Societá

Attivitá SIGG

Bollettino SIGG: Numero 1, Marzo 2013


Direttore Responsabile
Nicola Ferrara

A cura di
Vincenzo Canonico
Tel. e fax 081 7464297
e-mail: vcanonic@unina.it

Consiglio Direttivo SIGG e programmi futuri

La settimana scorsa si é tenuto a Firenze la riunione del CD della SIGG. Sono stati analizzati ed approvati alcuni progetti, altri sono stati discussi e rimandati a valutazioni successive. Diamo ai Soci una sintesi dei lavori, in modo che ognuno puó avere un'idea sui programmi e sulle iniziative future della nostra Societá.
Il Congresso SIGG di Torino del 27-30 novembre p.v. Sono stati approvati la maggior parte dei Simposi, Letture, Mini Simposi, Mini Corsi. Sono in netto aumento i Simposi organizzati con le altre Societá Scientifiche, alcune di storica vicinanza alla SIGG, vedi AIP ed AGE, altre per la prima volta inserite nel nostro Congresso. E' una tendenza iniziata da alcuni anni, che ha portato in molti casi collaborazione per progetti, al di lá della partecipazione dei rappresentanti delle Societá ai singoli Congressi Nazionali. Il nostro Presidente per il prossimo Congresso ha ulteriormente aperto la partecipazione a discipline specialistiche nelle quali sempre piú spesso vengono curati pazienti anziani a volte esclusi dalle cure, soprattutto di carattere interventistico. E' bene quindi che gli esperti da una parte ed i geriatri dall'altra collaborino sulla giusta indicazione e selezione dei pazienti da sottoporre a cure particolari senza eccedere per eccesso o difetto. Ci sono tanti temi nuovi per il Congresso accanto ad altri di "storica" presenza, molti riguardano farmaci di recente introduzione o indicazione per la geriatria, ognuno puó valutare secondo le proprie esigenze ed interessi formativi. C'é comunque ancora spazio per proposte o modifiche che saranno, nei limiti, prese in considerazione. Prossimamente aggiorneremo sul programma ed anche sui relatori scelti.
Il Prof. Carbonin, giá Presidente SIGG, a tutti noto, é intervento al CD presentando una proposta di ristrutturazione della rete ospedaliera e dell'assistenza territoriale, basata soprattutto sull'esigenza di una riorganizzazione in funzione della variazione demografica, che condizionerá in maniera significativa la necessitá di assistenza in futuro. Abbiamo ricevuto dal Prof. Carbonin un articolo sintetico, il Presidente gli ha chiesto un documento ufficiale da discutere nel prossimo CD.
Il progetto DIMORA, l'indagine conoscitiva sulla presenza del diabete negli ospiti delle RSA, é stato approvato definitivamente, presentiamo il razionale e le modalitá di attuazione nelle RSA delle 20 Regioni italiane che saranno selezionate.
Per il Gruppo di Ortogeriatria SIGG-AIP sono state chiuse le adesioni a 73 partecipanti piú i responsabili, il Gruppo é completo, abbiamo ampiamente illustrato le finalitá a breve inizieranno gli incontri e ne seguiremo gli sviluppi.
Il Giornale di Gerontologia, la nostra rivista ufficiale, subirá delle modifiche che riguarderanno sia la pubblicazione solo online che l'Editorial Board, che necessita di rivitalizzazione. Il Prof. Paolisso ha proposto l'inserimento di una serie di giovani geriatri che si impegneranno per dare al Giornale la visibilitá scientifica che merita ed aumentare il numero di contributi. Sono giá stati identificati alcuni nomi che presentiamo, aspettiamo altre proposte in modo da completare l'elenco ed iniziare a lavorare per la rivista.
Infine il Presidente dell'AGE ci invia una sintesi del Congresso Nazionale recentemente tenuto a Napoli. Abbiamo partecipato in tanti, Presidente e membri del CD SIGG compresi. Non é stato un Congresso esclusivamente di Geriatri territoriali, ma di assistenza e di opportunitá di assistenza nelle diverse sedi alla luce delle piú recenti evidenze scientifiche. Buona Pasqua a tutti.
Vincenzo Canonico

58° Congresso Nazionale SIGG

Torino 27-30 novembre 2013

La raccolta on-line degli abstract avrá inizio il 15 Aprile e terminerá il 1° Luglio 2013.
MAIN TOPIC

PROPOSTE
SIMPOSI
SIGG-SIIA
IPERTENSIONE

ANZIANI E CRISI ECONOMICA: QUALE IMPATTO?

