazionali presenti e definendo, rispetto al modello finlandese delle Nurse Competence Scale, le conoscenze e le competenze importanti nella formazione di primo e di secondo livello. Infine, nel pomeriggio ci sono stati importanti contributi scientifici clinico-assistenziali riguardanti la gestione dellinfezione da Clostridium difficile, lassistenza al paziente nefropatico, a quello oncologico, la gestione delle cadute nelle RSA e i nuovi approcci nutrizionali allanziano. Al sabato mattina, durante la sessione multidisciplinare incentrata sulla formazione accademica, sono state poste le basi con la Federazione IPASVI e con lUniversit per riformare il percorso formativo dellinfermiere, formazione attualmente non in grado di rispondere ai bisogni e alle richieste di una popolazione sempre pi anziana. Questo argomento sar la sfida per lanno 2016. Le societ scientifiche e la SIGG saranno interlocutori privilegiati dellUniversit e della Federazione dei Collegi IPASVI nel percorso di riforma. Nel corso del Congresso sono stati presi accordi con numerosi presidenti Regionali SIGG per lindividuazione di nuovi referenti nursing al fine di dotare ogni sezione regionale di una sezione Nursing per poter sviluppare e far crescere la cultura geriatrica e per portare avanti progettualit di ricerca e formazione innovative. Inoltre, la Sezione Nursing seguir con il Coordinatore delle Sezioni Regionali del Centro Italia un programma innovativo di formazione rivolto ai caregiver e alle badanti svolto con lezioni frontali e teledidattica. Altro obiettivo della nostra sezione per il2016 sar quello di cercare forme di confronto e collaborazione con le sezioni Nursing di altre societ scientifiche presenti sul territorio nazionale e internazionale.
Tante iniziative ci aspettano nel 2016, buon Anno e buon lavoro.

Sintesi coordinatore sezione Socio-comportamentale

Nellanno 2015 le attivit principali svolte in seno alla sezione socio-comportamentale SIGG sono state le seguenti:

Delirium Day

Il progetto, promosso dallAssociazione Italiana di Psicogeriatria (AIP), stato supportato da SIGG, SIGOT (Societ Italiana di Geriatria Ospedale e Territorio) e SINDEM (Societ Italiana Neurologia delle Demenze). Il giorno 30 settembre 2015, i medici di oltre 250 reparti ospedalieri e di strutture di long-term care hanno valutato mediante assessment multidimensionale un totale di 3336 persone: di questi 1877erano ricoverati in ospedale per acuti e 1459 in residenze sanitarie assistenziali (RSA).A parte le geriatrie per acuti, che hanno contribuito per la gran parte allindagine (oltre 60% dei dati raccolti in ospedale) hanno partecipato allindagine un numero rilevantedi reparti ospedalieri, che hanno incluso medicine interne, neurologie, chirurgie, ortopedie, riabilitazioni e unit di terapia intensiva. Il risultato stato, per alcuni aspetti, atteso e per altri sorprendente: atteso perch la prevalenza del delirium risultata del 23% in ospedale e 36,7% nelle RSA. Tali dati sono assolutamente in lineacon i dati della letteratura scientifica e mostrano come il delirium sia un fenomenotrasversale a tutti i reparti; sorprendente perch la partecipazione dei colleghi medicialliniziativa stata ingente, come dimostrato dallalto numero di rilevazioni, a testimonianza della volont dei colleghi (ed in particolare dei geriatri) di lavorareinsieme su temi di grande rilevanza clinica e concretezza. Un dato da segnalare che larilevazione del delirium stata effettuata con uno strumento denominato 4AT (1), chenon richiede formazione preliminare da parte del somministratore e che, quindi, potrebbe garantire una rilevazione affidabile di questa condizione drammatica a basso costo ed in tempi rapidi. I dati del Delirium Day saranno presentati in occasione del Congresso Nazionale AIP e del Congresso Nazionale SIGG. Seguiranno poi pubblicazioni su riviste scientifiche nelle quali saranno riportati i nomi di tutti coloro che hanno raccolto i dati. Ci auguriamo che liniziativa possa avere eco sui media e possa ingenerare discussione e interesse allinterno delle ASL, degli ospedali e, sperabilmente, anche nella cittadinanza, soprattutto laddove si tratti di familiari di persone anziane a rischio di sviluppare delirium. Il Delirium Day sar certamente riproposto nel 2016, con la speranza di coinvolgere anche deliriumologi europei, statunitensi ed australiani.

