Societá

Attivitá SIGG

Bollettino SIGG: Numero 3, Marzo-Aprile 2010


Direttore Responsabile
Nicola Ferrara

A cura di
Vincenzo Canonico
Tel. e fax 081 7464297
e-mail: vcanonic@unina.it

Scarica il bollettino:

Editoriale del Presidente

(Dopo l´editoriale del Presidente, pubblicato nel numero precedente del Bollettino, abbiamo ricevuto due commenti che pubblichiamo a pag. 5. Il Prof. Marchionni interviene nuovamente sul tema) (ndr)
Il mio editoriale ″Il processo decisionale clinico in Geriatria: un difficile percorso tra pregiudizi, complessitá e incertezze. Riflessioni su un caso clinico″, pubblicato sul precedente numero del Bollettino, ha suscitato soltanto due risposte. Francamente, speravo in un dibattito piú ampio su un tema, quale quello del confine tra accanimento ed abbandono terapeutico, che ritengo d'importanza centrale e qualificante per la Geriatria.
Ci deve tuttavia consolare il fatto che si tratta di due risposte ″alte″, serie e meditate, provenienti da Colleghi - medici ed infermieri - evidentemente colti e dotati di generoso e appassionato senso di impegno verso il proprio ruolo professionale. Un senso di impegno che ha fatto, tra l'altro, superare loro la ″fatica dello scrivere″.
Alessandro Margiotta e Silvio Costantini, dalla U.O. di Geriatria della Azienda USL di Rimini, sono geriatri ″in prima linea″, che si intuisce con quale intensitá si battano quotidianamente contro l'ageismo (=desistenza) - probabilmente in un confronto serrato con altri specialisti - e lo fanno con profondo senso critico anche verso se stessi ed il proprio operato, perfettamente consapevoli del pericolo di cadere, all'opposto, in una ″intensivitá temeraria″ (=potenziale accanimento terapeutico). Cercano di superare questo pericolo con la utilizzazione di strumenti prognostici che integrino i principi della VMD con quelli della fisiopatologia dell'acuzie (APACHE II). Dobbiamo comunque essere tutti consapevoli - come del resto lo sono Margiotta e Costantini - che mai saremo in grado di predire in modo assolutamente accurato la prognosi nel singolo paziente, perché ovviamente gli stratificatori prognostici ″aggiustano″ per ció che conosciamo, ma siamo ben lungi dal conoscere tutto. Piero S. - il caso clinico che ha fatto da spunto al mio editoriale - aveva un APACHE II score che avrebbe scoraggiato qualunque intervento, ma… un mese prima, nonostante le sue molte malattie croniche, andava in bicicletta, ed aveva un profilo cognitivo quasi integro.
Quindi avrebbe avuto anche, verosimilmente, un buon punteggio alla Short Physical Performance Battery di Guralnik, un formidabile stratificatore prognostico a lungo termine. Sono stato incoraggiato da questa considerazione, ed ho avuto ragione. Un singolo caso clinico da ″medicina narrativa″ non produce evidenza; ma sono convinto che, di fronte all'incertezza, abbiamo il dovere di perseguire l'azione - purché clinicamente sapiente e tecnicamente appropriata - piuttosto che la desistenza; confidando - come suggerito da De Alfieri e Borgogni (Through the looking glass and what frailty found there: looking for resilience in older adults. JAGS 2010;58:602-3) e ripreso da Margiotta e Costantini - nelle difficilmente prevedibili capacitá di resilienza. D'altra parte, anche loro hanno agito dichiaratamente ″off label″, contro il parere dei colleghi del PS che avevano scartato l'ipotesi di ricovero in Terapia Intensiva per NIV in una serie di anziani cronicamente fragili ed acutamente molto ammalati (insufficienza respiratoria acuta). Hanno avuto il 45% di mortalitá, ma ció significa - e dobbiamo metterlo al primo posto - che hanno vinto, hanno ″avuto ragione″ nel 55% dei casi! E' piú della metá. Sicuramente ci sarebbe stato - e ci sará - qualche solone pronto ad accusarli sul piano dell'etica. Diffido sistematicamente da questo uso di argomentazioni etiche in medicina, delle quale molti si riempiono la bocca. Sospetto che spesso l'etica sia la ″foglia di fico″ che serve a coprire inadeguatezze tecnico-cliniche e mancanza di impegno. Quello che gli ammalati ci chiedono é, prima di tutto, capacitá clinica e cultura professionale; che non devono essere disgiunte, ma alle quali non vanno mai anteposte, le attenzioni alle componenti umane della cura. L'ospedale aperto non é solo una questione di ″umanizzazione″ delle cure (curiamo non per essere ″umani″, ma perché siamo professionisti della cura): dá vantaggio clinico, probabilmente riduce il delirium incidente; sicuramente, come il mio gruppo ha dimostrato in uno studio assolutamente rigoroso (Fumagalli S, et al. Reduced cardiocirculatory complications with unrestrictive visiting policy in an intensive care unit: results from a pilot, randomized trial. Circulation 2006; 21:946-52), riduce le complicanze cardiovascolari maggiori in un setting intensivo.
Ermellina Zanetti, coordinatrice della Sezione nursing della SIGG, scrive contro l'erogazione di una assistenza standardizzata, in favore di una sua personalizzazione, ricordando come troppo spesso, per inadeguatezza progettuale, sia proprio la standardizzazione a produrre abbandono terapeutico e desistenza. Abbandono e desistenza che, come da Lei opportunamente ricordato, sono eventi di gran lunga piú frequenti - ma probabilmente sottaciuti - dell'accanimento terapeutico. Zanetti scrive anche che l'organizzazione dell'ospedale per intensitá di cura (OIC) attualmente perseguita in alcune regioni - prima fra tutte, la Toscana - ″é ritenuta da alcuni rappresentanti della professione infermieristica un'opportunitá per una maggiore attribuzione di responsabilitá e un piú razionale impiego della risorsa ″infermieri″. Zanetti é su questo - appropriatamente - critica, richiamando l'attenzione sul fatto che é ″necessario che si faccia chiarezza rispetto a come misurare l'intensitá e la complessitá dell'assistenza″. Giusto. Ma voglio aggiungere dell'altro. E' bene sottolineare, ai molti che se ne dichiarano entusiasticamente a favore, che non esistono prove di efficacia del modello OIC. Il che rappresenta un'oggettiva debolezza dell'impianto metodologico adottato per la sua realizzazione, soprattutto quando si tenga conto che, al contrario, esistono esperienze che documentano l'efficacia di modelli di cura incentrati sulle specialitá mediche nel trattamento di specifiche patologie o tipologie di pazienti, quali le Unitá Coronariche, le Stroke Unit e le Unitá Geriatriche per Acuti (UGA). Tra le prove di efficacia delle UGA, la recente dimostrazione che pazienti ultra75enni afferenti al PS, identificati come ad alto rischio da uno stratificatore prognostico fondato su semplici dati amministrativi - il ″Codice Argento″ (Di Bari M, et al. Prognostic stratification of older persons based on simple administrative data: development and validation of the "Silver Code," to be used in emergency department triage. J Gerontol A Biol Sci Med Sci 2010;65:159-64), hanno una mortalitá a un anno di oltre il 30% inferiore se ricoverati in UGA rispetto ad un ricovero in Medicina Interna. Ci sará lo stesso risultato quando gli stessi pazienti verranno assegnati ad una ″area medica″ omogenea per livello di assistenza, nella quale dovranno emergere e farsi valere le competenze specialistiche geriatriche? O lí saranno adottate con maggiore facilitá logiche di desistenza, ancora una volta in nome della fuga dall'accanimento terapeutico? Non lo sappiamo, e la Geriatria dovrá impegnarsi nella promozione di un processo di valutazione serio, oggettivo, metodologicamente e culturalmente appropriato.
Ma una cosa io so per certo: da vecchio, se e quando ne avró bisogno, vorró essere curato da gente come Alessandro Margiotta e Silvio Costantini.