SIGG-ESPEN-SINPE
DAL NUTRITION DAY AL SARCOPENIA DAY NELL'ANZIANO OSPEDALIZZATO E NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI

SIGG-FORUM in Bone & Mineral Research
L'OSSO E ALTRI SISTEMI. DALLA RICERCA DI BASE ALLA CLINICA

SIGG-SIF
FARMACI CON AZIONE ANTICOLINERGICA E DETERIORAMENTO COGNITIVO

SIGG-SIOT-AIP
Gruppo di Studio Ortogeriatria

ONCOGERIATRIA

HEALTY AGING

FONDO MARIO GASPARINI CASARI
PROCEDURE E METODI IN MEDICINA GERIATRIA E NELLA FORMAZIONE GERIATRICA: "CHOOSING WISLEY" É LA SOLUZIONE?

LE INFEZIONI RESPIRATORIE NELL'ANZIANO

RIABILITAZIONE MOTORIA/NEUROMOTORIA: NUOVI APPROCCI (TELE-RIABILITAZIONE)

Gruppo di Studio SIGG "La cura nella fase terminale della vita"
IL SUICIDIO NELL'ANZIANO: CARICO DI DOLORE, ANGOSCIA E FRAGILIT

TERAPIA E QUALIT DI VITA NELLE DIVERSE FASI DELLA MALATTIA DI ALZHEIMER

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE NELL'ANZIANO

SCOMPENSO CARDIACO ACUTO E COMORBIDIT NELL'ANZIANO

L'ANEMIA E L'UNEXPLAINED ANEMIA NEL PAZIENTE ANZIANO

LINFOMI IN ET GERIATRICA

SIGG-SICGE
APPROCCIO CLINICO AL CARDIOPATICO ISCHEMICO ULTRAOTTANTENNE

SIGG-SIN
NEFROLOGIA

SIGG-AGE
GERIATRIA E TERRITORIO: UN PERCORSO DI COLLABORAZIONE

IL FENOMENO DELLA 'REVERSE EPIDEMIOLOGY' NELL'ANZIANO

L'ORGANIZZAZIONE OSPEDALIERA E NUOVI MODELLI ASSISTENZIALI PER L'ANZIANO

L'USO DEI FARMACI NEL PAZIENTE ANZIANO AL DOMICILIO

FORUM sezioni Regionali SIGG

MINI SIMPOSI
L'ADULTO CON SINDROME DI DOWN

STROKE CRIPTOGENICO

LETTURE

MINICORSO (1 giornata in parallelo con il congresso)
ECOGRAFIA BEDSIDE NEL PAZIENTE GERIATRICO

14° CORSO INFERMIERI

Torino, 27-28 novembre 2013 Lettura inaugurale
Formazione e competenze specialistiche in geriatria: stato dell´arte

SIMPOSI

RUOLO DELLA GERIATRIA IN UNA NUOVA SANITA´ RIFORMATA

Una delle principali conseguenze della attuale crisi economica é la rivoluzione dell´assistenza che si sta verificando a carico degli ospedali, che costituiscono la maggiore voce di spesa dell´intero comparto. Le conseguenze sono non solo la riduzione drastica del loro numero, ma anche rilevanti modifiche della struttura organizzativa allo scopo di ridurre il costo pro capite delle giornate di degenza. Si veda, a questo proposito, su Internet la voce "ospedali ad intensitá di cura", in cui viene descritta la sperimentazione in corso in regioni, come Toscana, Emilia, Piemonte, che hanno giá ristrutturato diversi ospedali secondo questa "nuova" filosofia. L´ospedale ad alta intensitá di cura si caratterizzerebbe per la suddivisione in aree uniformi in funzione del livello di assistenza richiesta per gruppi di patologie omogenee. L´organizzazione dell´ospedale viene cosí ad articolarsi secondo 3 livelli (vedasi, ad esempio, l´Ospedale di Imola, http://www.ausl.imola.bo.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/3193):