Ortogeriatria

Nellanno 2015 il Gruppo Italiano di Ortogeriatria (GIOG), sorto ormai 3 anni orsono per volont di SIGG e AIP (recentemente anche SIGOT ha deciso di collaborare), ha lavorato per preparare un dataset informatizzato che consenta ai centri GIOG di condividere dati clinici e di attivit. Il database stato realizzato, ispirandosi al minimum dataset del Fragility Fracture Network (FFN) inglese, da un gruppo di colleghi geriatri (Antonella Barone, Maria Lia Lunardelli, Chiara Mussi, Giulio Pioli)coordinati da Giuseppe Bellelli e Paolo Falaschi. Ne sorto un progetto di studio che stato gi valutato positivamente dal Comitato Etico dellUniversit di Napoli (va ringraziato in particolare il Presidente SIGG per questo). Grazie a questi primi passi,dunque, ogni centro ortogeriatrico iscritto al GIOG potr iniziare una raccolta dati online, a partire dai primi mesi del 2016. Si prevede di presentare i primi dati di attivit nellambito del prossimo Congresso Nazionale SIGG. Lambizione di porre le premesse per la creazione di un registro nazionale delle fratture di femore in et geriatrica, coinvolgendo progressivamente sempre pi ortopedici e geriatri ed allargando il numero dei centri GIOG. A questo proposito ricordo che chiunque, geriatra, ortopedico o anestesista, desideri entrare a far parte del GIOG (il cui scopo di promuovere la cultura ortogeriatrica sul territorio nazionale) pu inviare domanda di iscrizione alle segreterie SIGG e AIP. Inoltre, sono in fase di ultimazione quattro documenti di sintesi delle evidenze della letteratura e raccomandazioni per la gestione di problemi clinici di frequente riscontro nei pazienti ortogeriatrici (anemia etrasfusioni, delirium, malnutrizione, riabilitazione post-frattura), ad opera dei colleghi Ruggiero, Mussi-Lunardelli, Catte e Benvenuti. Tali documenti si vanno ad aggiungere ad un precedente statement, di carattere pi generale, preparato da un gruppo di medici coordinati da Pioli. Nel corso della riunione organizzativa del GIOG tenutasi a Napoli in occasione del Congresso Nazionale, altri medici si sono offerti di preparare nuovi documenti che si prevede di raccogliere entro lestate del 2016.

Sintesi coordinatore sezione Geriatria Territoriale

La giovane sezione territoriale della Societ Italiana di Gerontologia e Geriatria, secondo i dati aggiornati al 2015, formata da 86 soci, l85% dei quali in regola con la quota sociale.