Niccoló Marchionni
N. Marchionni

Il X Congresso Nazionale AIP

L'Associazione Italiana Psicogeriatria ha compiuto dieci anni.
A Gardone Riviera nei giorni scorsi si é tenuto il X Congresso Nazionale dal titolo ″La psicogeriatria dopo dieci anni, uno sguardo al futuro″. In questi anni la maggior parte dei geriatri italiani, soprattutto quelli impegnati particolarmente su problematiche di psicogeriatria, ha seguito direttamente o indirettamente l'attivitá dell'AIP ed ha potuto constatare il livello di crescita progressiva e di impegno senza sosta che ha caratterizzato l'Associazione, tanto da poterla definire, tra quelle di recente istituzione, come la piú attiva e con la maggiore vivacitá culturale e scientifica. Nell'anno 2000 eravamo agli inizi dell'istituzione delle Unitá di Valutazione Alzheimer, del Progetto Cronos e del coinvolgimento diretto dei geriatri nel mondo della demenza, della depressione, dei disturbi del movimento e di tutto ció che ruota sul piano assistenziale in queste patologie che colpiscono frequentemente i pazienti anziani. In questi dieci anni i geriatri hanno risposto ad una ″richiesta″ di assistenza complessa con responsabilitá e competenza, tanto da raggiungere una piena autonomia nella gestione di sindromi psicogeriatriche a volte difficili e con risultati poco evidenti. Naturalmente l'esperienza sviluppata é stata possibile grazie ad una formazione ed un aggiornamento costante, che ha visto i geriatri sempre pronti, ed in tale ambito il ruolo delle Societá Scientifiche é di primo piano nell'organizzazione di eventi, di Corsi, di produzione di documenti e di tutto ció che é utile in una disciplina in continua evoluzione. L'AIP ha dimostrato in questi anni una vitalitá non comune, come é stato illustrato dal Presidente Prof. Trabucchi nella sua relazione introduttiva. Le attivitá sono state tante a partire dai dieci Congressi nazionali, i sei Congressi internazionali su ″Brain Aging and Dementia″, i Corsi regionali, le riunioni del Consiglio Direttivo su temi specifici, la costituzione della Sezione di Riabilitazione dell'Anziano, oltre alla larga produzione di documenti condivisi, di quaderni, della rivista ″Psicogeriatria″, l'organizzazione di progetti di ricerca, e tante altre iniziative, tutte presentate nel sito internet, sempre aggiornato ed a disposizione di chi desidera apprendere. L'AIP, che ricordo ha tre ″anime″, geriatria, neurologia e psichiatria, in questi anni tra le Societá scientifiche ha mantenuto il rapporto piú stretto proprio con la SIGG, con cui ha condiviso numerose iniziative, sviluppando una ″partnership culturale profonda″, come ha sottolineato il nostro Presidente, Prof. Marchionni, alla seduta inaugurale, che negli anni ha dato numerosi risultati positivi, a conferma che il confronto ed il dibattito aperto tra chi si occupa dello stesso paziente da tre punti di vista differenti, non puó che produrre risultati positivi per il medico e per il paziente stesso.
Del X Congresso, con le relazioni, i temi trattati, i tanti poster presentati, i documenti discussi troverete tutto illustrato nel sito (www.psicogeriatria.it), dove é possibile, per chi lo desidera, ascoltare le relazioni presentate e visualizzare le diapositive delle singole presentazioni. ″Uno sguardo al futuro″ per la psicogeriatria era uno dei sottotitoli del X Congresso. Anche se é difficile delineare il futuro in una disciplina in cui si alternano continuamente notizie positive di ricerche sperimentali e scarsa ricaduta sul piano clinico, in un panorama economico-sanitario sempre alle prese con restrizione di risorse, il Prof. Trabucchi vede ″nell'organizzare la generositá″, ″nell'impegno di tutti i giorni″, nel miglioramento della ″cultura interdisciplinare e della complessitá″ e nella ″diretta assunzione di responsabilitá″ degli operatori, alcuni punti importanti per la cura del paziente psicogeriatrico; in futuro, ognuno di noi, nella piccola o grande struttura di appartenenza, dovrá tenerli presente ed averli come filo conduttore nella sua attivitá. Non facciamo previsioni, ma sono certo che l'AIP, in base a quanto dimostrato dopo i primi dieci anni di attivitá, ci dará sempre validi strumenti e idee per soddisfare la domanda di cura dei nostri pazienti.

Vincenzo Canonico
V. Canonico

A proposito di cure e accanimento terapeutico

Abbiamo letto con profondo interesse l'editoriale del Presidente Marchionni sull'ultimo numero del Bollettino SIGG (1) e desideriamo fornire il nostro contributo con alcune riflessioni ed esperienze relative alla U.O. di Geriatria dell'Ospedale Infermi di Rimini.
Il tema del ″sottile crinale″ fra intensivitá geriatrica (2) e accanimento terapeutico é da molto tempo al centro delle nostre riflessioni come U.O. (3). Pensiamo che questa sia la vera sfida che la Geriatria dovrá affrontare nei prossimi anni: rendere sempre piú sensibili e specifici gli strumenti per la stratificazione prognostica dei pazienti anziani complessi, avendo come substrato culturale la valutazione multidimensionale che ci permette di districarci nel mare della comorbiditá; questo sa fare bene il Geriatra e questa deve essere la competenza e la cultura che ancora deve essere esportata appieno alle altre discipline mediche che troppo spesso peccano di ariditá e mero tecnicismo. Solo definendo correttamente la prognosi per un paziente anziano critico si riesce a raggiungere un adeguato equilibrio fra il ″fare″ e il ″non fare″, fra intensivitá che non deve essere temeraria e desistenza che non deve ridursi all'ageismo. La nostra esperienza prevede un approccio che integri alla classica valutazione multidimensionale geriatrica, una stratificazione prognostica a breve termine utilizzando strumenti quali il Palliative Prognostic Index (PPI) (4) e l'Acute Physiology and Chronic Health Evaluation (APACHE II) (5). Il contesto delle cure é fondato sulla palliazione proattiva (6) che, con protocolli standardizzati, affronta e cerca di alleviare alcuni sintomi disturbanti (come ad esempio il dolore, la disfagia, il delirium, la dispnea, la stipsi, etc.) che limitano l'efficacia del solo approccio farmacologico nel paziente anziano critico. E' inoltre favorita la presenza dei familiari accanto ai pazienti con l'esperienza della ″Divisione aperta 24 ore su 24″ di cui quest'anno ricorre il decennale. Recentemente (7) autorevoli clinici hanno sottolineato la necessitá di umanizzare le corsie iniziando con l'abolizione dell'orario di visita e questa esigenza é particolarmente sentita per i nostri pazienti anziani fragili.
E' esperienza quotidiana il dover discutere con colleghi di altre specialitá l'indicazione a trattamenti intensivi in pazienti di etá avanzata, con elevati indici di comorbiditá complessa, con severa compromissione cognitiva e funzionale. Nel corso del 2009, ad esempio, nella nostra U.O. sono stati trattati con ventilazione meccanica non invasiva (NIV) 53 pazienti affetti da insufficienza respiratoria acuta e per i quali in PS era stata esclusa l'indicazione al ricovero in Terapia Intensiva.
L'etá media era di 83 anni (range 75-93) con una prevalenza di sesso maschile (68%), una moda di 4 patologie croniche con il 45% dei pazienti affetti da demenza e una media di 2,6 BADL conservate. Il punteggio APACHE II era 15,7+5,3; il valore medio di pH 7,30 (range 7,19-7,36).
A fronte di un trattamento ″off label″ per la pressoché mancanza di letteratura sull'efficacia della NIV in una popolazione con queste caratteristiche, e basandoci sostanzialmente sull'aneddotica (8) abbiamo riportato una mortalitá intraospedaliera del 45%. Dal confronto delle caratteristiche fra i pazienti dimessi e quelli deceduti in ospedale é emerso che solo il punteggio di APACHE II (13,1+3,2 VS 18,4+5,7) e una diagnosi di delirium prevalente (48,4% VS 18,3%) differivano in maniera statisticamente significativa nelle due popolazioni. L'etá, l'indice di comorbiditá, il grado di disabilitá, il valore di pH all'inizio della NIV e il valore di pH ad un'ora dalla NIV non differivano in maniera statisticamente significativa. Questi dati, che necessitano ovviamente di ulteriori verifiche ed analisi con studi clinici di tipo prospettico atti a definire meglio i fattori e le soglie di irreversibilitá di un evento acuto, ci forniscono comunque importanti spunti di riflessione su come una prognosi divenga infausta in presenza di un massiccio sovvertimento dell'equilibrio omeostatico e fisiopatologico di un soggetto clinicamente complesso come il grande anziano. Esistono forse ulteriori fattori (genetici, di genere, psicologici, ambientali o sociali) che ci sfuggono e che possano giocare un ruolo determinante nello stabilire la prognosi al di lá della patologia? Noi Geriatri, sempre piú competenti nella valutazione prognostica, saremo in grado di abbandonare una certa propensione all'epidemiologia negativa in favore di una visione piú ottimistica e positiva nella valutazione dell'anziano che ricorre alle nostre cure?
Accogliamo quindi appieno l'invito del Prof. Marchionni a perseverare con l'ottimismo e il coraggio che da sempre ci contraddistinguono; gettiamo il cuore oltre i tanti ostacoli delle scelte difficili e non sempre condivise, cercando di definire non la ″fragilitá″ ma la ″resilienza″ dei nostri cari anziani, seguendo il recente ed innovativo invito di alcuni Autori (9).