Il "nuovo ospedale" viene visto come una "risorsa da usare solo quando é indispensabile e per il tempo strettamente necessario e deve essere ideato ed organizzato ponendo al centro il paziente, con la sua esigenza di cura ed i suoi bisogni di assistenza". L´area medica dell´Ospedale di Imola comprende, ad esempio, le patologie internistiche cioé le cardiovascolari, cerebrovascolari (ictus), oncologiche, pneumologiche, endocrinologiche (ad esempio diabete), gastroenterologiche, neurologiche e nefrologiche, mentre la geriatria-lungodegenza e l´hospice - evidentemente caratterizzate da un minor livello di intensitá di cura - sono posizionate in altra struttura ospedaliera (nel caso di Imola, a Castel S. Pietro Terme). Il "porre al centro il paziente" é da interpretarsi secondo l´ottica del peso economico, condizionato, da una parte, dal tipo della singola patologia e, dall´altra, dal costo dell´assistenza per quella patologia in quel singolo malato. Da qui non é difficile arrivare a capire il razionale in base al quale il Ministero della Salute ha recentemente ridotto drasticamente le unitá operative acute di geriatria, avendo ormai identificato la medicina geriatrica come disciplina per pazienti a bassa intensitá assistenziale.
Ho tentato di vedere se nella letteratura internazionale esistono modelli di ospedali ad alta intensitá assistenziale simili a quelli ora realizzati o ipotizzati in Italia. Non ne ho trovati; sarei molto grato a qualche Collega, che ne fosse a conoscenza, se potesse inviarmi le relative voci bibliografiche piú significative.
In realtá, autorevolissime voci della letteratura ci dicono che:

Forte di questi principi, la SIGG certamente si batterá ad ogni livello per un riforma della sanitá italiana capace di garantire cura e assistenze specifiche dentro e fuori dell´ospedale per l´anziano fragile.


Pier Ugo Carbonin

Progetto SIGG - DIMORA (Diabete Mellito in RSA)

Indagine conoscitiva della struttura organizzativa e funzionale delle RSA e della popolazione residente con focus sullo status di gestione della terapia del diabete mellito.
Pharmakon é un termine della antica tradizione greca che indicava nello stesso tempo una sostanza tossica o un medicamento, contemplando quindi la possibilitá di alleviare le sofferenze della persona malata, ma anche potenzialmente in grado di recarle un danno grave.
L'equilibrio tra stato di salute/benessere e malattia é estremamente delicato ed ogni volta che ci apprestiamo a somministrare un farmaco si dovrebbe poter prospettare alla persona malata una elevata probabilitá di recuperare uno stato di salute migliore, senza incorrere in effetti collaterali.
L'invecchiamento non puó e non deve essere considerato uno stato di benessere minore, ma senza dubbio un equilibrio sempre piú labile tra salute e malattia, quindi da rispettare in tutte le sue componenti, fisiche e mentali, l'una altamente capace di influenzare e determinare l'altra.
La popolazione italiana é tra le piú longeve della civiltá occidentale, grazie al nostro particolare stile di vita, alimentazione ed assistenza sanitaria, riconosciuta tra le migliori, seppure nelle sue drammatiche contraddizioni e nelle sue differenze territoriali.
Le RSA rappresentano una risposta al bisogno di salute della persona anziana non piú in grado di gestire in autonomia la sua salute ed il suo equilibrio fisico e mentale, ponendosi al centro di un naturale interesse per chi deve gestire da un punto di vista amministrativo ed organizzativo tale forma di assistenza.
Il Piano Sanitario Nazionale (2011-2013) si richiama ai principi di responsabilitá pubblica per la tutela del diritto di salute della comunitá e della persona, di universalitá, di eguaglianza, di equitá d'accesso alle prestazioni, di gratuitá delle cure nei limiti stabiliti dalla legge.
La modifica al Titolo V della Costituzione ha posto in capo allo Stato la garanzia dei livelli essenziali di assistenza ed alle Regioni la responsabilitá della loro effettiva applicazione nel proprio territorio in attuazione delle disposizioni in materia di federalismo fiscale contenute nell'articolo 119 della Costituzione ed in conformitá a quanto sancito dal Patto di Stabilitá tra Stato e Regioni.
Tra le grandi sfide assistenziali che caratterizzano la programmazione nazionale, primi tra tutti si devono tenere in considerazione i problemi di assistenza socio-sanitaria connessi alla non autosufficienza correlata all'elevata presenza di anziani e grandi anziani. Nel 2009 , gli ultra 64 enni rappresentavano il 20% della popolazione; l'indice di vecchiaia ( rapporto tra anziani ultra64 enni e giovanissimi 0-14 enni ) raggiunse il 144%, contro il 127% del 2000. Il processo di invecchiamento investe tutte le regioni d'Italia, piú pesantemente le regioni centro-settentrionali; la Ligura ha l'indice di vecchiaia piú elevato, pari al 235%, la Campania con 97ultra64 enni ogni 100 bambini di 0-14 anni, é la regione piú giovane.
Oggi in Italia a 75 anni l'uomo ha una aspettativa di vita di 10 anni e la donna di 12,5 anni: di questi solo 1,8 per l'uomo e 2,1 per la donna si presentano potenzialmente liberi da disabilitá. Pertanto é necessaria la definizione di una presa in carico organica della persona anziana che sia interdisciplinare e tempestiva, con l'attivazione, dall'inizio dell'evento acuto, di modalitá operative che consentano l'adozionedi strumenti valutativi condivisi, definizione di un progetto riabilitativo personalizzato e basato su protocolli validati per le patologie piú frequenti, tra le quali il diabete mellito rappresenta una delle patologie piú rappresentate.
Recentemente, uno studio condotto negli USA (Centers for Disease Control and Prevention Diabetes Fact Sheet ) ha stimato che la prevalenza del diabete mellito raggiunga il 30% nella popolazione anziana.
La SIGG si propone l'obiettivo di avviare una indagine conoscitiva sullo stato dell'arte della terapia del Diabete Mellito nella popolazione residente in strutture di accoglienza per anziani, mediante la collaborazione attiva delle sue rappresentanze regionali. Si ipotizza di coinvolgere 20 Regioni per raccogliere dati relativamente a circa 2000 persone anziane residenti. Un gruppo di Esperti é stato identificato dal Presidente SIGG per discutere e finalizzare la stesura di un protocollo di studio che avrá l'obiettivo di per raccogliere dati demografici , sulle strategie di terapia del diabete mellito di tipo 1 o 2 e di rilevare l'indice comorbilitá (CIRS) della popolazione osservata per misurarne lo stato di salute somatica.