In questanno le attivit pi significative della sessione si sono concretizzate nel I Congresso SIGG-AGE-AIP dal titolo UNICITA' DELLA GERIATRIA E SPECIFICITA DEL PAZIENTE GERIATRICO: QUANDO L'UNIONE FA LA FORZA, che si tenuto a Copanello (Catanzaro), nel suggestivo scenario del Villaggio Guglielmo. Il Congresso si posto lobiettivo di fare coagulare alcune delle societ di geriatria nellottica che lanziano, valutato in modo multidisciplinare e multidimensionale nei vari setting assistenziali (ospedale, universit, territorio), possa essere gestito al meglio nella logica della integrazione dei servizi. La geriatria infatti, attraverso le sue accreditate societ scientifiche, ha lobbligo di esprimere al meglio la sua unicit nella comunione diintenti e di interventi che possano essere tempestivi ed efficaci, al di fuori di sciocche logiche campanilistiche. Il Congresso stato un vero successo: indirizzato a medici(geriatri, neurologi, psichiatri, medici di famiglia), infermieri professionali, assistenti sociali, psicologi, tecnici della riabilitazione ed educatori professionali, ha coinvolto circa 180 partecipanti. Sono stati affrontati diversi temi di comune riscontro quali la prevenzione, gli stili di vita, la qualit della vita, il diabete, la demenza, la depressione, la BPCO, le patologie cardiovascolari, le nuove prospettive di cura nella malattia di Alzheimer e, non da ultimo, la prospettiva della telemedicina, che nello scenario nazionale ed internazionale destinata inevitabilmente ad assumere un ruolo di primo piano nella facilitazione gestionale del paziente geriatrico. Al Congresso hanno partecipato i Presidenti Nazionali delle Societ e, tra i relatori, tre ospiti internazionali quali la Prof.ssa Fratiglioni, sia pure in videoconferenza da Stoccolma, il Prof.Francesco Mattace Raso, Cattedra di Geriatria dellUniversit di Rotterdam e la Prof.ssaKatarzyna Broczek, Cattedra di Geriatria dellUniversit di Varsavia. Il 60 Congresso Nazionale SIGG, nello stupendo scenario della citt di Napoli e del suo porto turistico, ha visto momenti di grande vivacit culturale con gli spunti offerti da tematiche ad ampio raggio quali la ricerca traslazionale, linvecchiamento attivo, la fragilit, le grandi sindromi geriatriche, il delirium, la demenza, lortogeriatria, loncogeriatria, la geriatria di ieri, oggi e domani ed il forum degli specializzandi. Significativi sono stati i simposi organizzati in collaborazione con diverse societ scientifiche, una strada giusta e proficua. Nel simposio SIGG-AGE di giovedi 26 sono stati affrontati il tema della contenzione nei luoghi di cura con i risultati preliminari del CONT-AGE, il dolore cronico, i ricoveri evitabili e le fratture di femore nel grande anziano, toccando lattualissima criticit gestionale del paziente anziano tra ospedale e territorio. Unaltra attivit significativa e da tempo in cantiere, da svolgere assieme allAIP e dallAGE, la programmazione di uno studio di Farmacovigilanza, gi accennato in precedenza, che dovr essere presto presentato al Consiglio Direttivo SIGG. Lo studio nasce da presupposti ben noti, quali il rischio degli anziani di sviluppare patologie iatrogene quasi doppio rispetto ai soggetti pi giovani, lincidenza di una maggiore severit delle reazioni avverse, lospedalizzazione per patologie iatrogene, che riguarda 1/3 dei ricoveri ospedalieri. Altri importanti presupposti di partenza sono il frequente uso di farmaci inappropriati nella popolazione anziana, molti dei quali agiscono sul SNC, quali benzodiazepine, soprattutto se a lunga emivita plasmatica, antidepressivi triciclici, antipsicotici, sia convenzionali che atipici, e le possibili interazioni tra farmaci, a loro volta una delle prime cause di reazioni avverse nei pazienti anziani in politerapia. Il rischio aumenta con lutilizzo di farmaci da banco, fitofarmaci, integratori. Lo studio dovrebbe essere effettuato in due setting specifici (strutture residenziali per anziani come RSA, Case Protette o il domicilio) e sar effettuato in collaborazione con la Cattedra di Farmacologia dellUniversit di Catanzaro, diretta dal Prof. Giovambattista De Sarro. Si spera in un prossimo futuro di far avere a tutti i soci notizie pi dettagliate al riguardo. Questo potrebbe essere un tema da affrontare nel prossimo congresso nazionale di geriatria. Intanto uno studio pilota gi partito da qualche mese nellASP di Catanzaro nel braccio domiciliare, con alcuni casi interessanti di reazioni avverse ed interazioni (A Fatal Case of Triple Whammy in an Elderly Patient. J Gerontol Geriatr Res 2015, 4:2. - Valutazione dellusodi farmaci inappropriati, delle reazioni avverse e delle possibili interazioni farmacologiche in pazienti anziani in politerapia. Giorn. Gerontol. 2015, Volume LXIII, Supplemento 2, N. 4).In conclusione colgo loccasione, anche a nome del Dr. Andrea Fabbo, di augurare a voi tutti un sereno Natale ed un 2016 stimolante e fruttuoso, dal punto di vista squisitamente professionale e, non da ultimo, sotto il profilo umano.

Sintesi Vincitori Premi Giovani Soci

DOTT.SSA EDITH ANGELLOTTI
EFFETTO DEL TRATTAMENTO CON INCRETINE SULLA STABILITA DELLA PLACCA ATEROSCLEROTICA: RUOLO DELLA VIA DI SEGNALAZIONE APPL1/APPL2
Angellotti E., Esposito A., De Falco T., Coppola C., Turchi G., Rizzo M.R., Marfella R., Paolisso G., Barbieri M.
(Dipartimento Scienze Mediche, Chirurgiche, Neurologiche, Metaboliche e dellInvecchiamento, Seconda Universit di Napoli)

DOTT.SSA ELENA COLOMBO
IDENTIFICAZIONE DI FENOTIPI DI FRAGILIT NEI PAZIENTI ANZIANI OSPEDALIZZATI NELLO STUDIO REPOSI
Colombo E., Franchi C., Ardoino I., Santalucia P., Nobili A., Tettamanti M., Mannucci P.M.,Marcucci M.
(Milano)

DOTT.SSA ELEONORA COPPO
INCIDENZA DI DELIRIUM E TEMPO DI STAZIONAMENTO IN PRONTO SOCCORSO NEI PAZIENTI ANZIANI CON PATOLOGIA MEDICA
Coppo E.[1], Bonetto M.[2], Bottignole G.[1], Porrino P.[1], Tibaldi M.[1], Ceci G.[1], Raspo S.[2], Cappa G.[2], Bellelli G.[3], Bo M.[1]
([1]SCDU Geriatria e Malattie Metaboliche dellOsso; Citt della Salute e della Scienza-Molinette Torino,[2]S. C. Geriatria e Cure Intermedie - ASO S. Croce e Carle C[3]Dipartimento di Scienze della Salute, Universit Milano-Bicocca, Milan and S. GerardoHospital, Acute Geriatric Unit Monza)