Alessandro Margiotta e Silvio Costantini
U.O. Geriatria
Azienda USL di Rimini

BIBLIOGRAFIA
Marchionni N. Il processo decisionale clinico in geriatria: un difficile percorso tra pregiudizi, complessitá e incertezze. Riflessioni su un caso clinico. Bollettino SIGG 2010, Numeri 1-2, pag. 2- 5.
Margiotta A., Cancelliere R., Sabbatini F., Pula B., Costantini S. Il Geriatra Intensivista. Geriatria 2008;20:7-12.
Margiotta A., Sabbatini F., Cancelliere R., Pula B., D'Amore P., Costantini S. L'accuratezza prognostica in Geriatria: un sottile crinale fra intensivitá geriatrica e accanimento terapeutico. Geriatria 2009;21(Suppl.1):176.
Morilla T., Tsunoda J., Inouye S., Chiara S. The Palliative Prognostic Index: a scoring system for survival prediction of terminally ill cancer patients. Support Care Cancer 1999;7:128-33.
Knaus W.A., Draper E.A., Wagner D.P., Zimmerman J.E. APACHE II: a severity of disease classification system. Crit Care Med 1985;13:818-29.
Cancelliere R., Margiotta A., Pula B., Sabbatini F., Costantini S. Proactive Palliative Geriatric Care. Geriatria 2008;20(Suppl.1):163.
Veronesi: l'ospedale non é un carcere. La Stampa 12 febbraio 2010, pag.13.
Balami J.S., Packham S.M., Gosney M.A. Non-invasive ventilation for respiratory failure due to acute exacerbations of chronic obstructive pulmonary disease (COPD) in older patients. Age Ageing 2006;35:75-78.
De Alfieri W., Borgogni T. Through the looking glass and what frailty found there: looking for resilience in older adults. JAGS 2010;58:602-3.

Il processo decisionale clinico in Geriatria: un difficile percorso tra pregiudizi, complessitá e incertezze.

Accolgo volentieri l'invito del Presidente, a nome di tutti i colleghi della ″sezione nursing″, ad intervenire sul tema delle decisioni cliniche (tra le quali rientrano anche le decisioni assistenziali) e sulle reali difficoltá, anche per gli infermieri, a destreggiarsi evitando i pregiudizi, ″pesando″ la complessitá e sfidando le incertezze.
Scrive il Presidente: ″Il confine tra ″accanimento terapeutico″ e ″abbandono terapeutico″ é spesso molto sottile e difficile da identificare in modo appropriato ed accurato″. Anche per l'assistenza il confine é labile in particolare in tutte quelle realtá, ospedaliere o residenziali, che ancora non hanno compreso che i ″loro clienti″ saranno sempre piú anziani fragili, a rischio elevato di complicanze iatrogene e con una scarsa compliance alla terapia e all'assistenza. Si continua ad assistere adottando modelli standardizzati pensati per i pazienti giovani-adulti, che magari ben si adattano agli anziani ″robusti″, ma il cui risultato é fallimentare se applicati agli anziani ″fragili″.
Quasi commovente é lo stupore di pur ″bravi″ infermieri nel constatare che l'intervento erogato secondo standard non ha prodotto il risultato previsto, ma ha addirittura prodotto un danno al paziente! Ció che piú si osserva, sia in ospedale sia nei servizi residenziali, é ″l'abbandono assistenziale″, piú che l'accanimento. Abbandono che si connota per scarsa progettualitá rispetto a problemi o condizioni di frequente riscontro quali ad esempio le cadute, il delirium, l'incontinenza.
Sovente a questi problemi si risponde con interventi stereotipati, finalizzati ad arginare il problema e i danni che ne potrebbero derivare alla persona e all'organizzazione, piú che intervenire per prevenire o minimizzare il rischio. Un esempio per tutti é la contenzione fisica a cui ancora si fa ampio ricorso sia in ospedale sia nelle residenze, nell'erronea convinzione di proteggere l'anziano.
Ancora troppo pochi i progetti volti a minimizzare la contenzione e troppi i colleghi (ma anche troppi i medici e gli amministratori) che attribuiscono alla contenzione una positiva correlazione con il concetto di sicurezza.
L'organizzazione dell'ospedale per intensitá di cura nel quale, scrive il Presidente, ″la Geriatria rischia di vedere drasticamente ridimensionata la propria specificitá″ é ritenuta da alcuni rappresentanti della professione infermieristica un'opportunitá per una maggiore attribuzione di responsabilitá e un piú razionale impiego della risorsa ″infermieri″. E' peró necessario che si faccia chiarezza rispetto a come misurare l'intensitá e la complessitá dell'assistenza. Complessitá dell'assistenza o complessitá dell'assistito? Non si tratta di un gioco di parole, ma di definire qual é il focus della valutazione. Ovvero é ció che l'infermiere fa o piuttosto la condizione clinica, la prognosi, la dipendenza, la capacitá di collaborare e autodeterminarsi dell'assistito, che concorrono a definirne la complessitá? Nel primo caso il rischio é di descrivere e pesare l'assistenza erogata, che non sempre corrisponde all'assistenza necessaria. Nel secondo caso la definizione delle variabili che concorrono a definire la complessitá é certamente l'aspetto determinante. Per il paziente anziano é molto piú coerente e appropriata la definizione della complessitá dell'assistito a cui deve necessariamente conseguire la possibilitá di pianificare, erogare e valutare l'assistenza, integrando nell'organizzazione del moderno ospedale, fortemente orientata alla standardizzazione dei percorsi e dei processi (standard, protocolli, clinical pathway) a sostegno dell'efficienza e dell'equitá, i concetti di flessibilitá organizzativa e personalizzazione dell'assistenza.
Conclude il Presidente ″…la Geriatria non é per i deboli di cuore e richiede costantemente grande ottimismo e coraggio″: l'esempio di molti colleghi che ogni giorno nei tanti luoghi della cura si impegnano, nonostante i pregiudizi sostenuti dalla cultura dell'ageismo, a dedicare risorse e attenzioni ai pazienti piú fragili muovendosi nell'incertezza di una formazione ancora carente e spesso ″acquisita sul campo″ e in organizzazioni che chiedono ai pazienti/ospiti di adattarsi alle regole imposte, conferma che ottimismo, coraggio, determinazione sono necessarie e per fortuna non sono rare! Quasi sempre ció che le sostiene é la possibilitá di lavorare in équipe condividendo, nel rispetto delle reciproche competenze, gli obiettivi, ridiscutendo l'organizzazione e ricercando, insieme, nuove possibili soluzioni.