GIORNALE DI GERONTOLOGIA

Inserimento giovani soci nell'Editorial Board:
Angela Marie Abbatecola (Cassino/FR)
Michelangela Barbieri (Napoli)
Paola Forti (Bologna)
Maria Rosaria Rizzo (Napoli)
Comunicato ai Soci
A partire dal fascicolo n. 2/2013 il Giornale di Gerontologia sará disponibile solo online.
Per quest'anno il Giornale di Gerontologia - seppure nella versione online - sará visibile a tutti, ma a partire dal 2014 solo gli associati in regola con il pagamento della quota sociale, potranno scaricare i fascicoli dalla homepage del sito www.sigg.it accedendo all' area soci.
I Soci che desiderano ricevere i successivi 5 fascicoli della rivista 2013 nel formato "cartaceo", dovranno versare un contributo di 20,00 alla Casa Editrice e dovranno inviare, entro il 29 marzo 2013, una richiesta per e-mail o a m/ posta direttamente a:
Pacini Editore S.p.A. - Att.ne Dott. Fabio Poponcini
Via Gheradesca, 1 56121 Ospedaletto (Pisa)
e-mail: abbonamenti@pacinieditore.it
(tel. 050-31.30.11 - Fax 050-31.30.300)
indicando intestazione della fattura (con partita IVA e/o codice fiscale) e indirizzo per la spedizione.
Il contributo di 20,00 dovrá essere versato entro il 10 aprile 2013 secondo le seguenti modalitá:

Gruppo di studio SIGG-AIP sull´ORTOGERIATRIA (GIOG)

Presidente SIGG: Giuseppe Paolisso (Napoli) - Presidente AIP: Marco Trabucchi (Brescia)
Coordinatori: Giuseppe Bellelli (Monza), Paolo Falaschi (Roma)