DOTT.SSA LUISA COSTANZO
CLUSTER DI INDICATORI DI FRAGILIT NELLA POPOLAZIONE DELLO STUDIO INCHIANTI
Costanzo L.[1], Pedone C.[1], Cesari M.[2], Bandinelli S.[3], Ferrucci L.[4], Antonelli-Incalzi R.[1]
([1]Universit Campus Bio-Medico di Roma, Area di Geriatria; [2]Institut du Vieillissement, Universit de Toulouse, Toulouse France;[3]Azienda Sanitaria di Firenze, Florence -Italy; [4]National Institute on Aging, National Institutes of Health, Baltimore, Maryland - USA)

DOTT. MASSIMILIANO FEDECOSTANTE
PREDITTORI DI INVECCHIAMENTO CEREBRALE IN BUONA SALUTE NELLANZIANO
Fedecostante M.[1], Dell'Aquila G.[1], Colpo M.[2], Bandinelli S.[2], Ferrucci L.[3], Cherubini A.[1]
([1]Geriatria e Accettazione Geriatrica d'Urgenza, IRCCS-INRCA Ancona; [2]Unit diRiabilitazione Geriatrica, Azienda Sanitaria Firenze Firenze;[3]National Institute on Aging, National Institutes of Health Baltimore)

DOTT.SSA GRAZIA DANIELA FEMMINELLA
INFLUENZA DELLA NEUROINFIAMMAZIONE SUL VOLUME DELLIPPOCAMPO E SUL METABOLISMO CEREBRALE DI GLUCOSIO IN PAZIENTI CON MALATTIA DI ALZHEIMER ED IN PAZIENTI CON PARKINSON DEMENZA
Femminella G.D., Atkinson R., Fan Z., Edison P.
(Imperial College London London, UK)

Lemozione, la passione e lentusiasmo di fronte ad un centenario

"Successfull aging Cento anni" da parte AGE

Nato il 16 novembre 1915, Vittorio Lombardi ha compiuto 100 anni e li ha festeggiati a casa sua, a Morcone (BN), con i familiari e gli amici, godendosi gli auguri del parroco e delle autorit locali. Maresciallo dellAereonautica Militare, poi vita da civile dedicata allorto e alla casa, un bellesempio di invecchiamento di successo. Magnifica, in atteggiamento di grande autocomprensione, la sua stupita riflessione: Cento annisono tanti, come a dire proprio a me e seguita, azzardando con fiduciosa speranza: Beh allora forse posso andare avanti ancora un po!. Ed ecco insorgere subito unirrequietezza culturale con troppe domande, troppe riflessioni, troppi stimoli di fronte ad un mondo ancora da conoscere! Poche le nostre informazioni sulla qualit di vita dei centenari, pochi e non di grande impatto gli studi in letteratura! Certo, nonostante i continui riferimenti dei mass-media ad un fenomeno cos importante come linvecchiamento della popolazione, la curiosit ancora troppo forte di fronte ad un centenario. E come se non si comprendesse che i centenari saranno una fetta di popolazione sempre pi numerosa, dal peso sociale sempre pi rilevante e che devono, gi da ora, essere considerati, contro ogni forma di ageismo, parte integrante e con pari dignit della nostra societ. Essi rappresentano il nostro futuro! E allora badiamo ora alla qualit di vita di questi nuovi anziani, ai loro bisogni e facciamo s che questa nuova cultura sia anche quella dei nostri figli.
Auguri Vittorio!

Salvatore Putignano

Congressi e Convegni

6 CONGRESSO NAZIONALE CO.R.TE.
Conferenza Italiana per lo Studio e la Ricerca sulle Ulcere, Piaghe, Ferite e Riparazione Tessutale
Roma, 9-11 Marzo 2016
Segreteria Organizzativa: CO.R.TE.
Tel. 06 35497114 - Fax 06.35341535 - www.corteitalia.org - corte@jaka.i

tASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA
16 CONGRESSONAZIONALE
Il Dovere di Curare: evidenze scientifiche e di persona
Firenze, 14-16 Aprile 2016
Segreteria Scientifica: Angelo Bianchetti, Alice Negretti
Tel. 030/3757538 Fax 030/48508
www.psicogeriatria.it aipsegreteria@grg-bs.it
Segreteria Organizzativa: PLS Educational Firenze
Tel. 055 24621 - Fax 055 2462270
aip@promoleader.com

5thFFN GLOBAL CONGRESS 2016
Fragility Fracture Network ao the Bone and Joint Decade
Roma, 1-3 Settembre 2016
Segreteria Organizzativa: MCI Deutschland GmbH
Phone: +49 (0)30 204590 - Fax: +49 (0)30 2045950
registration.berlin@mci-group.com

12thCONGRESS OF EUGMS
Lisbona, 5-7 Ottobre 2016
Segreteria Organizzativa: Aristea International
Tel. (+39) 010 553591- Fax (+39) 010 5535970
eugms@aristea.com