Societá

Attivitá SIGG

Giornale di Gerontologia

Numero 1, Febbraio 2010 - Volume LVIII

Copertina

Sommario

Editoriale

Saluti dal Direttore

Mario Barbagallo

G GERONTOL 2010;58:1-2

Carissimi Soci e Lettori,
é giá passato un anno da quando ho assunto l´incarico di Direttore del Giornale di Gerontologia. Credo sia possibile fare insieme un resoconto e bilancio di questo primo anno di lavoro.
Il primo obiettivo che siamo riusciti a mantenere é stata la regolaritá nell´uscita della rivista. I sei numeri annuali sono usciti con puntualitá ogni bimestre.
L´ultimo numero del 2009 (numero 6/2009) é stato consegnato al Congresso Annuale della SIGG, cui era dedicato, ai primi di dicembre.
Voglio ringraziare tutti gli Autori che hanno scelto di inviare un loro lavoro al Giornale. La maggior parte di questi é stata o sará pubblicata. Grazie a voi sono arrivati in redazione un numero di manoscritti superiore a quello degli ultimi anni. Molti di tali contributi hanno un elevato valore scientifico, con una grande varietá di provenienza. Ci sono pervenuti contributi da tantissime realtá geriatriche italiane, da strutture universitarie, ospedaliere e territoriali, da tutte le sezioni (clinica, socio-comportamentale e bio-gerontologica) e da tutte le aree geografiche (Nord, Centro e Sud Italia), a conferma dell´attaccamento della Geriatria italiana ad una rivista storica come é il Giornale di Gerontologia.
Sono arrivati in redazione nel corso del 2009, ben 60 lavori, con un notevole incremento rispetto agli anni precedenti (erano stati 36 nel 2008, 51 nel 2007, 43 nel 2006 e 34 nel 2005). Speriamo che questo risultato positivo possa essere confermato nei prossimi anni. Dei 60 lavori giunti in redazione, 50 sono stati accettati dopo revisione (indice di accettazione dell´83,3%), mentre 8 non hanno superato il giudizio dei Revisori e del Comitato Editoriale e 2 lavori che erano stati inviati agli Autori con la richiesta di revisioni maggiori, non sono piú tornati in redazione.
La redazione ha ricevuto nel corso dell´anno per la pubblicazione integrale numerosi importanti contributi presentati come poster o comunicazione al Congresso SIGG 2008 e invito tutti coloro che hanno inviato un abstract al Congresso SIGG 2009 di considerare la possibilitá di preparare il manoscritto per la pubblicazione gratuita sul Giornale di Gerontologia.
Voglio altresí ringraziare tutti i Revisori per il loro importante e costruttivo aiuto.
Al fine di migliorare lo standard qualitativo del Giornale, infatti, tutti i lavori giunti in redazione sono stati rivisti da Revisori (facenti parte del Comitato Editoriale o esterni) che hanno contribuito in molti casi a dare suggerimenti utili a migliorare la qualitá e/o la presentazione dei lavori. Il lavoro di revisione é una funzione fondamentale, non remunerata, di supporto alla qualitá del Giornale e degli Autori, che ricevono consigli utili a migliorare il loro manoscritto.
Per la prima volta, come avviene in tutte le maggiori riviste internazionali, l´elenco dei Revisori che quest´anno hanno collaborato con il Giornale di Gerontologia si trova in appendice a questo numero del Giornale.
Un ulteriore obiettivo raggiunto é stato la velocizzazione del giudizio che é stato inviato agli Autori nella maggior parte dei casi entro un mese dall´invio del lavoro e della pubblicazione, che abbiamo cercato di mantenere entro i 6 mesi dall´accettazione del lavoro. Spero comunque di continuare a migliorare in futuro la procedura di submission e di pubblicazione nel Giornale.
Abbiamo ottenuto con la collaborazione della Pacini Editore la pubblicazione gratuita fino a 5 pagine stampate sul Giornale per i soci SIGG e fino a 4 pagine stampate per i non soci, incoraggiando l´invio di articoli al Giornale di Gerontologia anche da parte dei geriatri piú giovani.
Altro obiettivo é stato quello di migliorare la visibilitá del Giornale di Gerontologia sul sito SIGG, nel quale sono presenti online tutti i numeri e gli articoli della rivista. Il Giornale di Gerontologia é accessibile sul sito web della SIGG ed é scaricabile in versione integrale senza costi e senza abbonamento. Crediamo che il ″libero accesso″ possa ulteriormente incoraggiare la diffusione e visibilitá della rivista. In tale ottica stiamo lavorando con l´editore anche per cercare di ottenere in futuro l´accesso della rivista a Medline.
Sono stato fortunato a lavorare con un Comitato Editoriale motivato e collaborativo. Nel ringraziare tutti i membri del Comitato Editoriale ed i Revisori, permettetemi un grazie particolare al prof. Gambassi che si sta occupando della revisione degli abstracts e dei testi in inglese. Un grazie va al team della Casa editrice Pacini, al dott. Poponcini ed alle sig.re Andreazzi e Colombini, che stanno collaborando con grande dedizione e professionalitá.
Credo che come primo anno di lavoro possiamo essere soddisfatti, ma sono cosciente che vi é ancora molto da fare per rimanere competitivi.
Cosa possiamo fare ulteriormente? Mantenere alta la sbarra sulla revisione dei lavori e sulla loro qualitá nell´accettazione, cercare di mantenere la regolaritá nella pubblicazione del Giornale, incrementare la produzione di reviews, numeri speciali e supplementi su argomenti di interesse geriatrico. In tutte queste aree l´Editorial Board dovrá ovviamente avere un ruolo leader, ma é importante la collaborazione di tutti i soci.
La possibilitá di pubblicare in supplementi del Giornale di Gerontologia gli atti deve essere presa in considerazione dagli organizzatori dei tanti importanti Congressi sull´anziano che si svolgono in Italia.
Il successo del Giornale si basa soprattutto sul gradimento ed il consenso tra i soci ed i lettori, che spero continueranno a supportarci. Invito tutti i soci ad inviarmi, sia in forma privata che da pubblicare nella sezione ″Lettere al Direttore″, opinioni e commenti, sia sugli articoli pubblicati che su argomenti di interesse geriatrico, e suggerimenti su come ulteriormente migliorare il Giornale di Gerontologia.
Rinnovo gli auguri al Giornale di Gerontologia ed a tutti noi.