Elenco definitivo

1. Alimenti Mario, Roma
2. Annoni Giorgio, Monza
3. Antonelli Incalzi Raffaele, Roma
4. Anzivino Fernando, Bologna
5. Balotta Antonio, Cesena
6. Barbagallo Mario, Palermo
7. Barone Antonella, Genova
8. Bellamoli Claudio, Verona
9. Benvenuti Enrico, Firenze
10. Benvenuti Francesco, Empoli/FI
11. Bernardini Bruno, Rozzano/MI
12. Bianchetti Angelo, Brescia
13. Bianchi Claudio, Novi Ligure/AL
14. Bolognesi Anna Giuliana, Piacenza
15. Bonino Paolo, Aosta
16. Boscaro Stefania, Vicenza
17. Boschi Federica, Forl
18. Brugiolo Roberto, Mestre/VE
19. Calabr Massimo, Treviso
20. Camin Marco, Trento
21. Cappa Giorgietta, Cuneo
22. Catte Olga, Cagliari
23. Cavagnaro Paolo, Chiavari
24. Cecchi Francesca, Firenze
25. Cirillo Giulio, Forl
26. Cotroneo Antonino, Torino
27. Coveri Maura, Bologna
28. Cursi Flavio, Roma
29. DAmico Ferdinando, Patti/ME
30. Davoli Maria Luisa, Reggio Emilia
31. De Alfieri Walter, Grosseto
32. De Filippi Francesco, Sondrio
33. Desideri Giovambattista, LAquila
34. Di Bella Giovanna, Palermo
35. Di Monaco Marco, Torino
36. Di Renzo Enzo, Don di Piave/VE
37. Dominguez Ligia Juliana, Palermo

38. Ferrari Alberto, Reggio Emilia
39. Girardello Renzo, Rovereto/TN
40. Giusti Andrea, Genova
41. Greco Antonio, San Giovanni Rotondo/FG
42. Isaia Giancarlo, Torino
43. Lunardelli Maria Lia, Bologna
44. Magnolfi Stefano, Prato
45. March Albert, Bolzano
46. Marchionni Niccol, Firenze
47. Marengoni Alessandra, Brescia
48. Mari Daniela, Milano
49. Martini Emilio, Bologna
50. Marzetti Emanuele, Roma
51. Mitidieri Costanza Antonio V., Prato
52. Mussi Chiara, Modena
53. Nardelli Anna, Parma
54. Noro Gabriele, Trento
55. Odetti Patrizio, Genova
56. Pagani Marco, Rozzano/MI
57. Palummeri Ernesto, Genova
58. Pellicciotti Francesca, Reggio Emilia
59. Pioli Giulio, Reggio Emilia
60. Pula Beatrice, Rimini
61. Raffaele Angelo, Avezzano/AQ
62. Recchi Domenico, Trento
63. Romanelli Giuseppe, Brescia
64. Ruggiero Carmelinda, Perugia
65. Soldato Manuel, Roma
66. Solinas Antonella, Cagliari
67. Sterzi Paolo, Cles/TN
68. Tafaro Laura, Roma
69. Toigo Gabriele, Trieste
70. Ungar Andrea, Firenze
71. Valentini Maurizio, Roma
72. Zagatti Anna Maria, Ferrara
73. Zurlo Amedeo, Ferrara

LA GERIATRIA CHE VORREI...