Ermellina Zanetti
Coordinatore sezione nursing SIGG
Gruppo di Ricerca Geriatrica Brescia

7° SEMINARIO ESTIVO SIGG

Auditorium ″Sala Caravaggio″ - c/o Boehringer Ingelheim
MILANO, 14-17 GIUGNO 2010

Programma

Lunedí 14 Giugno 2010
11.00-12.30
11.00 Inaugurazione
11.30 Prevenzione cardiovascolare e preservazione dello stato cognitivo nell'anziano
(Niccoló Marchionni, Presidente SIGG Firenze)
12.00 Innovazione terapeutica - ricerca clinica, medici e industria farmaceutica. Quali i ruoli?
(Sergio Daniotti, Amministratore Delegato Boehringer Ingelheim Italia s.p.a., Milano)
13.00-14.00 Pausa pranzo
14.00-18.30
NUTRIZIONE NELL'ANZIANO
(Mauro Zamboni, Verona)
14.00-14.45 Nutrizione nell'anziano in buona salute (Mauro Zamboni, Verona)
15.00-15.45 Malnutrizione calorico-proteica (Francesco Landi, Roma)
16.00-16.45 Come determinare il fabbisogno nutrizionale e costruire una dieta (Giuseppe Sergi, Padova)
17.00- 17.15 Coffee break
17.15-18.00 Principi di nutrizione artificiale (Vincenzo Di Francesco, Verona)
18.00-18.30 Discussione generale

Martedí 15 Giugno 2010
9.00-13.30
LE DEMENZE (Parte I)
(Patrizia Mecocci, Perugia - Marco Trabucchi, Brescia)
09.00-09.15 Introduzione (Marco Trabucchi, Brescia)
09.15-10.00 Le basi biologiche della malattia di Alzheimer (Francesca Mangialasche, Perugia)
10.15-11.00 La storia naturale delle demenze (Angelo Bianchetti, Brescia)
11.00-11.15 Coffee break
11.15-12.00 I percorsi diagnostici: neuropsicologia, neuroimaging, neurobiologia (Enrico Mossello, Firenze)
12.15-13.00 Non tutto é demenza… delirium, patologie somatiche (Renzo Rozzini, Brescia)
13.00-13.30 Discussione generale
13.30-14.30 Pausa pranzo
14.30-17.45
LE DEMENZE (Parte II)
(Patrizia Mecocci, Perugia - Marco Trabucchi, Brescia)
14.30-15.15 I trattamenti farmacologici della malattia di Alzheimer (Patrizia Mecocci, Perugia)
15.30-16.15 Il trattamento dei disturbi del comportamento nelle demenze (Rossella Liperoti, Roma)
16.15-16.30 Coffee break
16.30-17.15 Famiglia, caregiving e servizi (Orazio Zanetti, Brescia)
17.15-17.45 Discussione generale

Mercoledí 16 Giugno 2010
09.00-13.15
INSUFFICIENZA CARDIACA NELL'ANZIANO
(Nicola Ferrara, Campobasso)
09.00-09.30 Introduzione al seminario: La storia naturale dell'insufficienza cardiaca (dai fattori di rischio alla insufficienza cardiaca refrattaria) (Nicola Ferrara, Campobasso)
09.30-10.00 I percorsi diagnostico-valutativi: dalla valutazione multidimensionale alla alta tecnologia (Pasquale Abete, Napoli).
10.15-10.45 Stili di vita e prognosi cardiovascolare nel paziente anziano con insufficienza cardiaca (Dario Leosco, Napoli)
11.00-11.15 Coffee break
11.15-11.45 La terapia del paziente fragile con insufficienza cardiaca: dalla terapia farmacologia alla riabilitazione (Francesco Cacciatore, Telese Terme)
12.00-12.30 Prospettive terapeutiche innovative, insufficienza cardiaca ed invecchiamento (Giuseppe Rengo, Napoli)
12.45-13.15 Discussione generale
14.30 - 18.30
GESTIONE DEL PAZIENTE ANZIANO FRAGILE OSPEDALIZZATO: DALLA DIAGNOSI ALLA RIABILITAZIONE
(Marco Zoli, Bologna)
14.30-15.15 La fragilitá: modelli teorici e conseguenze cliniche (Marco Zoli, Bologna)
15.15-16.00 La fragilitá nell'anziano ospedalizzato: come misurarla (Paola Forti, Bologna)
16.00-16.30 Coffee break
16.30-17.15 La riabilitazione nell'anziano fragile: indicazioni e obiettivi (Bruno Bernardini, Rozzano)
17.15-18.00 La riabilitazione nell'anziano fragile: problemi e complicanze (Giuseppe Bellelli, Cremona)
18.00-18.30 Discussione generale

Giovedí 17 Giugno 2010
9.00 - 13.30
L'IPERTENSIONE NELL'ANZIANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA PRATICA CLINICA
(Giovambattista Desideri, L'Aquila)
09.00-09.15 Presentazione (Giovambattista Desideri, L'Aquila)
09.15-09.45 Le criticitá diagnostiche (Giovambattista Desideri, L'Aquila)
10.00-10.30 Stratificazione del rischio cardiovascolare e danno d'organo (Andrea Ungar, Firenze)
10.45-11.00 Coffee break
11.00-11.30 Quanto ridurre la pressione arteriosa (Andrea Ungar, Firenze)
11.45-12.15 Come ridurre la pressione arteriosa (Claudio Ferri, L'Aquila)
12.30-13.00 Urgenze ed emergenze ipertensive (Giovambattista Desideri, L'Aquila)
13.00-13.30 Discussione generale
13.30-14.30 Pausa pranzo
14.30 - 19.00
LA BPCO NELL´ANZIANO: TRA MITO E REALTÁ
(Giuseppe Romanelli, Brescia)
14.30-15.00 Utilitá e limiti della fisiopatologia (Claudio Tantucci, Brescia)
15.15-15.45 La comorbilitá: un tentativo di inquadramento (Alessandra Marengoni, Brescia)
16.00-16.15 Coffee break
16.15-16.45 I grandi trial e l'anziano (Giuseppe Romanelli, Brescia)
17.00-17.30 Quali outcome in pneumologia geriatrica? (Stefania Cossi, Brescia)
17.45-18.15 Dai principi generali alla prescrizione individuale (Vittorio Grassi, Brescia)
18.15-18.30 Discussione generale
18.30 Test ECM di verifica dell´apprendimento

Modalitá di partecipazione: i partecipanti verranno identificati direttamente dai Direttori delle Scuole di Specializzazione in Geriatria come i due allievi, per ciascuna sede, piú meritevoli tra quelli del 4° anno di corso.

55° CONGRESSO NAZIONALE SIGG

Invecchiamento e longevitá: piú geni o piú ambiente?
FIRENZE, 30 NOVEMBRE - 4 DICEMBRE 2010

Tematiche
- Biogerontologia e medicina traslazionale
- Cardiologia interventistica geriatrica
- Cure di fine vita
- Depressione nell'anziano
- Diabete tipo 2 e controllo glicometabolico nell'anziano
- Dolore cronico
- Incontinenza urinaria nell'anziano: dalla diagnosi al trattamento
- Infezioni nei diversi setting assistenziali geriatrici
- Nefroprotezione, insufficienza renale cronica ed emodialisi nell'anziano
- Integratori nutrizionali nell'anziano
- Oncologia geriatrica
- Osteoporosi
- Parkinson
- Sarcopenia e invecchiamento
- Sindrome metabolica nell'anziano
- Trattamento della demenza
- Ulcere da pressione e ferite cutanee complesse
- Vaccinazioni in etá geriatrica

DEAD-LINE PER GLI ABSTRACT: 30 GIUGNO 2010
(a breve potrete trovare tutte le informazioni sul sito www.sigg.it )

Lettera all´Editore del JAGS

(Il Dott. Vito Cruriale ha tradotto per il Bollettino la lettera inviata recentemente all´Editore del Journal of the American Geriatrics Society da parte del Gruppo di Studio "Geriatric Palliative Medicine" in seno all´European Union Geriatric Medicine Society)

La medicina palliativa geriatrica: una definizione condivisa
Sophie Pautex1, Vito Curiale2, Mathias Pfisterer3, Lourdes Rexach4, Miel Ribbe5, Nele Van Den Noortgate6
1 Division of Palliative Medicine, Department of Rehabilitation and Geriatrics, Geneva Medical School and University Hospital, Svizzera
2 Dipartimento di Gerontologia e Scienze Motorie, E.O. ″Ospedali Galliera″, Genova, Italia
3 Klinik fr Geriatrie, Evangelisches Krankenhaus Elisabethenstift, Darmstadt, Germania
4 Coordinator of Palliative Care Unit, University Hospital Ramòn y Cajal Madrid, Spagna
5 VU University Medical Center, Amsterdam, Olanda
6 Department of Geriatric Medicine, University Hospital Ghent, Belgio
Journal of the American Geriatrics Society, 2010; 58(4): 790-791