Vostro
Mario Barbagallo
(mabar@unipa.it)

Argomento di dibattito: temere piú il caldo o il freddo?

F. MONACELLI, P. ODETTI
U.O. Geriatria, Dipartimento di Medicina Interna e Specialitá Mediche, Universitá di Genova

G GERONTOL 2010;58:3-6

Parole chiave: Anziani - Mortalitá estiva - Mortalitá invernale - RSA
Key words: Elderly - Winter mortality - Summer mortality - Nursing homes

Epidemiologia
La correlazione causale tra temperatura ambientale e stato di salute rappresenta ad oggi un tema clinico complesso, scarsamente investigato, che necessita di ulteriori studi in termini fisiopatologici, socioeconomici ed ambientali.
L´attuale indirizzo di ricerca enfatizza il ruolo patogenetico del caldo e delle ondate di calore estivo nella patogenesi dell´eccesso di morbilitá e mortalitá nella popolazione anziana.

Articoli originali

Sezione Clinica
Sistemi di valutazione multidimensionale a confronto: Assessment of Geriatric Disability e Resource Utilization Groups


C. TRAVERSO, S. MUSANTE, A. MIGONE, P. ODETTI*

Azienda Servizi alla Persona ″E. Brignole″, Genova,
* U.O. Geriatria, Dipartimento di Medicina Interna e Specialitá Mediche, Universitá di Genova

G GERONTOL 2010;58:7-11

Objectives. The study has compared two different assessment systems: the Assessment of Geriatric Disability System an italian instrument used for the allocation of resources to the elderly and the Resource Utilization Groups III System, a case-mix analysis tool developed in the United States at the end of the 80s.

Methods. 552 patients who were beneficiaries under the ″Azienda Servizi alla Persona E. Brignole″ of Genoa have been evaluated.
Results. The Assessment of Geriatric Disability System appears to be an easy and quick system but it is not helpful in outcome´s assessing. The Resource Utilization Groups III System, is however more precise in evaluating the patient at entry and in the assessment of changes over time.

Conclusions. The number of older patients with major medical and social needs is growing with pressure on the network of services. In this context the Resource Utilization Groups III System represents a valid instrument for assessing the case-mix of nursing home residents and could be used to collect information on factors predictive of subsequent resource consumption.

Key words: Assessment - Nursing home - AGED - RUG III

Sezione Clinica
La psoriasi nell´anziano: la qualitá della vita tra il danno estetico e quello funzionale in uno studio su 120 pazienti


A.M. IANNACCONE, S. IURASSICH*

Dipartimento di Scienze Farmaceutiche, Facoltá di Farmacia, Universitá di Salerno;
*Dipartimento di Psichiatria, Neuropsichiatria Infantile, Audiofoniatria e Dermatovenereologia, Facoltá di Medicina e Chirurgia, Seconda Universitá di Napoli

G GERONTOL 2010;58:12-20

Sezione Clinica
La gestione del paziente anziano critico: attivazione di un´area di cure intermedie nel reparto di 1a Geriatria dell´Azienda Ospedaliera di Verona


C. BELLAMOLI, M. AZZINI, C. BOZZINI, G. BISOFFI*, R. ROZZINI**

Unitá Operativa Complessa 1a Geriatria, Ospedale Civile Maggiore di Verona;
* Unitá di Statistica, Azienda Ospedaliera di Verona;
** U.O. Geriatria, Ospedale Poliambulanza di Brescia

G GERONTOL 2010;58:21-30

Sezione Clinica
Terapia adiuvante con anastrazolo nella donna anziana con carcinoma mammario precoce: rischio di frattura e ruolo protettivo del risedronato