Si é svolto a Napoli, al Ramada Hotel dal 6 al 9 marzo u.s., il 9^ Congresso Nazionale dell'Associazione Geriatri Extraospedalieri - Geriatria Italiana Territoriale. Un congresso che ha fatto respirare immediatamente un'aria diversa, di grande entusiasmo. Giá l'individuazione "trasversale" del Comitato scientifico e del suo Coordinatore, basata sulla convinzione che l'operativitá della Geriatria sará sempre piú sul territorio e che potrá essere di reale competenza e di efficacia solo se basata sull'azione sinergica delle tre aree funzionali e strutturali della Geriatria stessa (Universitá, Ospedale, Territorio), aveva indotto aspettative forti che, rinvigorite ancora dal titolo "La Geriatria che vorrei.....", hanno trovato, successivamente, conferma e riscontro del buon lavoro svolto nella bella, nutrita e attiva partecipazione. "La Geriatria che vorrei...." ha impegnato subito, all'inaugurazione, i Presidenti SIGG, AIP e AGE nei loro "desiderata" facendo emergere, per la prima volta e in pubblico, l'importanza e la necessitá di una federazione. Per tutta la durata il congresso é stato un susseguirsi di sessioni agili, interattive che ne hanno caratterizzato il format innovativo e che, al di lá degli argomenti, hanno tenuto sempre alto l'interesse e hanno fatto emergere una vivacitá culturale tipica e desiderosa di una Geriatria moderna che ha anche inorgoglito tutti i partecipanti rappresentando, nel contempo, il maggiore stimolo alla partecipazione. Sono stati affrontati argomenti di grande attualitá e di grande interesse cercando di lasciare un messaggio che poi potesse essere spendibile nell'attivitá quotidiana e in maniera concreta e globale. Cosí hanno trovato ampio spazio le demenze, le grandi sindromi geriatriche come lo scompenso cardiaco, i problemi legati alla polifarmacoterapia, la legge 38 e il trattamento del dolore, la NAD con le indicazioni cliniche e la necessitá di individuare con puntualitá le procedure territoriali. Ampio spazio per la question-time sulle problematiche medico-legali relative alla contenzione, a terapie off-lable con antipsicotici atipici nelle demenze e grande interesse per la sessione sui dispositivi medici, sugli arredi, sull'ambiente e sulla posturologia che ha visto anche la partecipazione di altre professionalitá come architetti e progettisti di ambienti e di presidi per le disabilitá e per i non autosufficienti. Una fucina tra lavori congressuali e incontri associativi che hanno poi portato ad una serie di "take home message" e di futuri appuntamenti. É stato, senza dubbio, un congresso di successo e dal quale, quindi, vanno raccolte le indicazioni. Il punto di partenza é stato rappresentato dalla convinzione che la Geriatria é oramai una disciplina universalmente riconosciuta nella sua specificitá e nella propria strategia operativa (VMD) per cui, pur sempre nella convinzione di dover proseguire nella ricerca di miglioramento degli strumenti di valutazione, é ora necessario individuare le competenze e le specificitá dei vari setting assistenziali e, nel particolare , della Geriatria del territorio. Piú volte é stato dato atto alla SIGG di avere colto il cambiamento e di avere, difatti, istituito il Settore scientifico disciplinare di Geriatria del territorio che, a mio avviso, si deve avvertire come uno scossone culturale fortissimo ma che rappresenta, al di lá di ogni convinzione personale, un grande passo in avanti di tutta la Geriatria. Sicuramente il successo del congresso non sarebbe stato possibile senza tutti i Relatori e i Moderatori che, "opus et amore dei", hanno fornito i loro contributi determinandone l'autorevolezza e aumentandone il prestigio scientifico. Un congresso aperto a incontri con altre professioni (Podologi,...), pronto a ospitare altre professionalitá ( Farmacisti,...) e che ha con forza chiesto alla Geriatria di allargare i propri orizzonti e che ha giá sollecitato alcuni link al comitato scientifico per il prossimo 10^ congresso che si terrá in Liguria.

Salvatore Putignano

RESPONSABILITA´ CIVILE PROFESSIONALE

La Insurance Gold Broker srl, societá incaricata dal Presidente Prof. Paolisso di effettuare una capillare ricerca di mercato, ha indicato una tra le piú convenienti soluzioni assicurative per quanto concerne la Responsabilitá Civile Professionale (copertura per colpa lieve e colpa grave). Nella consapevolezza delle notevoli responsabilitá che i medici assumono ogni giorno nello svolgimento della professione e anche in considerazione del numero sempre crescente di contenziosi civili, la SIGG ha ritenuto doveroso che i propri associati potessero usufruire, in quanto tali, di questa particolare attenzione e tutela.
Nella home page del sito SIGG é disponibile la modulistica, i premi e la scheda tecnica del prodotto offerto da TORUS agli associati, siano essi Medici Ospedalieri, Liberi Professionisti e Medici Specializzandi, per quest'ultimi é stato riservato uno sconto del 35% sui premi lordi annui indicati.
Per informazioni piú dettagliate:
Dott.ssa Luana Pepe (luana.pepe@igbsrl.it; mobile: +39 393 68 24 056)
Insurance Gold Broker S.r.l.
Sede Operativa: Piazza Sette Settembre, 28 - 80134 Napoli
Tel. 081 7901273 Fax 081 4970153
Sede Legale: Piazza Prati degli Stozzi, 26 - 00195 Roma
Tel./Fax 06 39754854 La convenzione é riservata esclusivamente ai Soci SIGG in regola con la quota di iscrizione.