Lettera al direttore.
In Europa gli ultrasessantenni sono 144 milioni, rappresentando il 20% della popolazione e gli ultraottentenni 108 milioni, il 15%. Nel 2050 si stima che questi ultimi potranno essere 187 milioni, attestandosi al 26%1. In questo scenario epidemiologico le prevalenze di disabilitá, fragilitá e comorbilitá subiranno un assai rapido incremento che avrá immediate ripercussioni sui servizi sanitari in termini di maggior utilizzo di risorse ed aumento della spesa per ricoveri in ospedale e in strutture sanitarie, farmaci, caregiving e l´aumentata incidenza di eventi iatrogeni, complicanze ed outcome avversi2. I medici si dovranno pertanto avvalere di specifiche competenze per offrire un servizio sanitario di buona qualitá per una popolazione che con queste caratteristiche giungerá al termine della vita3,4. La presa in carico della complessitá dei bisogni sociali, psicologici e medici della popolazione anziana al termine della vita richiede un buon livello specialistico di conoscenza della medicina geriatrica e della medicina palliativa e si realizza appieno adottando un approccio di lavoro multidisciplinare in equipe. Le cure palliative per questi pazienti prevedono in primo luogo la gestione della malattia di base, delle comorbilitá e delle sindromi geriatriche, affiancata alla valutazione e al trattamento della sofferenza data dai sintomi fisici e psicologici e alla definizione di appropriati obiettivi di cura e piani di trattamento, in un contesto di incertezza della prognosi5.
Una buona medicina palliativa ha molte affinitá con la buona pratica Geriatrica, la quale, peró, piú spesso, é centrata sul miglioramento, la stabilizzazione e la riabilitazione del paziente. Per contro i principi delle cure palliative non si adattano perfettamente al paziente anziano, e si riconoscono pertanto significativi scostamenti dalla classica dottrina delle cure palliative come la necessitá di una valutazione multidimensionale geriatrica, del riconoscimento delle specificitá nella presentazione dei sintomi (ad esempio il dolore nelle persone con demenza) e di un buon uso del farmaco che tenga conto di etá e comorbilitá.
In letteratura é ampiamente riportato che dolore e sintomi sono sistematicamente sottovalutati e sottotrattati nell´anziano e che questa situazione si associa ad una serie di conseguenze negative4-9.
A marzo del 2007 un gruppo di Geriatri europei interessati alla medicina palliativa in geriatria si é incontrato per la prima volta per discuterne lo stato attuale in Europa. Il gruppo é stato quindi ufficialmente riconosciuto come gruppo d´interesse in seno a European Union Geriatric Medicine Society (EUGMS) e, in maggio 2009, avveniva la quinta riunione. L´obiettivo prioritario del gruppo é la creazione di una rete europea di medici specialisti con l´obiettivo di migliorare la medicina palliativa geriatrica. Due riunioni del gruppo d´interesse sono state dedicate alla formulazione di una definizione condivisa di medicina palliativa geriatrica. La finalitá di questa definizione é quella di incoraggiare i geriatri ad integrare i principi base delle cure palliative nella loro pratica clinica quotidiana come la gestione del processo del morire e delle direttive anticipate, il riconoscimento e la comunicazione della fase terminale per consentire al paziente e ai familiari gesti di commiato, pratiche di culto ed espressioni della spiritualitá. La definizione costruita dal gruppo si fonda sulla definizione di cure palliative dell´Organizzazione Mondiale per la Sanitá (OMS), sul libretto OMS ″better palliative care for older people″ e sulle definizioni di medicina geriatrica fornite da diverse istituzioni1,10,11. Il testo della definizione é stato revisionato dai partecipanti al gruppo d´interesse e da organi istituzionali di EUGMS.
La medicina palliativa geriatrica é la cura e la gestione medica dei pazienti anziani con problemi di salute correlati a malattia in fase avanzata e progressiva che determina una prognosi limitata e per i quali l´obiettivo di cura é il sostegno alla qualitá di vita.
Per questo la medicina palliativa geriatrica:
1) coniuga i principi e le prassi di entrambe le discipline: geriatria e cure palliative
2) pone attenzione alla necessitá di eseguire la valutazione multidimensionale geriatrica, di dare sollievo dal dolore e dai sintomi, di gestire le diverse problematiche fisiche e psicologiche, integrando nel piano di cura anche aspetti sociali, spirituali e ambientali
3) riconosce le peculiaritá di presentazione dei sintomi e delle malattie nell´anziano, le interazioni tra malattie, la necessitá di un appropriato uso dei farmaci e l´importanza di un approccio multidisciplinare personalizzato per i pazienti anziani con bisogni di cure palliative e per le loro famiglie
4) attribuisce particolare importanza all´autonomia della persona, al suo coinvolgimento nel processo decisionale e alle problematiche etiche
5) richiama alla necessitá di avere buone capacitá di comunicare le informazioni cliniche e discutere con i pazienti anziani e i loro familiari
6) pone attenzione ai bisogni dei pazienti anziani e delle loro famiglie nei diversi luoghi di cura: domicilio, struttura residenziale, hospice e ospedale
7) pone attenzione particolare alla continuitá di cura nei trasferimenti tra i diversi luoghi di cura
8) offre un sostegno alla famiglia per affrontare meglio la malattia
La definizione di medicina palliativa geriatrica é il primo passo per richiamare l´attenzione su questa materia, stimolare la discussione sui molti e importanti problemi implicati, facilitare la comunicazione tra clinici, ricercatori, decisori delle politiche della salute e del governo clinico, con l´obiettivo di migliorare la qualitá delle cure erogate agli anziani al termine della vita.

Bibliografia
1. Elizabeth Davies and Irene J. Higginson (editors). Better palliative care for older people. World Health Organization; 2004.
2. An ageing problem. Lancet Oncol 2004;5:459.
3. Fried LP, Ferrucci L, Darer J, Williamson JD, Anderson G. Untangling the concepts of disability, frailty, and comorbidity: implications for improved targeting and care. J Gerontol A Biol Sci Med Sci 2004;59:255-63.
4. Kapo J, Morrison LJ, Liao S. Palliative care for the older adult. J Palliat Med 2007;10:185-209.
5. Goldstein NE, Morrison RS. The intersection between geriatrics and palliative care: a call for a new research agenda. J Am Geriatr Soc 2005;53:1593-8.
6. Burt J, Raine R. The effect of age on referral to and use of specialist palliative care services in adult cancer patients: a systematic review. Age Ageing 2006;35:469-76.
7. Coleman EA, Boult C. Improving the quality of transitional care for persons with complex care needs. J Am Geriatr Soc 2003;51:556-7.
8. Evers MM, Meier DE, Morrison RS. Assessing differences in care needs and service utilization in geriatric palliative care patients. J Pain Symptom Manage 2002;23:424-32.
9. Phillips RS, Hamel MB, Covinsky KE, Lynn J. Findings from SUPPORT and HELP: an introduction. Study to Understand Prognoses and Preferences for Outcomes and Risks of Treatment. Hospitalized Elderly Longitudinal Project. J Am Geriatr Soc 2000;48:S1-5.
10. Duursma S, Castleden M, Cherubini A, et al. European Union Geriatric Medicine Society.
Position statement on geriatric medicine and the provision of health care services to older people. J Nutr Health Aging 2004;8:190-5.
11. Sepulveda C, Marlin A, Yoshida T, Ullrich A. Palliative Care: the World Health Organization´s global perspective. J Pain Symptom Manage 2002;24:91-6.

