Torna alle linee guida

8.1.1    Linee-Guida : L’anziano fragile è ad alto rischio di ospedalizzazioni ripetute (B). In particolare, gli ultrasettantacinquenni ricoverati in ospedale per patologie acute costituiscono ormai il 30-40% del totale dei ricoverati nei reparti di medicina generale, malgrado questa fascia d’età rappresenti il 6,9% della popolazione totale (ISTAT 1996 - www.istat.it). Uno dei principali obiettivi dell’assistenza all’anziano fragile ricoverato in ospedale è quello di prevenire o arrestare il declino funzionale legato all’acuzie della malattia o ad una inadeguata gestione clinica mediante l’attivazione tempestiva di un programma assistenziale basato sulla VMD (A).

 

8.2.1    Le Evidenze : Rispetto al ricovero in reparti di medicina generale, il ricovero di anziani in Unità Operative per Acuti organizzate secondo i principi della VMD e del team multiprofessionale coordinato dal medico geriatra, riduce la mortalità ed il declino funzionale (Ia) 1-7 .

 

8.3.1    Raccomandazioni per l'implementazione locale : Visto l’elevato tasso di ospedalizzazione degli anziani fragili per eventi acuti, tenuto conto che l’acuzie della malattia rappresenta per questi pazienti un elevato rischio di declino funzionale che è spesso irreversibile e causa un aumento notevole dei costi assistenziali, considerato che l’approccio più valido a questo tipo di malati è quello fondato sulla VMD e sul team multiprofessionale geriatrico, la rete dei servizi di assistenza continuativa all’anziano fragile dovrebbe prevedere al suo interno un’Unità Operativa Geriatrica per Acuti.

 

Bibliografia

   1.   Rubenstein LZ, Josephson KR, Wieland GD, English PA, Sayre JA, Kane RL. Effectiveness of a geriatric evaluation unit. A randomized clinical trial. N.Engl.J.Med. 1984;311:1664-70.

   7.   Inouye SK, Bogardus ST, Jr., Baker DI, Leo-Summers L, Cooney LM, Jr. The Hospital Elder Life Program: a model of care to prevent cognitive and functional decline in older hospitalized patients. Hospital Elder Life Program. J.Am.Geriatr.Soc. 2000;48:1697-706.