NOTIZIE DALLE SEZIONI REGIONALI SIGG

PUGLIA-BASILICATA
19-20 Settembre 2013
Congresso Regionale sezione Apulo-Lucana
IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza, San Giovanni Rotondo
Dott. Antonio Greco (Presidente Sez. Regionale) e-mail a.greco@operapadrepio.it

RICERCA PERSONALE MEDICO

ANZANO DEL PARCO (Como)
L'Istituto di Riabilitazione S Stefano Casa di Cura Villa San Giuseppe, struttura riabilitativa ad Anzano del Parco in Provincia di Como, ricerca 1 medico specialista in geriatria per inserimento in attivitá di reparto.
Per informazioni contattare il n 031 6340 534 o inviare una e mail a segreteria.direzione@villasnagiuseppecdc.it

INGHILTERRA
Geriatrics job opportunities for 8 Consultants in Geriatrics at well-known, NHS (State) University and Teaching Hospitals across the UK. A sub-speciality interest in orthogeriatrics and/or falls is required. The post holder will develop and enhance the orthogeriatric service with an aim to achieve best practice for fractured neck of femur and primary hip and knee replacement and excellence in patient care. This post will allow daily medical input and enable peri-operative review of all elderly trauma and higher risk elective patients (in line with blue book & NCEPOD recommendations) and will have the opportunity to develop an integrated Falls Service. The salary for these posts is 74000 - 101000 per year and the hours are 37 hours per week. The initial contract is for 1 year with an opportunity for a permanent post after this period.
On a weekly basis the post holder will conduct a joint MDT meeting.
Other general requirements:

  1. To carry out teaching duties as required, and to take an active part in the Postgraduate Medical Education programme. The appointee will be specifically responsible for teaching Specialist Registrars on the local rotation as well as other junior doctors, medical students from nearby Medical Schools, and would also be expected to take part in the education programme of nursing staff, Allied Health Professionals and General Practitioners.
  2. To take part in the Team, Department, District, Regional and National Audit programmes
  3. To provide mentoring and supervision to non-medical advanced practitioners
  4. To be involved in research where appropriate.
  5. To actively participate in the operational, day to day, management of orthogeriatric services in the Trust.
  6. To lead and participate in future orthogeriatric service developments in areas such as bone health, falls prevention, rapid access and implementation of best practice in line with national guidelines.

For information:
Emma Keeler - Head of International Resourcing
GlobalMediRec
Tel:+44 203 2392699
Mob: + 44 7881 590203
email: emmakeeler@globalmedirec.com
GlobalMediRec services are FREE of charge for all doctors

GERMANIA
Ufficio di ricerca personale con sede a Stoccarda cerca medici geriatrici per ospedali e cliniche in Germania.
Si richiede la conoscenza della lingua tedesca (livello B2) scritta e parlata. Nessuna spesa di commissione. Per maggiori informazioni visitate il nostro sito: http://www.lpmed.de.
Persona di riferimento: Sig.ra Del Puppo Giovanna - tel.: 0049 7023 2487.

CONGRESSI E CONVEGNI

13° CONGRESSO NAZIONALE AIP
Gardone Riviera, 18-20 aprile 2013
www.psicogeriatria.it - aip@promoleader.com

20th IAGG WORLD CONGRESS
DIGITAL AGEING: A NEW HORIZON FOR HEALTH CARE AND ACTIVE AGEING

Seoul Korea, June 23rd - 27th, 2013
seoul@iagg2013.org - www.iagg2013.org

58° CONGRESSO NAZIONALE SIGG
Torino, 27-30 novembre 2013

14° CORSO INFERMIERI
Torino, 28-29 novembre 2013
Segreteria Scientifica: SIGG
Via G.C. Vanini 5 - 50129 Firenze
Tel: 055474330 - Fax: 055461217 - sigg@sigg.it - www.sigg.it
Segreteria Organizzativa: PLS Educational - Gruppo GEM
Via della Mattonaia, 17 - 50121 Firenze
Tel. 055 24621 Fax. 055 2462270 - sigg@promoleader.com