Notizie dalle Sezioni Regionali

Sezione appulo-lucana

Nuovo organigramma del CD della sezione appulo-lucana (2010-2012)

Presidente: prof. Gianluigi Vendemiale
Past-president: dr. A. Pilotto
Segretario: dr. F. Paris
Consiglieri: dr. V. Solfrizzi
dr. S. Tardi
dr. A. Kowoll
dr. F. Torres
dr. S. Lecciso, Copertino
dr. F. Panza, Grumo Appula

Incarico di Direttore di Struttura Complessa
Dal 1 aprile 2010 il dott. Antonio Greco ha sostituito il dott. Vito Aloia come Direttore della Struttura Complessa di Geriatria presso l'Ospedale Regionale Miulli - Acquaviva delle Fonti (Bari).

BOLLETTINO NURSING

Nell'articolo che segue presentiamo alcune riflessioni sulle cure di fine vita in geriatria: un ambito nel quale spesso le decisioni cliniche e assistenziali sfiorano il labile confine tra accanimento e abbandono. Autrice del contributo é la collega Maria Cristina Canavese componente del Gruppo di Studio SIGG ″La cura nella fase terminale della vita″: la collaborazione con il Gruppo di Studio prosegue e anche per il Congresso 2010 stiamo lavorando ad un simposio congiunto medici-infermieri.
Presentiamo, infine, una breve selezione di letteratura recente sui due temi focus di questo numero del bollettino nursing: ″Complessitá dell'assistenza/complessitá dell'assistito″ e ″Cure di fine vita nell'anziano″. Gli articoli possono essere richiesti (full test in PDF) all'indirizzo mail: sezionenursing@sigg.it
Ermellina Zanetti
 
Infermieri e cure di fine vita nell'anziano
Maria Cristina Canavese
Gruppo di Studio SIGG ″La cura nella fase terminale della vita″
Azienda Ospedaliero - Universitaria CAREGGI - FIRENZE

É il modo di dare assistenza che permette di raggiungere i luoghi piú reconditi
C. Saunders, 1996

″…Il modo di dare assistenza …″ al di lá di ogni stereotipo, o di altre frasi fatte, é un'espressione che racchiude in breve ogni possibile prospettiva circa le cure di fine vita. Per tutti i professionisti della salute interrogarsi sul come si eroga assistenza, significa cercare le radici e il senso della propria professione. Le problematiche connesse a questa fase cosí delicata della vita di una persona non puó certo esaurirsi con qualche cenno; le forze che si mettono in gioco nella relazione d'assistenza coinvolgono veramente ogni piano del nostro essere, del nostro sapere e del nostro fare.
Ognuno avrebbe in questo senso esperienze e vissuti da condividere.
Vorrei quindi, con l'occasione che mi é stata proposta, stimolare qualche spunto di riflessione, qualche domanda aperta, qualche pista di possibile confronto, anche se molto é giá stato detto.
Affrontando questi temi occorre partire da due presupposti; il primo é che si deve avere la consapevolezza che il risultato delle cure e della presa in carico é di un'équipe in cui competenze, ruoli, condizioni si devono ″mixare″ con giuste proporzioni. Voglio dire con questo che se si vuole costruire una vera e propria rete di assistenza intorno alla persona, l'unica strada (a volte decisamente in salita) é quella del dialogo organizzativo, del lavorare insieme che vuol dire operare scegliendo e decidendo insieme, mettendo sul piano di realtá valori, impressioni ed evidenze.
L'altro punto é costituito dalle scelte dei modelli gestionali; nelle nostre strutture mettere veramente al centro delle cure la persona vuol dire anche scegliere concretamente forme e modelli rispettosi della privacy, orientati al vero soggetto dell'assistenza che é costituito dalla persona e dal suo contesto di relazioni significative e parentali quando mantenute; modelli e sistemi che dagli anni '70 in poi sono stati studiati, non solo sotto il profilo dell'efficacia, ma anche sotto l'aspetto dell'efficienza.
La presa in carico competente delle persone anziane é di per sé assai complessa; sono portatrici di maggiori bisogni d'assistenza per le patologie multiple, per la disabilitá fisica o mentale, per l'isolamento sociale e relazionale, per le possibili difficoltá economiche. Un insieme di condizioni che mettono di fronte alla necessitá di trovare (direi scovare) strategie di azione, di valutazione, di obiettivi di cura, di osservazione attenta del quotidiano e delle capacitá di adattamento alle situazioni. C'é chi ha affermato che negli anziani le cure palliative (1) dovrebbero essere una risposta ai bisogni piuttosto che essere collegate alla prognosi. Come infermiera sono d'accordo su questo, anzi direi, quasi provocatoriamente, che la prognosi non é fatto che interessa l'azione di nursing. Certamente il confrontarsi con la proporzionalitá degli interventi é questione eticamente molto rilevante, ma il sostegno e le cure globali devono tendere, totalmente e integralmente, ad accogliere i bisogni della persona, le sue necessitá psicologiche, emozionali e spirituali. Tutti elementi che entrano in gioco nella gestione di un setting di assistenza nelle ultime fasi della vita, setting costituito da alcuni elementi essenziali di cui farsi carico come équipe di cura:
- Controllo dei sintomi fisici;
- Mantenimento attivitá quotidiane;
- Assistenza e sostegno per la cura di sé;
- Valutazioni del contesto economico / sociale;
- Considerazione dei bisogni spirituali.
″Il linguaggio del corpo é il punto chiave nell'assistenza al morente. La naturalezza e la sapienza affettiva espressa da chi cura diventano il veicolo di un linguaggio che, se attraversato dall'amore, puó accogliere il corpo ferito e restituirgli la sua identitá, la sua dimensione umana ″ (2).
I gesti concreti del nursing (le pratiche di cura) sono appunto gesti (3), atti precisi agiti da infermieri e/o da personale di supporto integrato nell'équipe di cura che non possono (e non devono) sostituire l'accudimento (care) fornito dalle persone care (quando presenti); tuttavia sono momenti che rappresentano una buona quota del prendersi cura. Si pensi, ad esempio, a tutti quegli ambiti d'intervento autonomo dell'infermiere che diventano temi cardine nel limitare/contenere la sofferenza continua, quali il dolore posturale, condizione in cui é essenziale assicurare il comfort (ovvero la ricerca del posizionamento che possa essere efficace nella persona che tende o é obbligata a mantenere la posizione allettata supina), l'igiene del cavo orale, la cura delle lesioni cutanee.
Altro aspetto di assoluta rilevanza é quello della comunicazione interpersonale quando questa é realizzabile. E' patrimonio oramai consolidato circa il ruolo svolto dalla capacitá comunicativa nella relazione assistenziale. Per dare uno spunto vorrei riportare quanto scritto da un'infermiera, Angela Vigolo, che nel settembre del 2009 ha vinto il primo premio a un concorso letterario promosso dal Collegio IPASVI di Ragusa presentando un elaborato in cui narrava una storia di assistenza dal titolo ″Sará possibile anche qui la reciprocitá?″; racconto partecipato e vivissimo della presa in carico di una persona con una malattia neurodegenerativa e dell'accompagnamento fino alla fine della vita. In un passaggio molto intenso la collega scrive:
″(…) Capisco che devo in quel momento ″stare lí″: essere infermiera non é tanto ″assistere″ qualcuno che ha bisogno di assistenza, ma prima di tutto é vivere insieme a lui il suo dramma o il suo problema, per poterlo poi in seguito affrontare e portare' insieme. Decido di rimanere lí″. Dunque la capacitá di stare, fermandosi, lasciando spazio alla possibilitá di parlare, o anche di tacere, dando dignitá e rilevanza ad un tempo prezioso e unico. A questo proposito vorrei sottolineare che ″…molti anziani, particolarmente in etá avanzata, sono disposti a parlare della morte piú liberamente di quanto si creda e mostrano di non temere questo evento presentando un sentimento di paura della morte apparentemente meno evidente che nel giovane. Si puó dire che le concezioni sulla morte vanno dal vedere la morte come nemica, straniera, come un fallimento, al sentirla come un fatto intimo, come una riunione a parenti giá defunti, come una naturale conseguenza dell'aver vissuto″ (4).
Si tratta di competenze, abilitá e sensibilitá che, supportate da idonei percorsi formativi, aiutano a orientare l'azione del singolo professionista che si occupa della persona.
Un ultimo sguardo poi al nostro Codice Deontologico, base valoriale di riferimento per la professione infermieristica. In particolare gli articoli 35 e 39 (5) indicano chiaramente l'approccio etico con cui orientare l'azione assistenziale nelle ultime fasi della vita. Prendersi cura, dunque, della fragilitá piú estrema, condizione questa che puó essere esemplificata in modo del tutto tipico dalla condizione della persona anziana (6). A fronte di queste considerazioni gli infermieri che cosa possono mettere in campo? Qualche spunto:
- Una rinnovata capacitá di progettazione del loro lavoro all'interno dell'équipe, ripensando in modo significativo i vari ruoli e appropriandosi concretamente degli ambiti di autonomia riconosciuta, pensando in modo fattivo e consapevole al coinvolgimento e all'integrazione delle figure di supporto;
- La documentazione delle esperienze: far circolare, diffondere, pubblicare tenacemente per rendere evidente, porre quesiti, confrontare soluzioni;
- Lo sviluppo della ricerca: un'attenta lettura del come si fa assistenza puó contribuire a migliorare il servizio alla persona.
Come detto all'inizio propongo dunque solo alcune riflessioni, sicuramente non esaustive, ma se l'infermiere e l'équipe di assistenza devono confrontarsi con la presa in carico della persona nella fase finale della vita, devono necessariamente affrontare nel modo piú competente questa prospettiva, muoversi in modo congruente all'interno del gruppo di cura, agendo quell'insieme di operazioni complesse che un'équipe multiprofessionale mette in atto, quando ″accoglie″ un paziente.
I singoli atti di carattere tecnico - professionale possono essere svolti da diversi operatori sia con il paziente sia con i suoi familiari o con altri soggetti coinvolti. Tali interventi trovano una loro giustificazione in un percorso condiviso con la persona e in raccordo con gli altri componenti del gruppo; questo insieme é una parte della continuitá assistenziale che puó, idealmente e nella realtá, ristabilire per la persona assistita quell'accompagnamento che é risposta coerente del modo di dare assistenza nelle fasi del fine vita.