T. FRICIA, G. SERGI, S. LONARDI*, S. MARIN, C. FALCI*, G. PINTORE, S. MONFARDINI*, A. COIN, U. BASSO*, E. PERISSINOTTO**, G. ENZI, E. MANZATO

Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche, Clinica Geriatrica, Universitá di Padova;
* Istituto Oncologico Veneto, IOV, IRCCS, Padova;
** Dipartimento di Medicina Ambientale e Sanitá Pubblica, Universitá di Padova

G GERONTOL 2010;58:31-36

Sezione Clinica
Studio TARS (prima Teriparatide poi o Alendronato o Risedronato o Stronzio ranelato): quale terapia dopo teriparatide nell´osteoporosi senile severa?


A. SANTANGELO, G.D. TAVERNA, V. FIORE, G. MAMAZZA, C. ZUCCARO, A. CAPPELLO, S. PAVANO, S. ALBANI, D. MAUGERI

Dipartimento di Chirurgia, Universitá di Catania

G GERONTOL 2010;58:37-40

Sezione Clinica
Il ruolo dell´infiammazione nella prognosi del recupero funzionale dei pazienti in assistenza domiciliare integrata


M.C. CATALDO, M.L. CALCARA, A. CALABRESE, G. CAPUTO, F. DAL MASCHIO, C. MAMMINA, M. NICOLICCHIA, S. PIRROTTA, G. RIZZO, V. SALERNO, S. VIZZI

U.O. UVG e ADI Distretto 10 Azienda USL6 Palermo, Dipartimento di Scienze per la Promozione della Salute ″G. D´Alessandro″, Sezione di Igiene, Universitá di Palermo

G GERONTOL 2010;58:41-46

Casi clinici

Sezione Clinica
La sindrome di Heyde, possibile causa rara di anemia nell´anziano


G. SCALA, G. CAPOBIANCO

U.O.C. Geriatria per Acuti, Ospedale S. Eugenio ASL RMC, Roma

G GERONTOL 2010;58:47-51

Lettere alla direzione

Lettera al Direttore
Un commento al 54° Congresso della Societá Italiana di Gerontologia e Geriatria (SIGG)


Gianfranco Salvioli, Anna Garutti

Cattedra di Geriatria e Gerontologia, Universitá di Modena e Reggio Emilia

G GERONTOL 2010;58:52-56

Caro Direttore,
il 54° Congresso della SIGG ha ottenuto buoni risultati; merito va riconosciuto alla Presidenza della Societá e all´Agenzia Promo Leader di Firenze, organizzatrice del Congresso. Il benessere e la salute della popolazione anziana sono stati ben proposti nel logo dell´evento; la presenza di mele di piú colori, di forma e dimensioni variabili richiama l´importanza della buona alimentazione; l´implementazione di sani stili di vita richiede strategie piú complesse della semplice raccomandazione di mangiare una mela al giorno che, apportando flavonoidi, antiossidanti e vitamine, ″toglie il medico di torno″. La salute si persegue nel corso della vita con interventi mirati consigliati, guidati e controllati dal medico di famiglia, dalla rete dei servizi sanitari, fra i quali le farmacie, e con la partecipazione fondamentale del singolo cittadino educato ed informato. La promozione di corretti stili di vita, anche nella popolazione anziana, é obiettivo dei servizi sanitari: specifiche metodologie, come l´Health Risk Appraisal in Older people (HRAO), sono state applicate in alcuni paesi, soprattutto in medicina generale.

Indici

Grazie ai nostri Revisori


Si ringraziano i seguenti Revisori che hanno rivisto articoli per il Giornale di Gerontologia nel 2009:

Pasquale Abete, Napoli
Giuseppe Antista, Palermo
Raffaele Antonelli Incalzi, Roma
Fernando Anzivino, Ferrara
Luisa Bartorelli, Roma
Mario Belvedere, Palermo
Vincenzo Canonico, Napoli
Alberto Cester, Dolo
Antonio Cherubini, Perugia
Francesco Corica, Messina
Andrea Corsonello, Cosenza
Domenico Cucinotta, Bologna
Anna Di Prima, Palermo
Ligia J. Dominguez, Palermo
Lorenzo Maria Donini, Roma
Nicola Ferrara, Napoli
Luigi Ferrucci, Baltimora
Giovani Gambassi, Roma
Antonio Guaita, Abbiategrasso
Flora Inzerillo, Palermo
Francesco Landi, Roma
Niccoló Marchionni, Firenze
Domenico Maugeri, Catania
Patrizia Mecocci, Perugia
Chiara Mussi, Modena
Patrizio Odetti, Genova
Ernesto Palummeri, Genova
Giuseppe Paolisso, Napoli
Valentina Picciolo, Palermo
Alberto Pilotto, San Giovanni Rotondo
Gabriele Toigo, Trieste
Marco Trabucchi, Roma-Brescia
Claudio Vampini, Verona
Gianluigi Vendemiale, Foggia
Orazio Zanetti, Brescia