Note e voci bibliografiche
1. ″Le cure palliative sono un approccio che migliora la qualitá della vita dei malati e delle famiglie che si confrontano con i problemi associati a malattie inguaribili, attraverso la prevenzione e il sollievo dalla sofferenza, per mezzo dell'identificazione precoce, della approfondita valutazione e del trattamento del dolore e di altri problemi, fisici, psicosociali e spirituali "(OMS 2002)
2. Mancini Rizzotti A. In compagnia del morente e delle nostre emozioni. Janus 2002, 5: 7,3-8
3. Colliére M.F., Aiutare a vivere. Dal sapere delle donne all´assistenza infermieristica, Ed. Sorbona 1992
4. Petrini M., La cura alla fine della vita. Linee assistenziali etiche pastorali, Aracne, Roma 2004, p. 101
5. CODICE DEONTOLOGICO Federazione Nazionale Collegi IPASVI adottato con deliberazione n. 1/09 del 10.01.2009 e dal Consiglio nazionale della Federazione Nazionale Collegi IPASVI nella seduta svoltasi in Roma in data 17.01.09 Art.35: L'infermiere presta assistenza qualunque sia la condizione clinica e fino al termine della vita dell´assistito, riconoscendo l'importanza della palliazione e del conforto ambientale, fisico, psicologico, relazionale, spirituale″ Art 39: L'infermiere sostiene i familiari e le persone di riferimento dell´assistito, in particolare nella evoluzione terminale della malattia e nel momento della perdita e della elaborazione del lutto.
6. Spagnolo A.G. Professione infermieristica e valori etici in Commentario al Codice Deontologico dell´Infermiere 2009 Mc Graw Hill, Milano 2009, p.101
 
Suggerimenti bibliografici

Complessitá dell´assistenza/complessitá dell´assistito
1) Needleman J, Buerhaus P, Mattke S, et al. Nurse-staffing levels and the quality of care in hospitals. N Engl J Med 2002, 346(22):1715-22.
2) Aiken LH, Clarke SP, Sloane DM, et al. Hospital nurse staffing and patient mortality, nurse burnout, and job dissatisfaction. JAMA 2002; 288(16):1987-93.
3) Aiken LH, Clarke SP, Sloane DP. Hospital staffing, organization, and quality of care: crossnational findings. Intl J Qual in Health Care 2002; 14(1):5-13.
4) Cho SH, Ketefian S, Barkauskas VH, et al. The effects of nurse staffing on adverse outcomes, morbidity, mortality, and medical costs. Nurs Res 2003 Mar-Apr; 52(2):71-9
5) Flynn M., Mckeown M. Nurse staffing levels revisited: a consideration of key issues in nurse staffing levels and skill mix research. Journal of Nursing Management 2009; 17: 759- 766
 
Cure di fine vita nell´anziano
1) Alspach G. An exemplar of excellence in end-of-life care. Crit Care Nurse. 2010 Feb;30(1):10-3.
2) Fisher S, Colyer H. Making decisions about care: what it means for hospice inpatients with terminal progressive disease. Int J Palliat Nurs. 2009 Nov;15(11):548-53.
3) Badger JM, Ladd RE, Adler P Respecting patient autonomy versus protecting the patient's health: a dilemma for healthcare providers. JONAS Healthc Law Ethics Regul. 2009 Oct- Dec;11(4):120-4
4) Karp S Resident centred decision-making and end-of-life treatment in long-term care: what are the consequences to the elderly patient? Perspectives. 2009 Summer;33(2):10-7.
5) Gott M, Ingleton C, Gardiner C, Ryan T, Noble B, Seymour J, Bennett M, Cobb M How to improve end of life care in acute hospitals.. Nurs Older People. 2009 Sep;21(7):26-9.
6) Morgan J End-of-life care in UK critical care units--a literature review. Nurs Crit Care. 2008 May-Jun;13(3):152-61.

Pubblicazioni dei Soci

 


Recensione libri

Purché siano grigi solo i capelli
Aspetti geragogici e preventivi per invecchiare con successo

Giovanni Gelmini
Consulta Libri e Progetti
Pagine 150

La fontana, esagonale, si trova al centro della parete; dal lato sinistro dell´affresco giungono arrancando, per immergersi nelle sue acque, schiere di vecchi ed infermi di ogni rango che ne escono, dall´altro lato, ringiovaniti e rigenerati, per dedicarsi alla caccia, agli amori, alla nuova vita.
E´ una delle rappresentazioni della fontana dell´eterna giovinezza, risalente all´inizio del 1400, che si puó ammirare nel Castello di Manta, nel cuneese.
Da sempre l´uomo, insofferente della propria caducitá e timoroso della morte, é alla ricerca di una ″fontana dell´eterna giovinezza″ in grado di restituirlo al vigore giovanile e di allontanare la morte.
Oggi questo ″mito″ sembra a portata di mano. La vita media, in poco piú di mezzo secolo, si é allungata in modo straordinario e cresce ancora di anno in anno; l´etá della malattia e della dipendenza dagli altri sembra allontanarsi; ad un numero crescente di anziani é consentito di vivere bene, di invecchiare con equilibrio, di nascondere i segni stessi della senescenza (grazie alla cosmetica, alla chirurgia plastica, …). Solo poche settimane fa il premio Nobel per la Medicina é stato assegnato ad un gruppo di scienziati che studiano una sostanza (un enzima denominato ″telomerasi″) capace di regolare la lunghezza dei nostri cromosomi (quei filamenti contenuti in ognuna delle nostre cellune che ne guidano il comportamento) rallentando la morte delle cellule e perció il processo di invecchiamento.
Eppure, paradossalmente, mentre il benessere ed il progresso ci consentono di programmare la nostra esistenza su un arco di tempo molto piú ampio, la maggior parte di noi giunge alla vecchiaia in modo inconsapevole, o peggio condizionato da molti pregiudizi, da preoccupazioni, da diffidenza.
Il volume di Giovanni Gelmini ha proprio il merito di fugare questi timori, di ridimensionare i pregiudizi, di aiutare tutti noi ad accostare questa etá della vita con un atteggiamento insieme consapevole e sereno, ottimistico ed equilibrato. Ci aiuta a comprendere il processo di invecchiamento, a capire come il nostro organismo cambia con l´etá, a leggere i segni e i sintomi delle principali malattie, soprattutto a conoscere gli accorgimenti che possono migliorare la salute e preservare l´autonomia. Ci aiuta ad accettare anche le perdite, le limitazioni, i rischi che l´invecchiamento inevitabilmente comporta e ad affrontarli consapevolmente, adeguando il nostro stile di vita senza lasciarcene sopraffare.
Giovanni Gelmini, gerontologo (cioé cultore dei molteplici problemi dell´invecchiamento) e geriatra (″medico dei vecchi″) da molti anni si prende cura, con competenza e passione, degli anziani piú fragili, dei non autosufficienti. Proprio da questo incontro quotidiano con la malattia, con la disabilitá, con la sofferenza ha maturato la consapevolezza, condivisa dalla piú moderna geriatria, che l´invecchiamento é un processo dinamico, che se non possiamo ancora modificarne i determinanti genetici possiamo agire sui molteplici fattori di ordine sociale, psicologico ed ambientale che ne condizionano l´evoluzione.
Sa che la quantitá e soprattutto la qualitá degli anni che sará dato da vivere dipendono anche da noi e dalle nostre scelte. E ci aiuta, con questo volume, ad essere protagonisti della nostra vecchiaia.
Giambattista Guerrini

RICERCA DI PERSONALE MEDICO

EURES NO. 5-0818-837
NUOVE OPPORTUNITÁ PER MEDICI IN INGHILTERRA
GlobalMediRec offre nuove interessanti opportunitá per giovani medici neo-specializzati negli Ospedali del NHS (Servizio Sanitario Pubblico) nel Regno Unito.

Attualmente siamo alla ricerca di:
3 Medici di Geriatria
Si tratta di posti di lavoro fisso a tempo pieno, con 1 anno di contratto iniziale. Il salario é tra 45.000 - 70.000 pounds per anno, per un orario di lavoro che non supera le 48 h settimanali.
Gli Ospedali sono in Londra, vicino all'aereoporto di Heathrow, e nel East Midlands il che costituisce una eccellente collocazione per un ritorno in Italia per il week-end:
partono voli low-cost diretti verso i maggiori aereoporti italiani.
GlobalMediRec organizza interviste telefoniche, aiuta con la registrazione GMC (Ordine dei Medici Inglese), e tutta la logistica di movimento al Regno Unito.
L'assistenza di GlobalMediRec ai medici é totalmente e integralmente gratuita
Per ulteriori informazioni, potete spedire il vostro Curriculum Vitae a:
emmakeeler@globalmedirec.com
+44 203 239 2699
+44 7881 590203

Workshop su ″L´invecchiamento e la salute″

Il giornale telematico Telemeditalia (tecnologie sanitarie, sanitá e salute) ha promosso per le giornate del 7 ed 8 giugno 2010 in Roma presso l'Aula Magna del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Piazzale Aldo Moro,7 ) un Workshop sul tema ″L'invecchiamento e la salute″, dedicato alla prevenzione, alle cure, alle tecnologie ed ai servizi, programmi e progetti a beneficio degli anziani.
Il Workshop ha ottenuto i Patrocini del Ministero della Salute, del Consiglio Nazionale delle Ricerche, delle Regioni Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Umbria, Lazio, della Provincia di Roma e dell'Universitá degli studi di Camerino.
Sono in corso di definizione i Patrocini di altre Istituzioni regionali e dell'Alto Patronato del Presidente della Repubblica.
Nel corso dell'evento sará esaminata la proposta di istituire, a partecipazione pubblica e privata, un Osservatorio permanente sulla condizione dell'anziano in Italia.

La partecipazione al Workshop é gratuita. Il Programma ed il FORM per la partecipazione si trovano sulla Home Page del giornale : www.telemeditalia.it

Info : direttore@telemeditalia.it ; tel. +39 06 6279225 ; +39 339 2383393.

CONGRESSI E CONVEGNI

PIANETA NUTRIZIONE:
"FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL´ANZIANO"
Parma, 10-13 maggio 2010
Segreteria Scientifica:
Presidenti: Prof. S. Bernasconi, Dr.ssa O. Cappelli
Comitato Scientifico: Prof. F. Angelini, Prof. M. Giovannini, Prof. N. Marchionni,
Prof. F. Marzatico, Prof. M. Zamboni
Segreteria Organizzativa: AKESIOS Tel. 06 45434491 - Fax. 06 89281034
www.akesios.it - pianetanutrizione@akesios.it
Informazioni e programma: http://www.akesios.it/pianetanutrizione.html
 
NEL 10° ANNIVERSARIO DELL´ISTITUZIONE DELLE UNITÁ DI VALUTAZIONE ALZHEIMER: IL PUNTO SUI PROGRESSI DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA E NON FARMACOLOGICA DELLA MALATTIA DI ALZHEIMER
Napoli 20 maggio 2010
Segreteria Scientifica: Vincenzo Canonico
Segreteria Organizzativa: Collage Congressi Palermo
Tel. 091 6818545 - Fax 091 9889354
e-mail: info@collagecongressi.it
web: www.collagecongressi.it
 
IL GALLIERA E LE SFIDE DELLA MEDICINA
IL DECLINO DELLA MENTE NELL´ANZIANO
dalla biologia all´etica delle relazioni
Genova, 21-22 maggio 2010
Segreteria Scientifica: Prof. G.M. Gazzaniga, Dott. G. Lo Pinto, Dott. E. Palummeri, Dott. S. Ratto,
Segreteria Organizzativa: SYMPOSIA O.C. srl - Tel. 010 255146 - Fax 010 255009
symposia@symposiacongressi.com - www.symposiacongressi.com
 
33° CONGRESSO NAZIONALE DELL´ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL DOLORE AISD
Firenze, 23-25 maggio 2010
Segreteria Scientifica: AISD tel: 06 36006093 - fax: 06 36006089
segreteria@aisd.it - www.aisd.it
Segreteria Organizzativa: Soluzioni Omnia Media Tel: 0458034553 - Fax: 045 2109966
congressi@soluzioniverona.it
 
LIBERA UNIVERSITÁ DELL'AUTOBIOGRAFIA AD ANGHIARI /AREZZO
LA CURA DELLA PERSONA MALATA DI ALZHEIMER BASATA SULLA PAROLA
Anghiari, 4-6 giugno 2010
Corso residenziale rivolto agli operatori e ai familiari
Segreteria scientifica: info@gruppoanchise.it - Segreteria amministrativa: segreteria@lua.it
Ulteriori informazioni su www.gruppoanchise.it e www.lua.it

EUROPEAN UNION GERIATRIC MEDICINE SOCIETY/ EUGMS
Dublin, 29th September - 1st October 2010
For general enquiries: Orla Cahalane Tel: +353 1 296 7250 - Fax: +353 1 296 8678
orlac@conferencepartners.ie - www.conferencepartners.ie
For scientific and abstract enquiries: Marian Hughes marian.hughes@amnch.ie
www.eugms2010.org
 
55° CONGRESSO NAZIONALE SIGG
INVECCHIAMENTO E LONGEVITÁ: PIÚ GENI O PIÚ AMBIENTE?
Firenze, 30 novembre - 4 dicembre 2010
11° Corso per Infermieri
9° Corso di Riabilitazione
6° Corso per Psicologi
5° Corso per Assistenti Sociali
Segreteria Scientifica: SIGG -Via G.C. Vanini 5 - 50129 Firenze
Tel.055474330 - Fax 055461217 e-mail: sigg@sigg.it - www.sigg.it
Segreteria Organizzativa: Pls group - www.plsgroup.it
Via della Mattonaia, 17 - 50121 Firenze
Tel: 0552462.428 Fax: 0552462.223
 
IAGG - International Association of Gerontology and Geriatrics
VII European Congress
HEALTHY AND ACTIV AGEING FOR ALL EUROPEANS ″II″
Bologna, 14 - 17 aprile 2011
Segreteria Organizzativa: Pls group
Via della Mattonaia, 17 - 50121 Firenze
Tel: +39 055 2462.428 Fax: + 39 055 2462.223
iagg@promoleader.com - www.iaggbologna2011.com